Gruppo Bracchi, l’azienda di trasporti e logistica che di fronte ai problemi non lascia: raddoppia

Aumento dei prezzi delle materie prime, inflazione, rallentamenti e blocchi nella rete logistica globale: fare impresa, oggi, significa dover affrontare un percorso a ostacoli diventati talmente alti da spingere molti a domandarsi se non sia meglio fermarsi. Ma c’è chi, nonostante il moltiplicarsi delle difficoltà e dei problemi non solo decide di non dire stop, ma accelera. O se si preferisce, prendendo spunto dal “padre” di tutti i programmi televisivi a quiz, portato sul piccolo schermo da Mike Bongiorno nel 1955, non “lascia”, ma “raddoppia”. Scelta che ha deciso di compiere il Gruppo Bracchi, punto di riferimento per chi necessita di servizi di trasporto e logistica, ma anche per la gestione dell’intera supply-chain, Continua a leggere

Prologis e Fercam, un ambiente di lavoro più piacevole non fa piacere solo ai dipendenti…

Mettere i propri dipendenti in condizioni di poter trascorrere le pause dal lavoro nel modo più piacevole e rilassante possibile è una caratteristica delle migliori aziende, spesso attente anche a “costruire” ambienti accoglienti e, allo stesso tempo, sostenibili. Obiettivi che si sono fissati, raggiungendoli, i responsabili di Prologis, leader mondiale nel settore immobiliare logistico, e di Fercam Echo Labs, impresa sociale senza scopo di lucro del gruppo costituita nel 2021 da Fercam, primario operatore italiano nei trasporti e nella logistica, realizzando il nuovo Prologis Park di Romentino, in provincia di Novara. Due aziende che hanno condiviso Continua a leggere

Fercam, logistica sostenibile vuol dire anche riciclo, solidarietà verso le persone fragili…

La logistica sostenibile non si si alimenta solo con carburanti alternativi e innovazioni tecnologiche, ma anche con  l’economia circolare, con iniziative di solidarietà sociale e con  progetti di inclusione. Parola dei responsabili di Fercam, operatore logistico altoatesino che in occasione del Salone internazionale della logistica ospitato alla la Fiera di Padova hanno voluto accendere i riflettori  su concetti come l’upcycling, ovvero il riciclo di oggetti per creare un prodotto di maggiore qualità, l’inclusione e integrazione di fasce di popolazione fragile, come rifugiati politici, richiedenti asilo e diversamente abili: tutti  “ingranaggi del motore” messo in moto per far compiere all’intero pianeta una svolta decisiva.  Messaggi “trasmessi” Continua a leggere

Gruppo Bracchi, il nuovo hub è un modello da seguire per chi vuol far crescere la logistica

“Ci stiamo guardando attorno, stiamo lavorando a nuove possibili opportunità, di cambiamento e di crescita, perché le due strade corrono parallele….”. Umberto Ferretti, ingegnere  salito da pochi mesi nella cabina di guida della  Bracchi, colosso bergamasco dei trasporti e della logistica,  da poco scelto dalla proprietà per traportare nel mondo dell’autotrasporto un carico d’esperienza manageriale maturato in tre decenni al volante di aziende industriali internazionali attive in settori  completamente diversi,  aveva concluso così,  a inizio anno, un’intervista concessa a chi voleva  raccontare il percorso compiuto fin lì dall’azienda e, soprattutto, per guardare al suo futuro. E in questo pochi mesi Umberto Ferretti ( e con lui i suoi più stretti collaboratori)  si è “guardato attorno” talmente bene da trovare e  percorrere a tutta velocità una nuova strada per far crescere il gruppo. Una strada che conduce a Castrezzato, nella “bassa Bresciana” Continua a leggere

“Presto arriverà il vaccino, il Governo non può perdere tempo per organizzare la distribuzione”

