La cura giusta per i porti malati? A Cagliari il nuovo presidente è un medico

Che i porti italiani abbiano bisogno di cure è un dato di fatto, ma non pensiamo che questo sia stato il motivo che ha spinto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, a nominare un medico alla guida del principale scalo portuale sardo. L’altro giorno però il ministro ha nominato con proprio decreto Piergiorgio Massidda presidente dell’Autorità portuale di Cagliari. Continua a leggere

Sardegna, salpano i traghetti della Regione: prezzi da 21 euro

Partirà il 15 giugno alle 23 da Civitavecchia la prima nave della flotta sarda, voluta dalla regione per contrastare il caro traghetti di questa stagione. Lo ha annunciato giovedì pomeriggio il governatore Ugo Cappellacci, aprendo il sito per l’avvio delle prenotazioni. La prima tratta prevede il collegamento con Golfo Aranci, mentre dal 20 giugno sarà operativa anche la Porto Torres-Vado Ligure (Savona). Intanto, sono allo studio altre due rotte, la Olbia-Livorno e la Cagliari-Civitavecchia. Le tariffe saranno uguali sia per i residenti sardi sia per i turisti: partiranno da 21 euro per la tratta Civitavecchia-Golfo Aranci per un posto ponte, 45 euro in cabina, 50 euro per l’auto. Continua a leggere

Sardegna, contro il caro-traghetti salpano quelli della Regione

Ora è ufficiale. I primi traghetti della Regione Sardegna partiranno il 15 giugno. Lo ha confermato oggi l’assessore regionale dei Trasporti, Cristian Solinas, a margine dei lavori della Routes Europe 2011, in programma al Forte Village di Santa Margherita di Pula (Cagliari). Le prenotazioni si potranno effettuare dal 15 maggio e le rotte saranno quelle tra Civitavecchia e Olbia e tra Genova e Porto Torres. L’iniziativa della Regione è nata per contrastare il caro traghetti con prezzi praticamente raddoppiati rispetto allo scorso anno. Continua a leggere

Venerdì lo sciopero generale della Cgil, trasporti fermi in tutta Italia

Disagi e traffico in tilt. È questo lo scenario che potrebbe caratterizzare le città italiane venerdì 6 maggio quando è in programma lo sciopero generale della Cgil. I trasporti resteranno fermi quattro ore. Piloti, assistenti di volo e personale di terra degli aeroporti scioperano dalle 10 alle 14. Lo stop dei treni sarà dalle 14 alle 18. Bus, metro, tram e ferrovie concesse si fermeranno secondo modalità stabilite localmente e nel rispetto delle fasce di garanzia. Continua a leggere

Arriva la ruota spaziale, potrà viaggiare su qualsiasi terreno

Problemi di buche sulle strade? Arriva la ruota spaziale. Un prototipo di ruota per applicazioni in qualsiasi ambiente, compreso lo spazio, è stato brevettato dai ricercatori del dipartimento di Meccanica applicata dell’università di Cagliari, guidati dal professor Andrea Manuello. I lavori dell’equipe sono andati avanti in cooperazione con il gruppo di ricerca di ingegneria aeronautica e spaziale del Politecnico di Torino. Continua a leggere

Mezzi pubblici fermi, ecco gli orari dello sciopero nelle principali città

Disagi in vista per chi deve viaggiare con i mezzi pubblici. Da questa sera infatti scatta lo sciopero dei treni, mentre venerdì resteranno fermi bus, metro e tram. Lo sciopero nazionale di 24 ore è stato proclamato dai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast “per il mancato rinnovo del contratto nazionale scaduto da oltre due anni e per i tagli al trasporto locale”. Diverse le modalità di adesione allo sciopero da città a città. Ecco le principali: Continua a leggere

Tra vestiti e coperte, ormai l’auto è diventata un secondo armadio

Libri, giornali, cd, mappe, pupazzetti. Dentro le auto c’è proprio di tutto. Ma, tra sedili, bagagliaio e cassetti vari la quattro ruote sta diventando sempre di più un secondo armadio. Da un’indagine di Direct Line, la compagnia di assicurazioni online auto e moto leader in Europa, emerge infatti che tantissimi italiani (il 63 per cento) tengono in auto anche indumenti di ricambio o d’emergenza. Il 27 per cento degli italiani ha sempre con se una coperta, come rimedio per il freddo o per un improvvisato picnic, mentre il 18 per cento degli intervistati non rinuncia a guanti e k-way. Continua a leggere

Fascino in auto, una donna su due guida con le scarpe con il tacco

Le donne italiane non rinunciano al tacco. Mai, nemmeno quando stanno guidando. È quanto emerge da un’indagine del Centro studi e documentazione Direct Line, l’assicurazione auto online. La metà delle donne (49 per cento) dichiara infatti di non poter fare a meno di una scarpa con il tacco alla guida, per essere femminile ed elegante in ogni circostanza. Ma, come le donne sanno bene, c’è tacco e tacco. Così, il 18 per cento delle automobiliste del gentil sesso tra i 25 e i 34 anni non rinuncia mai all’ebbrezza di schiacciare freno, frizione e acceleratore con un tacco di almeno 10 centimetri, fregandosene, nel nome del fascino, degli studi che dimostrano quanto sia poco consigliabile portare tacchi alla guida. Continua a leggere

Mobilità sostenibile in Sardegna,
bike sharing a Cagliari e Sassari

Non è tra le regioni più trafficate d’Italia, non è nella morsa dello smog. Ciò nonostante, la Sardegna, la regione italiana che con Valle d’Aosta, Trentino, Basilicata e Molise ha la più bassa concentrazione di popolazione (circa 70 abitanti per chilometri quadrati) e che ha meno di un milione di auto circolanti su 1,7 milioni di residenti ha deciso di scommettere sul muoversi ecologico. Largo alle biciclette, con due provincie, Cagliari e Sassari, che hanno deciso di investire sull’ambiente e sulla mobilità sostenibile, sposando il progetto di bike sharing. Continua a leggere

La ricetta dell’Eurispes: 60 milioni di euro per il rilancio dei porti

Sessanta milioni di euro in cinque anni. È l’investimento che secondo l’Eurispes servirà ai porti italiani per approfittare del previsto traffico di trasbordo container nel Mediterraneo, che crescerà di 5 milioni di Teu (twenty-foot equivalent unit, unità di misura standard del volume trasportato), il 25,2 per cento. Il dato emerge da uno studio Eurispes sul settore, che analizza i motivi della perdita di competitività dei tre scali di Cagliari, Gioia Tauro e Taranto, fornendo proposte di intervento per riequilibrare il gap. Continua a leggere