Pacchetto mobilità, Europa più divisa che mai. Su tempi di guida e salari vince l’interesse nazionale

Semaforo rosso dal Parlamento europeo sul pacchetto mobilità, “fermato” in Commissione trasporti dove  gli eurodeputati, con i gruppi politici spaccati su divisioni nazionali, hanno adottato solo uno dei tre punti principali del pacchetto (quello sul cabotaggio, che fissa operazioni limitate nel tempo per gli autotrasportatori con un periodo di riposo dei camion), bloccando invece quello sui tempi di guida, che limita la possibilità di riposo in cabina, e quello che chiede di allineare il salario dell’autotrasportatore agli standard del Paese in cui opera. Continua a leggere

Brennero, frenano i Tir. Negli ultimi 5 mesi del 2018 sempre meno mezzi pesanti al valico

Un avvio a tutta velocità e poi un forte rallentamento negli ultimi 5 mesi: è questa la fotografia del traffico pesante al Brennero nel 2018 che ha visto nei primi mesi dell’anno una crescita addirittura a doppia cifra (con una punta massima a gennaio addirittura del 21per cento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), per poi far registrare il segno negativo a partire da agosto, con un -4,8 per cento a settembre e un – 2,8 per cento a dicembre. Continua a leggere

Riposi settimanali al volante: mentre l’Europa va al voto i conducenti vanno in piazza a protestare

Uno sciopero nazionale di 24 ore indetto per il14 gennaio, in concomitanza con la seduta del Parlamento europeo chiamato a votare la parte del Pacchetto mobilità relativa alla riforma dell’autotrasporto e in particolare alcune modifiche , sui termini del riposo settimanale regolare. Continua a leggere

Multa record per il camionista che falsificava le ore di guida: 70mila euro e divieto di guidare

535mila corone danesi, equivalgono a 71.676 euro ma soprattutto rappresentano una multa da record:quella inflitta a un camionista sorpreso dalla polizia danese a utilizzare un congegno elettronico che falsificava le rilevazioni del cronotachigrafo della bisarca slovena che stava guidando. Una multa resa ancor più salata dal fermo del veicolo fino a completo pagamento e,soprattutto dalla “condanna” a non guidare più sulle strade danesi. Continua a leggere

Anno nuovo strade nuove. Con la speranza che l’Italia possa percorrerle unita per crescere

Il problema dei noleggiatori di auto con conducente che stanno rischiando di chiudere la propria attività, e le misure che dovrebbero essere inserite nella legge finanziaria per il settore del trasporto sono le questioni calde per l’inizio del nuovo anno. Parola di Paolo Uggè, vicepresidente di Conftrasporto e Confcommercio che nel suo “bilancio di fine anno” pubblicato on line sul sito conftrasporto.it ha definito in particolare la situazione dei noleggiatori “particolarmente delicata”, mettendo in guardia dalle facili promesse di chi “senza tener conto della realtà rischia di non tutelare gli operatori rappresentati” sostenendo che in pochi giorni si potrà raggiungere la riforma del settore. Continua a leggere

Infrastrutture per far crescere un Paese. La Cina dà l’esempio costruendo 180 hub logistici

Leggere e informarsi aiuta spessissimo a capire. Per chi (dai semplici cittadini ai presunti esperti fino agli uomini di Governo…) non ha mai ben capito il ruolo delle infrastrutture (strade e ferrovie, porti e aeroporti…) dalla Cina arriva una notizia da leggere: è quella che riguarda il nuovo programma elaborato dal ministero dei Trasporti cinese e dalla National development and reform commission che prevede la costruzione, entro il 2025, di 180 hub logistici in tutto il Paese, 30 dei quali saranno operativi già entro due anni. Un progetto per potenziare la rete e ridurre i costi della filiera logistica, portandoli al 12 per cento del prodotto interno lordo contro il 14,5 per cento registrato nel 2017. Continua a leggere

Tav bocciata all’esame costi-benefici? Se non è economicamente sostenibile sarà cancellata?

Il progetto per la Tav sta per deragliare? L’ipotesi è tutt’altro che da escludere a giudicare dai risultati dell’analisi costi-benefici commissionata dal governo per valutare la  nuova linea ferroviaria Torino-Lione e  che avrebbe giudicato il progetto economicamente non sostenibile. Continua a leggere

Alt ai Tir di sabato per dare la precedenza agli sciatori: l’Austria inventa un nuovo limite

Le colonne di Tir che il sabato formano code sull’asse del Brennero e sull’autostrada dell’Inntal sono un ostacolo per le auto degli sciatorie e più in generale dei turisti diretti verso le località turistiche invernali: meglio fermarli. Cosa che l’Austria si appresta a fare, inventando un nuovo limite per il transito dei veicoli merci sul suo territorio, dopo i divieti settoriali, quelli notturni e festivi e dopo aver fissato un numero massimo di veicoli in transito in un’ora in alcuni giorni dell’anno. Continua a leggere

Tir a idrogeno, Scania è pronta a sperimentare sulle strade i primi cinque esemplari

Le strade che portano a un futuro meno inquinato non sono certo infinite ma sono comunque diverse. Una di queste porta a un futuro in cuisull’asfalto potranno viaggiare sempre più mezzi pesanti alimentati a idrogeno. Una “strada” imboccata da Scania che, fra le differenti soluzioni per ridurre o addirittura eliminare le emissioni di CO2 prodotte dai veicoli industriali ha deciso di sperimentare anche un autocarro a trazione elettrica alimentato a idrogeno. Una sperimentazione giunta a uno studio avanzatissimo visto che è pronta a scendere in strada con cinque mezzi: i primi quattro esemplari, in grado di assicurare un’autonomia di 500 chilometri, stanno infatti per essere consegnati alla Asko, società norvegese specializzata nella vendita di prodotti alimentari, per essere “testati”, mentre un quinto esemplare, realizzato in collaborazione con la Swedish Energy Agency e il Royal Institute of Technology e allestito come compattatore per rifiuti urbani, sarà consegnato alla svedese Renova tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. Continua a leggere