Presto sarà disponibile un vaccino per contrastare il Covid 19? Allora è necessario che al più presto il ministro alle Infrastrutture e ai trasporti Paola De Micheli fissi un incontro con chi dovrà occuparsi di distribuirli per affrontare il tema dello stoccaggio e della consegna di quei vaccini. Parola di Paolo Uggé, presidente nazionale della Fai, la federazione autotrasportatori italiani, e vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio che ha chiesto un incontro con la massima urgenza al ministero per “la costituzione di un tavolo di confronto con le rappresentanze del mondo della filiera logistica, al fine di individuare le soluzioni in grado di dare le risposte adeguate che garantiscano lo stoccaggio, la grande distribuzione e le consegne del prodotto. Non possiamo perdere tempo,farsi trovare impreparati sarebbe delittuoso”, sottolinea in un comunicato stampa Paolo Uggé, Continua a leggere

La logistica italiana affonda in un mare di controlli sprecando risorse e perdendo clienti

”Centotrentatré controlli con 17 pubbliche amministrazioni nei porti e 400 controlli con 27 pubbliche amministrazioni nella logistica su base nazionale non fanno onore al nostro Paese e al processo di modernizzazione”. Ad affermarlo è  stato Marcello Minenna, direttore dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli,che in occasione del convegno sul cargo aereo di Anama ha anche sottolineato come della questione “si sia  parlato tante volte”, ma senza riuscire a trovare una soluzione a uno “spreco di risorse nazionali come sistema Paese che in questo momento non è più ammissibile. Continua a leggere

Milano, distribuire merci in città è diventata un’impresa. Fai: “Serve riprogrammare tutto”

Un incontro per mettere sotto la luce dei riflettori “le numerose criticità del trasporto e della distribuzione delle merci causate da una gestione della viabilità da parte dell’amministrazione cittadina non in grado di garantire un’efficiente mobilità urbana di persone e cose”: è quello che ha avuto come palcoscenico la sede della Fai (Federazione autotrasportatori italiani) di Milano e per protagonisti i responsabili della Fai milanese (il presidente Claudio Fraconti, il segretario Marco Colombo e il vice presidente della Federazione traslocatori italiani Fortunato Valente) e la vicepresidente del Consiglio comunale del capoluogo, Laura Molteni, alla quale gli esponenti della federazione hanno illustrato i troppi problemi ancora esistenti legati al trasporto merci in città. Problemi frutto di una “mancanza di una politica della mobilità Continua a leggere

L’e-commerce vola: le aziende sono pronte per stare al passo con la rivoluzione nelle vendite?

L’epidemia scatenata dal Coronavirus e il lockdown che ne è seguito hanno fatto accelerare notevolmente la crescita del commercio online al punto che per alcune aziende l’ecommerce rappresenterà quasi la metà delle loro vendite nel 2020 (rispetto a un terzo prima del Covid-19). È quanto emerge da un’azienda realizzata da Geodis e Accenture Interactive intervistando i responsabili di circa 200 aziende europee e americane di diversi settori: moda e sport, lusso, arredamento, cura del corpo, alimenti non deperibili, prodotti per la casa, giochi e giocattoli, elettronica di consumo. Continua a leggere

Ciak si gira: parte la cabina di regia per connettere porti, interporti, piastre logistiche

Agenzia delle Dogane, Alis, Anasped, Anita, Assiterminal, Assocad, Assofer, Assologistica, Assoporti, Capitanerie di Porto, Federagenti – Agenti Marittimi, Federtrasporto, Fedespi, Fercargo, Slala, Trasporto Unito, Uir, Unatras Confartigianato trasporti, Fita Cna e Fai Conftrasporto: sono queste le confederazioni e associazioni nazionali, rappresentanti di categorie produttive, chiamate a far “partire” i lavori della  Piattaforma logistica nazionale digitale Continua a leggere

Sustainable Tour riparte “dal vivo” da Pescara: un primo passo verso il ritorno alla normalità?

