Autotrasporto, cambiano i ministri ma non la loro abitudine a “non vedere” il marcio che c’è

A lanciare il sasso nello stagno è stato il vicepresidente di Conftrasporto e Confcommercio, Paolo Uggè, che letta la notizia di un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza a Lodi, dove i titolari di un’azienda di autotrasporti avrebbero sfruttato i propri dipendenti costringendoli a ritmi di lavoro massacranti senza giorni di ferie e a dormire in brandine di fortuna all’interno della ditta o in cabina, pagando per di più per quel “servizio”, ha chiesto che a chi compie simili reati venga impedito di guidare un’azienda. In pratica che venga sequestrata loro per sempre la “patente per lavorare nel settore”.  Continua a leggere

Rimorchi e semirimorchi, vendite a picco. Unrae: “A rischio lavoro ma anche sicurezza”

Hanno una massa totale a terra superiore a 3,5 tonnellate ma a terra hanno soprattutto le vendite: sono i rimorchi e i semirimorchi, mezzi pesanti che nel mese di marzo 2020 hanno fatto registrare un crollo del 70,2 per cento rispetto ad aprile 2019 nelle vendite, con 602 unità immatricolate rispetto alle 2.019 di un anno fa. Numeri paurosamente “sgonfiati” così come del resto anche quelli del consolidato del primo quadrimestre 2020 che ha fatto registrare un meno 48,2 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019 (3.409 unità contro 6.586). Praticamente la metà. Continua a leggere

“Concessioni autostradali, tutto da rifare. E sarà rifatto prima di consegnare il Ponte di Genova”

Il sistema delle concessioni autostradali va modificato, revocando quelle attuali e attuando un nuovo sistema che funzioni, che non metta a rischio alcun posto di lavoro, che garantisca il funzionamento dell’infrastruttura. Un nuovo sistema già sul tavolo. Così parlò il viceministro delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, che ai microfoni di “Radio Anch’io” in onda su Radio 1, parlando del “caso Autostrade per l’Italia, e dopo aver ricordato che “queste strade sono percorse da tantissimi cittadini ogni giorno per lavoro” ha annunciato che “in settimana il Governo comincerà a chiudere le prime partite. Continua a leggere

Aretè: “Leasing e noleggio a lungo termine, chi potrà cambiare auto lo farà così”

Per gli acquisti di nuove auto, complice la crisi economica, gli italiani sono sempre più propensi a servirsi di finanziamenti e nuove formule come il noleggio a lungo termine. E solo un italiano su tre è disposto ad acquistare la vettura in contanti. Lo rivela il sondaggio mensile “Come cambiano le tue abitudini”, condotto a cavallo tra i mesi di aprile e maggio da Areté, azienda di consulenza strategica, per fotografare i cambiamenti in atto nel mondo della mobilità, che rivela anche come nel processo d’acquisto, Continua a leggere

I mezzi pubblici ora fanno paura? Sette italiani su 10 nel dopo Covid-19 ripartiranno solo in auto

L’emergenza Coronavirus dopo aver “ripulito” l’aria delle città riducendo il traffico e dunque l’inquinamento, ci lascerà in eredità un futuro invece ”avvelenato” da fiumi di gas di scarico e polveri? Il sospetto appare più che giustificato leggendo i risultati del sondaggio mensile “Come cambiano le tue abitudini”, condotta a cavallo tra i mesi di aprile e maggio da Areté (azienda leader nella consulenza strategica fondata da Massimo Ghenzer) per fotografare i cambiamenti in atto nel mondo della mobilità. Un sondaggio che rivela come sette italiani su 10, superata l’emergenza Covid-19, utilizzeranno l’auto per i propri spostamenti, mentre solo il 10 per cento tornerà a servirsi dei mezzi pubblici. Frutto di una paura d’essere contagiati, Continua a leggere

L’ora della verità per Autostrade per l’Italia. Vertice di Governo in corso sul caso concessioni

Sta per scoccare l’ora della verità peril “caso Autostrade per l’Italia”. È iniziato infatti, in videoconferenza, un vertice di Governo, al quale partecipano il premier Giuseppe Conte, i ministri delle infrastrutture e trasporti Paola De Micheli e dell’economia Roberto Gualtieri, e i capi delegazione della maggioranza Dario Franceschini, Alfonso Bonafede, Roberto Speranza e Teresa Bellanova, per analizzare il dossier predisposto dal ministra delle Infrastrutture e dei trasporti.

Autotrasporto, arriva la “salita” più dura. E senza un rifornimento liquido tanti non ce la faranno

Superata la fase più drammatica dell’epidemia da Covid 19 (con la speranza di non doverla mai più rivivere per colpa di qualcuno che sembra non essersi accorto della strage di contagiati morti nel modo più orribile, senza aria come gli annegati, e delle decine di migliaia di sopravvissuti a un’esperienza che segnerà la loro esistenza per sempre), l’Italia ora deve prepararsi a sorpassare un’altra emergenza: quella economica del “dopo Covid. Un nuovo “sentiero di guerra” da percorrere nella consapevolezza che “nella cabina di guida del Paese” non potranno certo avvenire le capriole di qualche politico-politicante che cerca disperatamente di mantenere l’attenzione su di sé, ma che dovranno invece essere adottate soluzioni adeguate. Soluzioni di ampio respiro che il Paese chiede a gran voce vengano affidate a persone di cui ha davvero fiducia. Non un unico leader Continua a leggere

Il virus viaggia in auto? Ci sono carrozzerie che insieme ai danni “riparano” anche questo rischio

Perfino ritirare l’auto dal carrozziere che ha riparato una “botta” (o ha sostituito un vetro rotto….) può “spaventare” ai tempi del Coronavirus. E non certo per il conto (per quello era stato fatto un preventivo…..), ma per l’eventualità che chi ci “ha messo le mani” possa aver “fatto viaggiare” all’interno dell’abitacolo o sulla carrozzeria il virus. Un timore che i centri Carglass hanno deciso di cancellare, insieme ai danni di un incidente, fornendo un trattamento di sanificazione all’ozono e la pulizia di trenta “punti sensibili” con i quali si viene più facilmente in contatto dentro e fuori l’auto (dalle maniglie al montante delle portiere, dall’apertura del bagagliaio allo specchietto retrovisore, dalla leva del cambio al freno a mano), individuati come a rischio dai responsabili del centro di sviluppo Belron Technical. Continua a leggere

Passaporto sanitario per le isole: il Liguria dovrebbero farlo ogni giorno 6000 camionisti?

“La proposta avanzata da Sardegna e Sicilia di introdurre un passaporto sanitario per certificare la negatività da Coronavirus per chi arriva da fuori regione è impossibile. Basta un dato a dimostrarlo: la Liguria, solo come traffico merci, ha 5-6 mila autotrasportatori al giorno in viaggio nei suoi confini”. Ad affermarlo “affondando” il progetto passaporti sanitari che ha per di più definito inutili, è il governatore ligure e vice presidente della Conferenza delle Regioni, Giovanni Toti, che ospite a “Coffee break” sull’emittente televisiva La7, Continua a leggere

Incentivi per sostituire i vecchi camion: le scadenze di giugno sono state spostate a ottobre

Il ministero dei Trasporti ha deciso di prorogare il termine delle scadenze fissate dal decreto “Investimenti 2019”, che metteva 25 milioni di euro a disposizione delle imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi attive sul territorio italiano, regolarmente iscritte al Ren e all’Albo, per l’adeguamento tecnologico del parco veicolare e per l’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale. Il termine in scadenza il 1° giugno è stato prorogato al 1° ottobre 2020 mentre il termine del 15 giugno al 15 ottobre 2020. Continua a leggere