Stop ai mezzi pesanti dalle 7 alle 22 per tutte le domeniche di settembre

Sono state ufficializzate le giornate di settembre durante le quali i veicoli con massa superiore a 7,5 tonnellate non possono circolare, tranne nei casi delle deroghe stabilite dalla normativa. Sono domenica 6 settembre, domenica 13 settembre, domenica 20 settembre e domenica 27 settembre. Il divieto scatterà alle 7 e si concluderà alle 22. Per quanto riguarda il mese di ottobre, è in previsione la riduzione di un’ora dei divieti di circolazione domenicali. Il blocco, infatti, scatterà alle 8 di mattina per concludersi alle 22.

Auto vietate ai poveri, ecco la ricetta di Dubai per eliminare traffico e ingorghi

Mentre in Italia il nuovo premier incaricato si fa notare al volante di auto “normali” come Smart e Giulietta invece delle consuete auto blu con autista della politica “vecchio stile”, a Dubai si pensa di vietare l’utilizzo di auto ai poveri. Una delle economie più floride del mondo, quella dell’emirato del Dubai, potrebbe infatti introdurre una limitazione al possesso di automobili per arginare il problema degli intasamenti sulla ridotta viabilità del Paese. Ma l’aspetto più incredibile dei provvedimenti che le autorità si appresterebbero a prendere è che il divieto di circolazione riguarderebbe – secondo quanto riporta il sito thenational.ae – solo la fascia della popolazione a basso reddito.  Continua a leggere

Da qui non si passa, Arcore ferma i Tir: chilometri e costi in più per i camionisti

Blocco in vista per i Tir ad Arcore, in provincia di Monza Brianza. Il Comune sta infatti per istituire un divieto di circolazione per gli autocarri superiori a 35 quintali, lungo l’asse via Casati/via Gilera, un tratto di strada provinciale che attraversa il centro urbano. “La decisione”, spiega Fai Milano in una nota, “costringe i circa 200 camion che quotidianamente transitano su quel tratto urbano (alcune centinaia di metri) a fare un largo giro (come si vede nella cartina – clicca qui), quantificabile in un aumento di percorrenza su base annua pari a circa un milione di chilometri e in un correlato aumento di costi pari a circa due milioni di euro anno”. Continua a leggere

Sciopero dei Tir, di chi è la colpa? Di chi non vuole confrontarsi con i trasportatori

Qualcuno ricorda le domande “che Italia sarebbe senza Tir?”, o “volete vivere in un Paese fantasma?” Erano domande inserite in una campagna di comunicazione dell’agosto scorso che mostrava, utilizzando i dati di uno studio svedese, a quale paralisi rischia di andare incontro un Paese dove si fermino i tir. Una simulazione che a gennaio, probabilmente nell’ultima settimana, diventerà una realtà in seguito al fermo dei trasporti deciso da Unatras.  Continua a leggere

Il Consiglio di Stato ferma le merci: stop ai Tir prima e dopo le feste

Si allungano gli stop ai Tir in occasione delle festività. Il Consiglio di Stato ha infatti confermato la validità di una pronuncia del Tar del Lazio che aveva accolto un ricorso del Codacons. L’associazione contestava il mancato inserimento, tra le date di divieto di circolazione dei mezzi pesanti, di quei giorni che vengono subito prima e subito dopo alcune importanti festività, caratterizzati da un intenso traffico automobilistico sulle autostrade. Contro la sentenza del Tar del Lazio il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti aveva presentato ricorso al Consiglio di Stato che mercoledì ha respinto l’appello. Continua a leggere

Le neve blocca i camion di Lady Gaga, salta lo show di Parigi

L’usanza è molto in voga tra i vip, che ultimamente esprimono spesso le proprie emozioni attraverso i social network. L’ultima in ordine di tempo è Lady Gaga, che si è sfogata dalla sua pagina di Twitter definendosi “furiosa e sconvolta”. Il motivo di tanta rabbia è la neve che ha bloccato i 28 camion dell’artista, popstar del momento che avrebbe dovuto esibirsi a Parigi. La vincitrice di otto Mtv Video Music Awards 2010 aveva dovuto già rinviare lo show a causa della protesta contro la riforma delle pensioni, che aveva bloccato la distribuzione di benzina in Francia. Per la tappa di ieri sera del tour erano già stati venduti 17mila biglietti. Ma i camion che trasportavano il materiale della tournee ‘Monster Ball’ si sono dovuti fermare a causa del divieto di circolazione dei mezzi pesanti voluto dalle autorità francesi. Continua a leggere

Dal nero all’oro, in Svizzera contrassegni antismog sulle auto

In Svizzera, il Ministero dell’Ambiente, dei Trasporti, dell’Energia e delle Comunicazioni ha lanciato la proposta di introdurre una sorta di semaforo antismog, un sistema di contrassegni in grado di suddividere i veicoli a motore a seconda del grado di inquinamento delle loro emissioni. Di recente abbiamo parlato su questo blog di un simile sistema di classificazione allo studio anche dal governo americano. I rossocrociati si sono spinti però un po’ più avanti e hanno già deciso pure i colori dei bollini: nero, grigio, bianco e oro. Il primo colore rappresenta i veicoli molto inquinanti, l’ultimo quelli dotati di dispositivo di propulsione principale elettrico.
In pratica ci saranno quattro tipi di bollini che segnaleranno a quale categoria appartiene il veicolo in base alle emissioni inquinanti dal gas di scarico. Continua a leggere

Le città sono inquinate anche da politiche sbagliate

Chi è nato a Milano ricorderà quando scendeva, e il fenomeno si registrava per diverse settimane, la “scighera”, termine meneghino per indicare un certo tipo di nebbione denso e ricco di fuliggine. Negli Anni 80, chi utilizzava l’aereo da e per Linate molte volte, causa nebbia, si trovava con il volo annullato. Oggi a Milano non è più così e il tema inquinamento è stato trattato da tutti i media. Il “caso Milano” è diventato uno strumento di lotta politica. Nessuno intende sottovalutare il problema.

Continua a leggere

Uggè: “Facciamo entrare in centro meno camion e solo se ecologici”

“Smog alle stelle, livello degli inquinanti che per intere settimane di fila viene costantemente superato, aria sempre più sporca e salute dei cittadini sempre più a rischio. Puntualmente ogni inverno è la stessa cronaca: quella di un’emergenza inquinamento annunciata. E, puntualmente, ogni anno, inizia il valzer dei soliti scontri politici, delle solite proposte per i soliti, possibili rimedi: a partire dalla targhe alterne per proseguire ai divieti totali della circolazione passando attraverso il pagamento dell’ecopass. Senza cercare strade alternative. Eppure soluzioni diverse, intelligenti, efficaci, esistono”. Ne è assolutamente convinto Paolo Uggè, presidente nazionale di Fai Conftrasporto, associazione che associa oltre 30mila imprese di autotrasporto, per un totale di oltre 110 mila mezzi pesanti che ogni giorno percorrono le strade italiane, comprese quelle cittadine, per consegnare le merci nei negozi, negli uffici, alle industrie e alle imprese artigiane…   Continua a leggere

Inquinamento, dal 1° gennaio
a Roma stop ai vecchi motorini

La Giunta di Roma è decisa a dichiarare guerra contro l’inquinamento e parte dai mezzi a due ruote: moto, motorini e scooter che rappresentano il mezzo più semplice per muoversi nella capitale. Semplice ma comunque inquinante in particolar modo per quanto riguarda le polveri sottili dannose per i nostri polmoni. Così “dal 1° gennaio 2010 ai ciclomotori e ai motoveicoli a due, tre e quattro ruote, con motore a 4 tempi Euro 0 non conformi alla direttiva 97/24/CE sarà vietato l’ingresso e la circolazione all’interno della Ztl dell’anello ferroviario della capitale. Continua a leggere