È un piccolo grande passo verso la “normalità” quello che si appresta a compiere Sustainable Tour (l’iniziativa realizzata da evenT, realtà promossa dalle riviste Vado e Torno e Trasportare Oggi in Europa per organizzare convegni, workshop, webinar e corsi di formazione in ambito logistico ed economico)  con l’obiettivo di “viaggiare” , attraverso una serie di convegni e incontri, nel futuro della  mobilità commerciale sostenibile. Continua a leggere

La Via della Seta ora spaventa l’Italia: “La presenza cinese nei porti è guerra per il potere”

La Via della Seta e, in particolare la presenza cinese nei porti italiani ora spaventa l’Italia. O, meglio, quella parte dell’Italia che ha fatto propri i timori espressi dal Governo americano per voce dell’ambasciatore Lewis Eisenberg. “Si ascolti l’ambasciatore Usa, il governo di mari e logistica sarà il terreno di scontro”, ha affermato il presidente di Federlogistica  Conftrasporto  Luigi Merlo, ricordando come l’allarme fosse già stato lanciato due anni fa nel Forum internazionale di Cernobbio organizzato da Conftrasporto-Confcommercio. Continua a leggere

L’Italia può ripartire in due giorni? Sorrento prova a disegnare i modelli per farlo

Punto di partenza: Sorrento. Mezzo di trasporto: nuovi modelli e opportunità per la logistica del Paese. Traguardo da raggiungere: la ripartenza dell’Italia dopo l’emergenza pandemia. Si potrebbe riassumere così la “due giorni” organizzata in una delle più belle località della costa campana da Alis,  l’Associazione logistica dell’intermodalità sostenibile per “dare un segnale concreto e positivo al rilancio effettivo dell’Italia non solo sul piano nazionale, ma anche nei mercati europei e internazionali”. Continua a leggere

Una piattaforma merci alle porte della città? I trasportatori invitano tutta Bergamo a parlarne

“Il mondo dell’autotrasporto dovrà imparare a guardare con sempre maggior attenzione “davanti” ma anche “dietro”, a quanto ci eravamo troppo spinti in avanti prima dell’epidemia e della crisi, non “curando” adeguatamente l’ottimizzazione di ogni viaggio, di ogni consegna. In troppi, probabilmente, prima dell’emergenza, pensavamo d’essere i “padroni” del pianeta, di poterne approfittare. Il Locdown ci ha mostrato che non potrà più essere così, che dovremo imparare a mettere a disposizione delle aziende produttrici, che ci auguriamo possano ripartire al più presto, nuove infrastrutture, certo, ma anche nuove modalità di utilizzarle”. A invitare il settore del mondo dell’autotrasporto a fare tesoro di quanto accaduto negli ultimi tempi, a utilizzare l’emergenza Coronavirus come un insegnamento, è Giuseppe Cristinelli, Continua a leggere

Trovare i prodotti sugli scaffali dei supermercati è sempre stato “normale”. Lo sarà ancora?

Per far viaggiare le merci servono dei mezzi pesanti. Per capire come viaggeranno invece le merci nel “dopo Coronavirus” basta un computer. Da accendere  martedì 9 giugno per partecipare (per iscriversi gratuitamente cliccate qui) al webinar dal titolo “Covid.19 nel largo consumo. Quali effetti e quali implicazioni per la supply chain?”, in cui, dalle 16 alle 17, saranno presentate le evidenze emerse dall’indagine realizzata da GS1 Italy  con la collaborazione di Liuc Università Cattaneo e Politecnico di Milano nelle scorse settimane per rilevare gli impatti e le ricadute dell’emergenza Covid-19 sulla logistica del largo consumo e come le imprese abbiano reagito e per garantire continuità di servizio. Continua a leggere

Le sette strade che la logistica dovrà seguire per superare gli ostacoli del “dopo Coronavirus”

Sette strade. Sono quelle che la logistica è chiamata a percorrere per ripartire lasciandosi alle spalle gli “effetti collaterali” che l’epidemia di Coronavirus ha causato all’economia, i disastri finanziari che sono andati ad aggiungersi a quelli sanitari. Sette strade indicate nell’indagine “La logistica nella guerra al virus: le sette nuove direttrici nelle filiere e nel capitale umano” realizzata dal Randstad Research, il centro di ricerca del Gruppo Randstad dedicato al lavoro del futuro, in collaborazione con Confetra, che ha analizzato l’impatto del Covid-19 sul settore individuando sette trasformazioni alle quali è chiamato il settore per ripartire dopo l’emergenza. Eccole. Continua a leggere