Quale auto del passato avete talmente amato da desiderare che venisse rimessa in produzione?

Viaggiare sulla macchina del tempo è impossibile? A volte no.  Per le case automobilistiche, per esempio,  è possibilissimo far tornare dal passato modelli di vetture usciti di produzione. Modelli che, sottoposti a un adeguato restiling, hanno avuto a volte successi straordinari, come nel caso della “Mini” o della Fiat 500. Ma quali sono le altre vetture scomparse dalle strade che gli italiani vorrebbero tornassero in produzione? A porre la domanda a milioni di italiani sono stati i responsabili di Facile.it, il portale italiano che mette a confronto le polizze assicurative auto, ottenendo praticamente un plebiscito: l’auto che dovrebbe tornare dal passato è la Lancia Delta Integrale, create nel 1988 come versione sportiva per i rally, complici i tanti successi ottenuti sugli sterrati di gara è entrata da subito nel cuore degli appassionati che, nonostante sia fuori produzione da quasi 25 anni, non l’hanno dimenticata. Alle spalle della sportiva, una sorpresa, visto che si tratta di un modello ormai relegato a poche fotografie ingiallite: la Fiat Topolino che, con il 15,68 per cento delle preferenze ha conquistato la medaglia d’argento, grazie alle preferenze accordate dal pubblico femminile che l’ha indicata addirittura  come prima scelta nel 29,73 per cento dei casi. Un’auto con una storia particolarissima alle spalle: la Topolino nacque infatti in seguito a un incontro svoltosi nel 1930 fra Benito Mussolini e il senatore e industriale dell’auto Giovanni Agnelli, nonno  omonimo dell’Avvocato, durante il quale  il Duce chiese ad Agnelli di produrre un’utilitaria economica, il cui prezzo non superasse le 5.000 lire, bollando come “inderogabile” la necessità di motorizzare gli italiani. L’idea era forte e persino Adolf Hitler, appena eletto, la copiò; questa volta lavorando con Ferdinand Porsche e dando vita al Maggiolino.  La Fiat Topolino fece il suo debutto ufficiale nel 1936, il prezzo a cui veniva venduto era di poco inferiore alle 9.000 lire, ma nonostante fosse ben più alto di quello cui si puntava in origine, riuscì comunque a sfondare e motorizzare gli italiani. Sul terzo gradino del podio, nella classifica di Facile.it,  un’altra auto di casa Fiat: la  Uno primo modello, quella prodotta fra il 1983 e il 1995 e destinata a sostituire la “leggendaria” Fiat 127 dopo aver “rischiato” di essere immessa sul mercato col marchio lancia.

Un modello presentato in una sede decisamente inusuale, Cape Canaveral, destinato a portare fortuna visto che le vendite sono realmente decollate e per molti anni è stata l’auto più venduta del mondo. Appena fuori dal podio, una delle automobili più longeve di sempre, la Citroën 2CV, prodotta ininterrottamente dal 1948 al 1990. Fra gli ulrasessantenni, infine, le più”amate” sono risultate la Fiat 127 e l’Alfa Romeo Alfasud  mentre per chi aveva (e continua ad avere) un budget a disposizione più elevato il sogno sarebbe quello di tornare a sedersi al volante di una  Lancia Thema.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

9 risposte a “Quale auto del passato avete talmente amato da desiderare che venisse rimessa in produzione?

  1. Lo “Squalo” Citroen!!!!!! E’ incredibile che la casa francese non abbia pensato di ridisegnare in chiave moderna il più bel modello che abbia mai fatto, una delle auto più belle dell’intera storia dell’industria automobilistica….

  2. Dire che la C6 è stato un tentativo di “rifare” lo Squalo mi sembra un azzardo. Provate a guardare le foto e ditemi cosa hanno in comune….Niente.

  3. Parlare di Citroen Squalo e di C6 è come parlare del giorno e della notte.la prima è stata un capolavoro dell’arte automobilistica, la seconda, sempre per restare in tema “artistico”, una “crosta”…

  4. E’ un sogno…. Con la Mini e la 500 sapevano gia’ del successo che avrebbero avuto !! Sono d’accordo per lo ” Squalo” .. Ma non lo rifaranno mai perche’ entra in un segmento dove ci sono delle icone insormontabili. Mentre per la Delta Integrale potrebbe avere il suo spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *