Al Via finanziamenti per le imprese di trasporti che investono nella mobilità sostenibile

Visto il nome non potevano non esserci anche le imprese di trasporto fra quelle ammesse a ottenere finanziamenti per nuove iniziative aziendali dal progetto Al Via, sigla che sta per Agevolazioni lombarde per la valorizzazione degli investimenti aziendali, iniziativa di Regione Lombardia e Finlombarda che a sette giorni dall’apertura dello sportello ha visto già presentare  35 domande per un  valore di finanziamenti richiesti di 22 milioni di euro relativi a  investimenti di 25 milioni di euro. E infatti il bando, che si rivolge alle Pmi, le piccole e medie imprese  anche artigiane, oltre ai settori manifatturiero, costruzioni,  agromeccanico e  servizi alle imprese, interessa anche i trasporti.  A condizione  che le imprese richiedenti siano operative da almeno 24mesi e siano attive nella mobilità sostenibile, una delle aree di specializzazione individuate dalla Strategia regionale di specializzazione intelligente per la ricerca e l’innovazione insieme ad aerospazio, agroalimentare, eco-industria,   industrie creative e culturali, industria della salute, manifatturiero avanzato.Le domande presentate fino ad ora sono “partite” in particolar modo dalle province di Brescia, Bergamo e Varese seguite da Milano, Cremona e Mantova.  L’intervento finanziario è composto da un finanziamento a medio-lungo termine che dura tra 3 e 6 anni, ha un importo tra 50mila e 2,85 milioni di euro, copre fino al 95 per cento delle spese ammissibili, è erogato anticipatamente (alla sottoscrizione del contratto) per una quota tra il 20 e il 70 per cento. La garanzia gratuita copre fino al 70 per cento del   finanziamento. Prevede un contributo a fondo perduto in conto capitale che copre fino al 15 per cento delle spese ammissibili, varia a seconda della dimensione aziendale e del regime di aiuto prescelto, è erogato in un’unica soluzione alla fine dell’investimento partecipazione: domande da presentare solo online su SiAge fino al 31 dicembre 2019.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *