Autovelox, è giusto segnalarli? “No perché gli italiani subito dopo tornano ad accelerare…”

Autovelox, è giusto segnalarli? No, senza alcun dubbio, secondo Antonio Marco Dalla Pozza, assessore alla Mobilità, all’Urbanistica e all’Ambiente del Comune di Vicenza che, intervenendo sul settimanale 7 del Corriere della Sera ha affermato come “gli italiani non sono culturalmente pronti a rispettare i limiti del Codice della strada” e come “l’effetto deterrente finisce nel punto esatto in cui sono piazzati il dispositivo o la pattuglia della polizia”. Praticamente mettere dei cartelli a 400 metri di distanza dall’autovelox  equivarrebbe a dire, secondo Marco dalla Pozza, “Vai piano, ma appena hai superato il controllo puoi pure accelerare”.  Di parere completamente opposto la giornalista e conduttrice tv Myrta Merlino. Invitata a fare da “contraltare” nel duello d'”opinioni ” in merito alla direttiva del ministro Minniti, la giornalista  ha apprezzato la scelta dell’esponente del Governo ” di proporre uno Stato severo ma giusto”  in cui ” gli apparecchi per rilevare la velocità dovrebbero svolgere una funzione di deterrenza  e contribuire alla sicurezza stradale  e non ripianare i buchi di bilancio”. Un “sì” anche in questo caso senza se e senza ma, quello di Myrta Merlino, motivato dal fatto che “in caso contrario il cittadino potrebbe sentirsi addirittura giustificato a fregare a propria volta lo Stato: atteggiamento che rappresenta il dramma d’Italia”. Come frenare chi, appena superato l’autovelox torna a schiacciare sull’acceleratore? “Installando molti più autovelox”, suggerisce la giornalista. E voi, cosa ce pensate (lasciate un vostro commento…) 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

16 risposte a “Autovelox, è giusto segnalarli? “No perché gli italiani subito dopo tornano ad accelerare…”

  1. le regole, giuste o sbagliate, vanno rispettate quindi è assurdo segnalare il controllo di un divieto conosciuto.

  2. Il problema, oltre una certa indisciplina genetica e di amore per la velocità degli italiani, è che, o per convenienza (incassi multe) o per mancata manutenzione stradale o per lavarsi le mani in caso di incidente siamo pieni di divieti assurdi tipo 50 km/h in piena campagna o su superstrade a 2/3 corsie o per centri abitati fantasma di 1 casa. Maggiore rispetto delle regole (tutte) sarebbe comunque salutare ma le stesse regole (in questo caso limiti di velocità) devono essere adeguate alle reali condizioni delle strade e del potenziale pericolo invece la realtà consiste in limiti assurdi multe stratosferiche e controlli quasi zero.

    • Verissimo. Questi limiti assurdi sono anche difficili da rispettare e sono anche una perdita di tempo incredibile. Si allungano notevolmente (a volte raddoppiano) i tempi di percorrenza degli automobilisti sulle strade e quindi i rischi di incidenti.

  3. Sono d’accordo! Non ha senso segnalare un autovelox, anzi non devono essere segnalati affatto! L’automobilista rallenta solo nel punto o tratto stradale cui è posto l’autovelox, successivamente riprende a correre! Non devono essere segnalati altrimenti i trasgressori la faranno sempre franca!

  4. Occorre ricordare che gli autovelox furono proposti per prevenire incidenti su strade considerate a rischio (per il fondo sconnesso o altri pericoli). Da lì fu un susseguirsi di artifici perfino illegittimi che hanno consentito in particolare ai Comuni di ripianare i tristi bilanci (non precisando poi che ciò è dovuto alla scarsa efficienza dei dipendenti pubblici che amministrano i nostri soldini…). Inoltre, va ricordato, che i soldi provenienti dalle multe avrebbero dovuto essere spesi per miglioramento delle sedi stradali e in sicurezza. Da questo punto di vista, chi è il trasgressore? Se poi si fa il punto sulla disciplina stradale, quante pattuglie (PS, PM, CC, ecc.) si vedono in giro? Se ciascuno facesse il proprio dovere sono convinto che quei pochi farabutti che usano le auto come missili, e che mettono a repentaglio non solo la loro vita, avrebbero i minuti contati. Invece, in questo modo, tanti possono “lavarsi le mani” dalle responsabilità che oramai nessuno vuole più in nessun campo…(però vogliono gli stipendi mensili a 4 zeri…). Caro Assessore, occorre una sana riflessione in merito.

  5. Se non venissero segnalati in anticipo si rischierebbero incidenti a causa di automobilisti che vedendo all’ultimo il velox farebbero frenate senza nessun preavviso. E non dite che esiste la distanza di sicurezza perché molte volte viene sottostimata e anche a causa di piccolissime distrazioni (vedi incidenti a catena). Perciò vediamo di evitare incidenti inutili.

