Scoppio di uno pneumatico, l’incubo di molti camionisti può svanire in un solo gonfiaggio

Quando gli è stato proposto di far salire la sua impresa di autotrasporto “a bordo” di un nuovo grande progetto mirato alla sicurezza stradale, non ci ha pensato un solo istante e ha chiesto immediatamente un incontro per capirne di più. E una volta analizzato, insieme con un giovane ingegnere di Siad, colosso mondiale per la produzione di gas industriali, il “progetto Securpneus”, ha detto subito sì. Perché gli è apparso chiarissimo che quella nuova miscela di gas tecnici a base di azoto per gonfiare gli pneumatici rappresentava davvero una nuova importantissima strada per contrastare il rischio d’incidenti. Riducendo ai minimi termini o addirittura cancellando completamente potenziali pericoli sempre presenti invece su mezzi con le gomme gonfiate “normalmente” con aria, legati a  possibili perdite di pressione, con la conseguenza di ridurre la tenuta di strada, ma anche a scoppi, particolarmente frequenti negli pneumatici dei camion come testimoniano tristemente le carcasse che capita di incrociare ai bordi di strade e autostrade.  Continua a leggere

L’esame per guidare i camion? “Io segretario nazionale laureato non riuscirei a superarlo”

“Io sono laureato ma se oggi dovessi sostenere l’esame per ottenere la Cqc, la Carta di qualificazione del conducente, confesso  che  con ogni probabilità verrei bocciato. E poi che senso ha che una persona che per guidare un mezzo per trasportare merci deve già sostenere l’esame per la patente C o E debba poi sostenere un altro esame: la Cqc va abolita”. Ad affermarlo, dal palco dell’aula congressi della sede romana di Confcommercio che ha ospitato il Convegno di Conftrasporto-Confcommercio intitolato “Le sfide per la crescita: il futuro dei trasporti e della logistica tra la svolta sostenibile e nuove tasse all’orizzonte è stato il segretario nazionale di Conftrasporto, Pasquale Russo, che per contrastare la carenza di nuovi giovani conducenti di mezzi pesanti si è anche detto favorevole a un “avvicinamento” alla professione di camionista dei giovani fin da subito dopo il conseguimento del diploma, a 19 anni, abbassando dunque la soglia dei 21 anni fissata come età minima in Italia per poter ottenere una patente di guida professionale. Continua a leggere

Tutte le strade portano a Roma, ma quelle della mobilità sostenibile passano da Verona

Oltre 200 espositori, 50mila visitatori, 100 momenti di confronto, 250 relatori provenienti da tutta Europa, tra i quali cinque ministri, quattro tra viceministri e sottosegretari, tre leader di partito, due presidenti di Regione, un vicepresidente della Camera e otto tra parlamentari italiani ed europei, mille studenti provenienti da 20 enti di formazione di tutta Italia, oltre a numerosissimi imprenditori, presidenti delle Autorità di Sistema portuale e rappresentanti di importanti associazioni e di autorevoli centri di formazione e ricerca: è stato questo il “bilancio” della prima edizione di LetExpo, evento  andato in scena dal 16 al 19 marzo 2022 che ha sancito una partnership vincente tra Alis e Veronafiere e che ha visto il trasporto e la logistica sostenibili protagonisti assoluti di uno straordinario appuntamento  fieristico. Continua a leggere

Adesso vogliono far pagare ai camionisti la manutenzione e la sicurezza delle strade

Superstrada Firenze-Pisa-Livorno   a pagamento per i camion che dal 2024 saranno chiamati a pagare il pedaggio a “Toscana Strade”, nuova società  che con i 14 milioni di euro d’incasso previsti si impegnerà  a occuparsi  della manutenzione ordinaria, straordinaria e delle opere di adeguamento in maniera più puntuale grazie alle nuove entrate. Non sono previsti caselli per  i mezzi pesanti,  ma  un sistema a flusso libero  con controllo satellitare delle entrate e cinque  portali localizzati lungo la superstrada. Una “novità” immediatamente e duramente contestata da  Michele Santoni, presidente di Cna Fita Toscana che ha annunciato una manifestazione di protesta con i mezzi pesanti che marceranno a passo di lumaca  sulla Fi-Pi-Li. Continua a leggere

Meno camion su strada, più sostenibilità. Ma la manovra dev’essere sostenuta economicamente

“Sappiamo che l’interesse di tutti è il maggior trasferimento possibile dalla strada alla ferrovia o alle autostrade del mare, sia per avere autostrade più libere dal traffico delle vetture, sia perché le modalità ferroviarie e marittime contribuiscono alla decarbonizzazione e alla riduzione di emissioni di Co2 ma sappiamo benissimo anche che   è importante che i rispettivi servizi offerti funzionino e abbiano un rapporto qualità-prezzo similare al tutto gomma, altrimenti il trasportatore che utilizza queste modalità non può essere competitivo”. Ad affermarlo, intervenendo in qualità di relatore, all’evento “Lo sviluppo infrastrutturale del Paese. Le scelte del mondo economico”, organizzato da Uniontrasporti e Unioncamere, è stato il  presidente di Anita  Thomas Baumgartner che ha definito il  rapporto qualità-prezzo dei servizi intermodali “ non ancora soddisfacente“ Continua a leggere

200 milioni di euro alle imprese di trasporto merci come “rimborso” per il caro gasolio

Duecento milioni  di euro, con le modalità di erogazione che verranno definite entro il 31 marzo 2023, data entro la quale è prevista la firma sul un decreto del ministero delle Infrastrutture e del ministero dell’Economia e delle finanze: è questa la somma  messa a disposizione dal Governo per  “rimborsare” alle imprese di autotrasporto merci una parte dei danni economici subiti per effetti del caro gasolio. Continua a leggere

La lotta contro l’inquinamento potrà costare anche 10mila euro per ogni camion

Fino a 1.500 euro all’anno per un furgone a gasolio, fino a 6mila euro per un veicolo pesante alimentato a Gnl e, addirittura, quasi 10mila euro per un veicolo pesante a gasolio di ultima generazione: tanto potrebbe costare alle imprese di autotrasporto italiane l’estensione al trasporto stradale del meccanismo di contrattazione delle emissioni Ets, grande “manovra antinquinamento” europea basata sul principio del “Cap and Trade”, sistema di controllo delle emissioni  che ha fissato un limite per  stabilire la quantità massima di Co2 che può essere prodotta con la possibilità per le imprese di  acquistare o vendere “quote d’inquinamento”  in base alle proprie esigenze. Un nuovo possibile  “sovraccarico di costi” Continua a leggere

Trasportounito: “Lo Stato deve dimostrare con i fatti che non vuole uccidere il nostro lavoro”

“Una struttura di mercato che sembra disegnata ad hoc per decretare la crisi finanziaria e quindi il fallimento delle aziende che tutt’oggi rappresentano, con una quota superiore all’80 per cento, la struttura portante del trasporto merci italiano”. E poi “soluzioni tampone inadeguate alla falla che ormai ha squarciato il sistema italiano dei trasporti a cui dire basta” e l’invito ad avviare  per l’autotrasporto merci “una riforma radicale che tenga conto dei processi di concentrazione in atto nel settore della logistica, e al tempo stesso, dei rischi che incombono su centinaia di imprese storiche dell’autotrasporto, strangolate da una normativa anacronistica”.  A “diagnosticare” i mali che stanno letteralmente uccidendo il mondo dell’autotrasporto italiano, giorno dopo giorno e  senza che nessuno intervenga con una “terapia d’urgenza” ma limitandosi a prescrivere terapie che fin troppe volte in passato si sono rivelate Continua a leggere

Stop fuorilegge al Made in Italy: è questa l’Europa unita che difende i diritti di chi ne fa parte?

I divieti al transito di camion italiani carichi di merci da esportare imposti dal Land austriaco del Tirolo non sono una manovra per tutelare l’ambiente come in molti da tempo tentano di far credere all’opinione pubblica: in realtà rappresentano una manovra (vietata) per “eliminare” la concorrenza delle imprese made in Italy. A denunciarlo a chiare lettere è un documento che i responsabili di Anita, Cna Fita,Confartigianato Trasporti, Conftrasporto e Uniontrasporti, società del sistema camerale italiano per questioni trasportistiche, hanno scritto e inviato  al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini per denunciare le continue e sistematiche violazioni del diritto europeo compiute a  Brennero da parte dell’Austria e per richiedere finalmente l’avvio di una procedura d’infrazione davanti alla Corte di giustizia dell’Unione europea.  Un documento nel quale si sottolinea come “Il Land austriaco del Tirol  da anni porti avanti una politica volta a limitare il transito di mezzi pesanti non tirolesi attraverso la propria regione”, attuando una “ politica selettiva che colpisce in particolar modo l’economia italiana, dal momento che dal Brennero transita oltre il 10 percento dell’intero import-export Continua a leggere

Migliaia d’imprese irregolari iscritte all’Albo degli autotrasportatori ma nessuno le “vede”?

Centinaia di inchieste della Guardia di finanza basteranno a far comprendere che il traffico di gasolio acquistato in Paesi esteri e venduto a prezzi più bassi evitando di pagare accise e Iva è un un fenomeno diffusissimo, un “maxi affare”,sottovalutato da troppi, per chi ha grossi capitali di denaro da riciclare ? La domanda sorge spontanea leggendo l’intervista rilasciata al “Corriere dell’Economia (clicca qui per leggere l’articolo integrale) da Cinzia Franchini, presidente dell’associazione di autotrasportatori Ruote Libere, da sempre in prima linea nel denunciare i tanti volti dell’illegalità nel mondo dell’autotrasporto. Con l’ultimo “affondo” proprio sul traffico di gasolio sottocosto proveniente dall’estero, “che ha trovato facile mercato in un periodo in cui il costo del carburante legale” è alle stelle. Continua a leggere

L’autotrasporto si è stancato d’aspettare: “Il Governo deve attuare gli accordi presi da mesi”

“I protocolli non vanno discussi, magari per mesi, e poi definiti e firmati solo per mettere un po’ d’inchiostro sulla carta e “dare un senso” a quei tavoli di lavoro, che costano tempo e denaro: gli accordi presi e sottoscritti devono trasformarsi in fatti concreti e rappresentare la conferma, per i cittadini, che lo Stato c’è, che ascolta i problemi di chi lavora, che condivide con loro le soluzioni e soprattutto che le applica. Il popolo dell’autotrasporto è in attesa che avvenga esattamente questo e, considerato che lo attende dal marzo scorso, si augura che accada al più presto”. Pensieri e parole di Giuseppe Cristinelli, presidente della Fai (Federazione autotrasportatori italiani) di Bergamo, Continua a leggere

Consegna delle merci, l’ultimo tratto del percorso è il primo per importanza contro l’inquinamento

Last mile deliver, ovvero la consegna delle merci nell’ultimo miglio, nei centri storici, nelle aree a più alto tasso di traffico: un “tratto decisivo”, ultimo di nome ma primo per importanza nel percorso verso la mobilità sostenibile, verso quella riduzione dell’inquinamento di cui il pianeta non può più fare a meno. Un tema attualissimo che non a caso è stato scelto per l’ultima “fermata” del Sustainable Tour 2022, l’evento a tappe dedicato alla mobilità sostenibile che dal 2019 è diventato la piattaforma ideale per il confronto tra i protagonisti della filiera del trasporto e della logistica. City logistic, l’elettrico entra in città, il titolo scelto per l’ultimo appuntamento dell’anno ospitato martedì 22 novembre nell’auditorium Sacbo a Grassobio, alle porte della città, con l’obiettivo di scoprire, Continua a leggere

Divieti di transito al Brennero, è partita l’azione legale davanti alla Corte di giustizia europea

C’è un tempo per attendere e uno per agire. E sul “caso Brennero”, con le  limitazioni al transito stradale di mezzi pesanti imposte dal Tirolo,  ufficialmente per motivazioni di tipo ambientale,  che hanno generato e continuano a generare  pesantissime ricadute economiche  per le imprese italiane, minando la competitività delle produzioni nazionali e della nostra economia, è arrivato il momento di agire. Cosa che hanno fatto  le associazioni dell’autotrasporto merci Anita, Fai e Fedit che, congiuntamente a Confindustria e ad alcune sue componenti associative particolarmente colpite dalle limitazioni, hanno depositato ufficialmente un ricorso presso la Corte di Giustizia dell’Unione europea  contro la Commissione europea sui divieti di transito al Brennero. Continua a leggere

Trasporto sostenibile avanzato, Amazon premia il “veloce” viaggio nel futuro di Fercam

Si scrive Fast, si legge, traducendo dall’inglese, veloce. Oppure Futuro trasporto sostenibile avanzato, traducendo questa volta il termine come sigla: quella di Future Advanced Sustainable Transportation, ovvero il vertice sulla sostenibilità di Amazon dedicato ad aziende leader, operatori e produttori di trasporti, ricercatori ed esperti provenienti da tutta Europa e oltre, che si è svolto a Berlino con un evento parallelo organizzato dall’altra parte dell’oceano, a Orlando, in Florida. Un evento (che dopo il successo della prima edizione virtuale si è tenuto in presenza, con 550 partecipanti a cui si sono uniti virtualmente altri 200 “ospiti” da tutta Europa e Nord America in quella che nel 1800 è stata la stazione ferroviaria della città tedesca e che oggi ospita un centro eventi) che ha visto grande protagonista Fercam, azienda nata a Bolzano nel 1949 come azienda di trasporto di merci su ferrovia e camion (Fer sta, appunto per ferrovia e Cam per camion) e capace di viaggiare nei decenni in mezzo mondo fino ad arrivare a essere presente, come operatore dei trasporti e della logistica multinazionale in 21 Paesi con oltre 100 filiali di proprietà. Continua a leggere

I soldi dell’azienda di autotrasporto? Venivano “scaricati” per spese personali

“Scaricavano” dai conti della propria società di autotrasporto importanti somme di denaro (complessivamente oltre 250mila euro) per usarli per spese personali senza utilizzarli, invece, per coprire debiti nei confronti dell’Erario e di enti previdenziali. Per questo tre amministratori di una società di autotrasporto  cdi Bolzano sono stati denunciati dagli agenti della Guardia di finanza con l’accusa di  bancarotta fraudolenta. Il denaro, hanno precisato gli inquirenti, sarebbe stato prelevato in contanti “per scopi extra aziendali,  quali versamenti in favore di una società riconducibile agli stessi soggetti, l’elargizione di denaro a propri familiari, l’acquisto di beni di prima necessità e il pagamento di soggiorni in strutture ricettive”. Continua a leggere