Riposi settimanali al volante: mentre l’Europa va al voto i conducenti vanno in piazza a protestare

Uno sciopero nazionale di 24 ore indetto per il14 gennaio, in concomitanza con la seduta del Parlamento europeo chiamato a votare la parte del Pacchetto mobilità relativa alla riforma dell’autotrasporto e in particolare alcune modifiche , sui termini del riposo settimanale regolare. Continua a leggere

L’idea dell’Unione europea: tassare i Tir per il rumore e l’inquinamento

Un’altra tassa sta per piombare sul mondo dell’autotrasporto. Oggi, la commissione Trasporti del Parlamento europeo ha infatti adottato un compromesso per tassare i camion con un peso superiore alle 3,5 tonnellate per i rumori e l’inquinamento prodotto lungo i grandi assi viari dell’Unione europea. Il compromesso sulla cosiddetta “eurovignetta”, secondo quanto rende noto il gruppo dei Socialisti e democratici del Parlamento, apre ora la strada al negoziato tra il Parlamento e il Consiglio Ue per trovare un accordo che consenta di evitare la procedura di conciliazione. Continua a leggere

Multe commesse dagli stranieri, c’è un accordo europeo per punirli

Il Consiglio dell’Unione Europea ha adottato un provvedimento per facilitare lo scambio transfrontaliero di informazioni sui reati relativi al Codice della Strada dei vari Paesi. Un provvedimento che si pone l’obiettivo di migliorare la sicurezza stradale e garantire parità di trattamento tra i conducenti europei, indipendentemente dal loro Paese di  residenza. La posizione del Consiglio verrà ora trasmessa al Parlamento europeo per il passaggio successivo. Durante la riunione dello scorso dicembre i ministri dei Trasporti dei Paesi membri avevano già raggiunto un primo accordo. 
 Continua a leggere

Nuovi limiti di CO2 per i veicoli commerciali leggeri: tutti scontenti

Il Parlamento europeo ha approvato martedì un progetto di regolamento che definisce i livelli di emissioni di CO2 consentiti per i veicoli commerciali leggeri, imponendo di ridurle a 147 grammi a chilometro entro il 2020 in tutta l’Unione europea. Gli eurodeputati hanno accolto il compromesso raggiunto tra i 27 stati membri secondo cui la media delle emissioni dei veicoli utilitari dovrà passare da 200 a 175g di CO2 al km tra il 2014 e il 2017, per arrivare al traguardo dei 147g/km nel 2020. In caso il limite venga superato di più di tre grammi, scatteranno multe di 95 euro per grammo a partire dal 2019. Continua a leggere

Entreranno in vigore dal 2013
i diritti per i passeggeri dei bus

Il Parlamento europeo ha approvato con 504 voti a favore, 63 contrari e 89 astenuti il nuovo regolamento che rafforza i diritti dei passeggeri che scelgono bus e pullman per viaggiare. “Un accordo molto importante per il trasporto e il turismo, che rispecchia un equilibrio strategico”, ha detto il relatore, l’italiano Antonio Cancian del Ppe (nella foto). “Rispetta le Pmi e facilita la vita delle persone invalide”. Il nuovo regolamento entrerà in vigore dalla primavera del 2013 e coprirà tutti i servizi regolari, sia nazionali sia transfrontalieri, per le distanze oltre i 250 chilometri. Continua a leggere

L’ultima provocazione del boss
di Ryanair: “Eliminiamo un pilota”

Il boss della Ryanair, Michael O’Leary, è famoso per aver fatto scendere drasticamente i prezzi dei voli aerei e per alcune idee che hanno storcere il naso a molti. Come quella di far volare i passeggeri in piedi o di far pagare per usare le toilette, per esempio. Idee che non sono niente in confronto all’ultima trovata: “Perché mai un aereo deve avere due piloti? Ne basta uno. Facciamo fuori il co-pilota e lasciamo che sia quel cavolo di computer di bordo a pilotarlo”, ha detto O’Leary a Bloomberg Businessweek. Nessun problema nemmeno nel caso in cui l’unico pilota a bordo avesse un malore perché, come spiega O’Leary, “una hostess prenderebbe i comandi, almeno un’assistente di volo Ryanair verrebbe addestrata su come far atterrare un aereo”. Continua a leggere

Treni e aerei, al via una campagna
per i diritti dei passeggeri

I passeggeri degli aerei e dei treni hanno dei diritti. E, proprio alla vigilia delle vacanze estive, la Commissione europea ha deciso di lanciare una campagna pubblicitaria per farli conoscere a tutti. Attraverso poster, brochure e informazioni online, Bruxelles – che ha stanziato un milione di euro per due anni – vuole spiegare ai passeggeri cosa fare in caso di ritardi o annullamento del viaggio, oppure di smarrimento o deterioramento del bagaglio. Continua a leggere

Da Strasburgo l’ok al regolamento ferroviario merci. Esulta il Pd

“Abbiamo conquistato un voto decisivo per lo sviluppo di un sistema europeo dei trasporti efficiente e sostenibile, fondamentale per l’Italia e in particolare per le infrastrutture del nord-est”. Con queste parole l’europarlamentare del Pd, Debora Serracchiani, membro della commissione Trasporti e Turismo del Parlamento Europeo ha commentato l’approvazione a larga maggioranza in assemblea plenaria a Strasburgo del regolamento relativo alla “Rete ferroviaria europea per un trasporto merci competitivo”. Continua a leggere

Regole uguali in tutta Europa
per dipendenti e padroncini

“Regole uguali per tutti è sinonimo di sicurezza, legalità e corretta integrazione. Il voto di oggi è quindi una conferma che la sicurezza stradale rimane un interesse primario che non può essere messo in discussione lasciando a ogni Stato membro l’autonomia normativa”. Con queste parole l’onorevole Licia Ronzulli (EPP-PDL) commenta il risultato del voto da parte del Parlamento Europeo sulla proposta di direttiva riguardante l’organizzazione dell’orario di lavoro delle persone che effettuano operazioni mobili di autotrasporto. Continua a leggere

Ecco le priorità di Moretti per
il trasporto ferroviario in Europa

L’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato e presidente delle Ferrovie Europee (Cer), Mauro Moretti è intervenuto, settimana scorsa, in un convegno organizzato proprio dal Cer a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo. Finanziare le infrastrutture ferroviarie per promuovere il treno come mezzo di trasporto più popolare e meno inquinante, corrispettivi per il servizio universale adeguati e omogenei tra i vari Paesi dell’Unione europea, creazione di un effettivo mercato unico ferroviario europeo, senza barriere e con stringenti clausole di reciprocità. Sono questi i tre punti lanciati da Mauro Moretti. Continua a leggere