  6. Ma non ci sembra che i limiti siano troppo eccessivi proprio x poterli superare xche a volte andare a velocità serve anche a fare un sorpasso. ……a me sembra solo x togliere soldi…..come fare macchine ad alte velocità x andarci dove? ????certo cche di matti in giro ce ne sonotanti quindi la a prima verifica e ‘ quella di constatare la sobrietà di ognuno…..alcool droga sonno scarsa concentrazione….

  7. Rispettare le regole è corretto , da parte di tutti non solo di chi guida ma anche da parte di che le fa le regole…. io le rispetto guidando su strade da ANNI piene di buche senza righe di delimitazione con spazzatura ovunque e cartelli segnaletici obsoleti… non esistono “autovelox” per chi dovrebbe come REGOLA mantenere le strade per la MIA sicurezza ????!?!?? E’ ovvio che non è giusto segnalare gli autovelox ma è altrettanto ovvio che non è giusto nemmeno non avere strade in ordine come dovrebbero invece essere visti i soldi che ognuno di Noi quotidianamente paga allo Stato.

  8. E’ giusto nascondersi come dei ladri e fare multe a 57km/h? Smettiamola di essere assurdi. Volete la sicurezza stradale? Migliorate la qualità delle strade e commisurate i limiti.

  9. I limiti di velocità in Italia sono assurdi. Il tachimetro delle auto evidenzia le velocità pari, mentre la legge indica sempre velocità dispari – 30 – 50 – 70 – 90 ecc. O guardi il tachimetro o la strada.

  10. Dopo 4 milioni di chilometri percorsi (dirigente az. commerciale, senza un incidente e 24 punti patente) posso dire che tra limiti assurdi e vergognosi agguati i controlli della velocità sono diventati solo un mezzo per far cassa. Giusto quindi che vengano almeno segnalati. A proposito, signor Dalla Pozza , quando vedremo applicare multe salate a coloro che vagano distratti e a bassa velocità nelle corsie di sorpasso in autostrada (70/100) e che si ostinano a non usare la corsia libera più a destra? Esempio, tratti con 4 corsie? tutti nella quarta a 80 orari, perché? Quanti inetti, drogati, alcolizzati, “psicolabili” e incompatibili con la guida, circolano alla guida di automezzi? P.s. L’assessore Dalla Pozza che definisce immaturi i cittadini si riferisce a quelli che l’hanno votato? Per caso si serve di auto blu? Solo per capire…

  11. Purtroppo le incongruenze sono molte: sono d’accordo che segnalare gli autovelox potrebbe/è assurdo, non lo è più quando vengono impropriamente “piazzati” giusto per far cassa nelle strade che sono fatte per essere veloci e ridurre code e inquinamento e non ci sono in altre meno battute e più pericolose. Poi bisogna considerare i limiti di velocità messi veramente a vanvera è diventato di moda mette il 30 perchè ci sono buche anzichè riparare il manto stradale o anche in strade dove il 50 andrebbe benissimo, il 90 sulle tangenziali dove andrebbe bene il 110 e il 90 eventualmente nei punti pericolosi. Insomma mettere dei limiti ragionevoli. Stesso discorso vale per i “dossi” perchè costringere TUTTI i cittadini a subire sobbalzi anche a 30 all’ora per colpa di 4 scriteriati che vanno ugualmente ben oltre e se ne infischiano di rompere auto, magari rubata o figli di papà, bisognerebbe mettere più vigili o arruolare, come gli ausiliari delle soste vietate, cittadini di comprovata correttezza che abbiano superato magari un esame del caso e far valere anche video ovviamente non “manipolabili” . Insomma tante cose di buon senso da tutti,utopia purtroppo.

  12. Ormai gli autovelox servono solo per far cassa. le strade sono più sicure? no…. il problema non è solo la velocità…. avete mai percorso un’autostrada a tre corsie con le autovetture che vanno a 100 sulla corsia di sorpasso?……questo è normale?….. sapete come ragionano….. poi vi domando una panda 1200 benzina o 1300 jtd e una bmw 1900 jtd possono avere lo stesso obbligo di velocità…… o per non parlare delle smart……..quindi non facciamo i moralisti…..gli autovelox sono solo per fare soldi…..ditemi ad esempio l’autovelox comunale in una scorrimento veloce a quattro corsie cosa ci fa?

  13. La prevenzione è il faro guida, segnalarli significa prevenire alta velocità e quindi morti e feriti, non segnalarli significa accettare eventuali tragedie evitabili , solo e semplicemente per fini abbietti di cassa……………….

  14. L’altra mattina ho percorso viale Palmanova a Milano, autentica via Crucis per chi supera i limiti di velocità. Incredibile a dirsi, tutti a 70 all’ora scarsi, nessuno escluso. La domanda è: sono gli avvisi a far rallentare o tutti quelli che stavano passando da lì erano già stati scottati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *