Tir elettrico, non è fantascienza: Tesla è pronta a realizzarlo e ha già aperto le prenotazioni

Un tir elettrico viaggerà sulle strade nel 2019? Quello che solo fino a poco tempo fa sarebbe apparso impossibile, frutto solo di fantasia, potrebbe invece diventare realtà. Parola di Elon Musk, fondatore della società Tesla, che in California si è presentato a un evento a bordo del prototipo del Tesla Semi, autoarticolato “futuristico” che , secondo i progettisti, sarà in grado di percorrere 800 chilometri con una sola ricarica anche a pieno carico. Un mezzo che potrebbe entrare davvero in produzione entro due anni dotato del sistema Autopilot che mantiene una determinata velocità, rallenta nel traffico e assicura di restare nella propria corsia. Quanto costerà? Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Cinture non allacciate, bimbi senza seggiolini e smartphone: emergenza sicurezza a Roma

I numeri, almeno in questo caso, fanno paura. Le statistiche raccontano infatti di una città, Roma, nella quale la cultura della sicurezza stradale è ancora molto bassa. I comportamenti scorretti sono decisamente diffusi: cinture non allacciate, bambini che viaggiano senza i seggiolini, l’uso dilagante dello smartphone mentre si guida. Recentemente la Fondazione Filippo Caracciolo, centro studi dell’Aci, ha presentato uno studio che raccoglie i risultati dell’osservazione di 66.000 veicoli in nove punti nevralgici della rete viaria della Capitale: corso Francia, via Prenestina, via Ostiense, Lungotevere de’ Cenci e Lungotevere Raffaello Sanzio, via Luisa di Savoia, via Aurelia, via Tuscolana e via Nomentana. E i risultati dell’osservazione sono tutt’altro che rassicuranti. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Tremila persone che lavorano sulle autostrade rischiano di restare “a piedi”?

Otto ore di sciopero nazionale lunedì 20 novembre, con un presidio in piazza Montecitorio a Roma, alle 10.30, e altre 8 ore di protesta nei giorni successivi gestite a livello territoriale. Così i sindacati FenealUil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil hanno deciso di reagire alla bocciatura di un emendamento che intendeva alzare dal 20 al 40 per cento la percentuale dei lavori di manutenzioni e progettazione affidabili senza gara ai concessionari autostradali. “L’inspiegabile bocciatura della proposta rappresenta un colpo durissimo per i tremila operai e tecnici specializzati, che ora rischiano di essere licenziati, e vanifica il lungo lavoro svolto al tavolo interministeriale aperto dai ministeri dei Trasporti e dello Sviluppo economico, che era riuscito a trovare una soluzione per scongiurare questo ennesimo stillicidio di posti di lavoro”, hanno denunciato i rappresentanti dei tre sindacati. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

A Melegnano c’è una scuola dove s’impara la strada migliore per passare dai libri al lavoro

Il percorso tracciato da Conftrasporto con il ministro all’Istruzione Valeria Fedeli e con il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni per agevolare l’ingresso nella filiera del trasporto e della logistica per tutti i giovani interessati alle professioni del futuro, ha raggiunto il suo primo importante traguardo: il primo accordo di alternanza scuola-lavoro che “partirà” dall’Istituto di istruzione superiore Vincenzo Benini di Melegnano, in provincia di Milano. “Un primo traguardo di un progetto nato per fare da trait d’union fra mondo scolastico e mondo del lavoro e che si ispira agli obiettivi espressi dall’Unione Europea a Lisbona nel 2000 di rendere l’economia europea la più competitiva e dinamica del mondo”, ha commentato il vice presidente di Confcommercio e presidente di Conftrasporto Paolo Uggé immediatamente dopo aver siglato il primo accordo di alternanza scuola-lavoro. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Trasporti eccezionali, caos sulle autorizzazioni. Garofalo: “Tempi rapidi o si rischia la paralisi”

