Una montagna di scartoffie per poter fare un trasporto. Così la burocrazia uccide chi lavora

I Tir una volta servivano per trasportare le merci. Avanti di questo passo il rischio è che almeno una parte del rimorchio debba essere destinata a trasportare le scartoffie che una burocrazia sempre più becera e insopportabile impone come “sovraccarico” di lavoro a chi si occupa di trasporti. Guardare, per credere, l’impressionante pila di documenti che il titolare di un’impresa si è visto costretto a predisporre (e conservare per esibire in caso di controlli) per effettuare una serie di trasporti. O meglio, di trasporti eccezionali, attività già complessa di per sé, ma che dopo il crollo del cavalcavia di Annone Brianza, in provincia di Lecco (dove a fine ottobre scorso la struttura ha ceduto di colpo mentre transitava un Tir carico di bobine uccidendo una persona e ferendone sei) è diventato quasi impossibile. Non certo per colpa degli operatori del settore ma della macchina burocratica che, non contenta di rappresentare un cancro per l’economia e lo sviluppo del Paese, ha deciso di fermarsi. Provocando un’autentica metastasi.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Viabilità nelle zone terremotate, Autostrade sistemerà 30 chilometri di strade locali

Autostrade per l’Italia sistemerà circa 30 chilometri di strade locali rese inagibili dal terremoto. Nei giorni scorsi è stato infatti siglato il protocollo di intesa tra i sindaci dei Comuni di Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera, il presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari, e Autostrade per l’Italia, in base al quale la società realizzerà, a proprio carico, gli interventi di ripristino della viabilità ordinaria per oltre 30 chilometri di strade locali. “Con questa iniziativa”, ha spiegato l’amministratore delegato di Atlantia e Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, “vogliamo fornire il nostro contributo alle popolazioni colpite dal sisma e non abbandonare un territorio che è patrimonio di tutto il Paese”.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Guidare un Tir ubriachi è un reato da punire con durezza. Ma va scoperto anche il “mandante”

Un autista ubriaco semina il panico in autostrada guidando il suo Tir a zig zag? Chi ha affidato a quell’autista l’incarico di trasportare le merci e perché? Magari solo perché costava pochissimo? È quanto esige di sapere il presidente di Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio Paolo Uggè che ha chiesto la massima severità per quanto accaduto lungo l’autostrada A1, in provincia di Firenze, dove un Tir ha percorso una ventina di chilometri passando continuamente da una corsia di marcia all’altra prima d’essere bloccato da una pattuglia della polizia stradale all’altezza dell’uscita di Valdarno. Solo qui l’autista, originario dell’Ucraina, talmente ubriaco da non reggersi in piedi, è stato costretto a fermare il pesante mezzo e a scendere dalla cabina di guida dove sono state trovate diverse bottiglie di alcolici vuote. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Venezia torna protagonista nel commercio via mare. Indicherà le rotte dei trasporti in Europa

Venezia di nuovo regina dei commerci via mare? Difficile immaginare che la città dei dogi possa mai tornare un giorno ai fasti dei tempi delle Repubbliche marinare, ma di certo un possibile ruolo da protagonista nello sviluppo del commercio via mare del terzo millennio se l’è prenotato risultando al primo posto nel progetto europeo TalkNET – Transport andLogistics Stakeholders Network, il cui obiettivo è di sviluppare azioni a supporto dell’attivazione di nuovi servizi intermodali o il potenziamento degli esistenti da e per le regioni del centro Europa. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Dopo l’amore un bacio. Moby Love cede il posto a Moby Kiss nei traghetti in servizio per l’Elba

Dopo l’amore, un bacio. A  partire dal 24 marzo Moby Kiss sostituirà infatti Moby Love sulla tratta Piombino – Portoferraio, stabilendo, come scrive il portale www.mareonline.it, un primato prima ancora di mollare gli ormeggi per la sua prima traversata: la nave, lunga 117,5 metri, larga 20,5 e con una stazza lorda di 11.900 tonnellate, spinta da quattro motori a una velocità fino a 18 nodi, sarà infatti la prima a imbarcare fino a  400 auto e 1540 passeggeri a disposizione dei quali ci sono sala poltrone e area giochi per bambini con videogames, bar con caffetteria e paninoteca, ristorante e self-service, gelateria e aree apposite destinate agli animali domestici. Il tutto frutto di un importante lavoro di refitting affidato al Gruppo Palumbo e durato diversi mesi.. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Taxi e Ncc, presentato il decreto per togliere dalla strada gli abusivi: ecco i dettagli

Taxi fermi in varie città d’Italia per l’annunciato sciopero dei tassisti, che hanno deciso di proseguire la protesta anche dopo l’incontro di ieri al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel quale è stato presentato alle associazioni del settore la bozza dello schema di decreto interministeriale concertato con il Ministero dello Sviluppo economico che contiene, si legge in una nota del Mit, misure “tese ad impedire pratiche di esercizio abusivo del servizio taxi e del servizio noleggio con conducente o, comunque, non rispondenti ai principi ordinamentali che regolano la materia”. Dopo l’incontro le associazioni si sono riservate di presentare osservazioni entro dieci giorni. Ma è caos sullo sciopero. A Genova, per esempio, le associazioni locali hanno deciso di non fermarsi.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

UberPop resta fuorilegge, lo ha stabilito il Tribunale di Torino: “Vietato in tutta Italia”

UberPop resta fuorilegge. Lo hanno stabilito i giudici della prima sezione civile del Tribunale di Torino che hanno giudicato “concorrenza sleale” l’attività svolta da Uber con i “drivers reclutati attraverso il servizio già denominato ‘UberPop’ (o altro equivalente, comunque denominato)”. Il tribunale, si legge nella sentenza, ha inibito al gruppo statunitense “l’utilizzazione sul territorio nazionale dell’app denominata ‘UberPop’ e, comunque, la prestazione di un servizio – comunque denominato e con qualsiasi mezzo promosso e diffuso – che organizzi, diffonda e promuova da parte di soggetti privi di autorizzazione amministrativa e/o di licenza un trasporto terzi dietro corrispettivo su richiesta del trasportato, in modo non continuativo o periodico, su itinerari e secondo orari stabiliti di volta in volta”.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lombardia, il settore trasporti vale 40 miliardi l’anno. Imprese stabili, aumentano gli addetti

Ventottomila imprese, 236mila addetti, 40 miliardi di fatturato. Sono i numeri del settore trasporti in Lombardia. Secondo i dati, relativi al 2016 e resi noti dalla Camera di Commercio di Milano, la Lombardia rappresenta un quinto del settore a livello nazionale. Rispetto al 2015, resta stabile il numero delle aziende, ma crescono del 3 per cento (6mila) gli addetti.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Internazionali di tennis, il servizio vincente è delle Frecce: treno scontato per il Foro Italico

Chi andrà a vedere gli Internazionali d’Italia di tennis in programma dal 13 al 21 maggio 2017 al Foro Italico di Roma potrà viaggiare in treno con uno sconto del 30 per cento. Un “servizio vincente”, l’ha definito Trenitalia richiamando un’espressione tipica del tennis. Chi è in possesso di un biglietto per il torneo, potrà infatti usufruire dell’offerta “Internazionali Bnl d’Italia”, che prevede una riduzione del 30 per cento sul prezzo base dei treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca di andata e/o ritorno per/da Roma.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Sciopero dei taxi, il Governo rimanda la protesta al mittente: “Abbiamo rispettato gli impegni”

Non vedo alcuna giustificazione allo sciopero dei taxi in programma domani. Lo ha detto a Rtl 102.5 il viceministro alle Infrastrutture e Trasporti, Riccardo Nencini. La protesta, ha spiegato, “avrebbe avuto solidità se il Governo non avesse rispettato i propri impegni, che invece sono stati rispettati per intero”. Ventotto giorni fa, ha detto il viceministro, il governo si era impegnato a presentare un testo definitivo entro un mese. Oggi è in programma “una riunione con varie associazioni rappresentative del mondo dei taxi e presentiamo un decreto interministeriale, da discutere al tavolo: non è una proposta chiusa”.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page