Trasporti eccezionali paralizzati. Con tempi di attesa lunghissimi per avere le autorizzazioni, quando si riescono ad avere. La situazione legata a ponti e cavalcavia non si è ancora risolta. Anzi. L’ultimo allarme lo ha lanciato il deputato di Alternativa Popolare e vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo. “La direttiva del governo non risolve” il problema, ha detto: “Serve una procedura chiara e rapida oppure si rischia la paralisi”. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Dumping sociale, le misure per contrastarlo devono essere estese anche all’autotrasporto

Le norme approvate in via definitiva dal Parlamento europeo per difendere industria e lavoro dal dumping sociale devono essere estese “al più presto anche al settore dell’autotrasporto”. Lo chiede il presidente di Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio, Paolo Uggè, che definisce la nuova norma “giusta, responsabile e adeguata”. Le misure, però, non riguardano l’autotrasporto. “Non si capisce perché l’Unione europea abbia rinviato qualsiasi decisione in merito a un settore che è senza dubbio oggetto di dumping come quello del trasporto su gomma, forse per soddisfare esigenze dei Paesi emergenti?”, chiede Uggè. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Sgravi previdenziali per gli autisti di camion all’estero, finalmente si possono chiedere

“Autisti impiegati all’estero, la decontribuzione c’è ma non si vede. Manca la circolare dell’Inps”. Così nello scorso agosto era stato intitolato un articolo che denunciava come la decontribuzione previdenziale per gli autisti delle imprese di autotrasporto impiegati in trasporti internazionali, misura concessa dal Governo nell’ambito delle misure di sostegno alla categoria concordate, non potesse di fatto essere utilizzata dalle imprese, nonostante la legge di conversione fosse entrata in vigore, perché mancavano un pezzo di carta e una firma. Dell’Inps, appunto. Ora quella firma, indispensabile perché la circolare attuativa della misura diventasse operativa, è finalmente arrivata e le imprese di autotrasporto potranno chiedere quanto dovuto. Gli sgravi appunto per gli autisti impiegati nei trasporti internazionali per almeno 100 giorni annui. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Salario e quattordicesima? Viaggiano sicuri sul nuovo contratto dell’autotrasporto

“Nessuno vuole mettere in discussione il salario dei lavoratori, i diritti acquisiti né la quattordicesima mensilità”.  Lo hanno ribadito a chiare lettere, in un comunicato, i responsabili di Anita e Unatras con il quale le associazioni datoriali dell’autotrasporto hanno confermato anche la propria disponibilità  a proseguire le trattative per il rinnovo del contratto dell’autotrasporto. Nel documento che ha stampati i loghi delle associazioni Anita, Assotir, Claai, Cna Fita, Confartigianato trasporti, Fai, Federlogistica, Federtraslochi, Fiaip, Sna Artigiani e Unitai, si evidenzia come i temi dirimenti per arrivare alla conclusione del contratto sono l’assenteismo, il lavoro a chiamata e la valorizzazione della contrattazione aziendale e territoriale. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Merci extra europee a basso costo, importarle nel vecchio continente diventa più difficile

Norme più stringenti per contrastare le importazioni da Paesi terzi oggetto di dumping e sovvenzioni. Le hanno approvate, in via definitiva, i deputati  europei imponendo, per la prima volta a livello mondiale, ai partner commerciali extra-europei di conformarsi agli standard sociali e ambientali internazionali per evitare di subire misure anti dumping. L’obiettivo è rafforzare la protezione dei posti di lavoro e delle imprese Ue contro le importazioni a basso costo provenienti da Paesi terzi che interferiscono pesantemente nell’economia. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Merci sui treni, il Polo Mercitalia rinnova la flotta: comprati 125 locomotori e 250 carri

Cresce la flotta del Polo Mercitalia, il soggetto controllato da Ferrovie dello Stato che si occupa di trasporto merci sui treni e di logistica integrata. In una nota, infatti, è stato annunciato l’acquisto di 125 nuovi locomotori elettrici TRAXX DC3/MS di ultima generazione, 50 carri tasca doppi “intelligenti” destinati al trasporto di semirimorchi mega e 200 carri “intelligenti” per il trasporto di coils. Prodotti da Bombardier, i 125 nuovi locomotori elettrici TRAXX DC3/MS saranno comprati da Mercitalia Rail e da TX Logistik con un investimento di circa 400 milioni di euro. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page