Buche stradali, i camionisti inviano foto e video alla Fai per realizzare un dossier di denuncia

“E per fortuna che questa è la provincia- le per la cosiddetta ‘Valle d’Oro’, la Val Seriana… Altro che oro, è ridotta in condizioni pietose, come nel tratto che dall’uscita a Fiorano al Serio va verso la Valgandino”. “Volete avere un esempio di quanto possa essere malridotta una strada? Provate a percorrere la statale Francesca”. Sono solo due esempi delle segnalazioni che stanno arrivando da settimane, via e mail, agli uffici della Fai di Bergamo. Denunce di associati che chiedono a gran voce una manutenzione ordinaria, per rattoppare una rete viaria che fa acqua da tutte le parti e che potrebbe mettere a dura prova la sicurezza stradale. “Segnalazioni, supportate da immagini allegate, che confermano una situazione preoccupante”, commenta Doriano Bendotti, segretario provinciale della Fai”, e che vanno raccolte in un ‘dossier’ da presentare alle istituzioni. Continua a leggere

Salite ripide e con il fondo sconnesso: guidare un camion qui può essere difficile e rischioso

Guidare un camion sulle strade sterrate e sulle pendenze che possono esserci in una cava o in un cantiere non è come guidarlo su una strada normale: moltiplica le difficoltà, i pericoli. Per questo occorre essere in grado di saperlo fare al meglio, sfruttando tutta la tecnologia messa a disposizione oggi dai più moderni mezzi. Per aiutare gli autisti specialisti del “cava cantiere” ad affrontare le salite (e discese) più pericolose Volvo Trucks ha ideato un corso di formazione, con una parte teorica e una pratica, che insegna, per esempio, a effettuare partenze da fermo in salita con un carico pesante su pendenze superiori al 10 per cento e su terreni molto dissestati. Continua a leggere

Incidenti, calano morti e feriti. Ma sulle strade ci sono ancora 500 sinistri al giorno

“Gli automobilisti italiani sono sempre più sicuri e il continuo calo degli incidenti stradali in Italia misura l’utilità di ogni attività di sensibilizzazione”. Lo dichiara il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, commentando i nuovi dati Aci-Istat sugli incidenti stradali. Nel 2013 c’è stata una riduzione del 2,2 per cento dei sinistri con lesioni a persone, con un calo del 6,9 per cento dei morti e del 2 per cento dei feriti rispetto all’anno precedente. Sulle nostre strade si ci sono stati 182.700 incidenti che hanno provocato 3.400 decessi e il ferimento di 259.500 persone. Continua a leggere

Limite a 30 all’ora per le strade piene di buche: “Non ci sono soldi per ripararle”

Strade piene di buche che costringono i motociclisti a pericolosi zigzag e automobilisti e camionisti a fastidiosi sobbalzi sul sedile. Un panorama comune a diverse infrastrutture italiane. Sarebbero da sistemare ma, in molti casi, mancano i soldi. Così le varie amministrazioni corrono ai ripari cercando soluzioni alternative. Come a Perugia, dove spending review, patti di stabilità, mancati trasferimenti statali di risorse hanno messo a dura prova il bilancio della Provincia. Così il presidente, Marco Vinicio Guasticchi, ha pensato di risolvere il problema abbassando a 30 chilometri orari il limite di velocità di molte strade. Continua a leggere

Pericoli sulle strade e aree di sosta sicure, informazioni in tempo reale sul telefono

Informazioni in tempo reale sui pericoli stradali, sulle aree di sosta per camionisti e molto altro direttamente sugli smartphone. La Commissione europea ha adottato nei giorni scorsi due nuovi regolamenti che hanno l’obiettivo di aumentare la sicurezza sulle strade. Il primo regolamento garantisce ai conducenti di essere avvertiti anticipatamente sui pericoli stradali, per esempio un luogo dell’incidente non ancora messo in sicurezza o condizioni stradali che rendono pericolosa la guida. Tra le informazioni da divulgare ci sono il tipo e il luogo dell’incidente ed eventuali indicazioni stradali. Il secondo regolamento vuole migliorare le informazioni trasmesse ai conducenti di mezzi pesanti sulle aree di sosta sicure.  Continua a leggere

Politici, basta con le inaugurazioni, pensate alle manutenzioni delle strade

“È noto che le inaugurazioni paghino più delle manutenzioni e noi italiani siamo portati più alle prime che alle seconde, anche se queste salvano vite umane e incrementano la sicurezza. Ma quello che secondo Confcommercio necessita con urgenza è la messa in sicurezza della rete stradale, focalizzando gli interventi sulla viabilità, anche minore, dove effettivamente insistono le principali criticità”. A riaccendere i riflettori sul problema, sempre più evidente, di una rete stradale che fa sempre più acqua da tutte le parti è stato il vicepresidente di Confcommercio, Paolo Uggè, che intervenendo al convegno ” Trasporti al passo, economia ferma” organizzato dalla stessa Confcommercio ha sottolineato come occorra dare assoluta priorità, negli interventi di manutenzione, “alle aree urbane, dove si produce oltre il 70 per cento della ricchezza nazionale, ma anche dove si registrano i 4/5 della mobilità, della congestione e dell’inquinamento. Continua a leggere

Strade pericolose, l’Asaps scrive a Letta: “Troppe buche e segnaletica carente”

Le strade sono piene di buche. I pericoli per chi le percorre sono tanti e l’Asaps, l’associazione sostenitori amici polizia stradale, ha scritto al presidente del Consiglio Enrico Letta e al Ministro ai Trasporti Maurizio Lupi proprio per chiedere interventi per il miglioramento della viabilità e della sicurezza stradale. “Il susseguirsi di tagli ai capitoli di spesa degli enti proprietari della strada insieme agli ultimi inverni che hanno infierito”, scrive il presidente Giordano Biserni, “sulle strutture stradali”. Il risultato è “strade piene di buche e con fondo stradale dissestato” con “una segnaletica carente e confusa”.  Continua a leggere

Neve e ghiaccio sulla strada, avvocato chiede al Comune i danni per l’incidente

A Belluno, come in tutto il Nord Italia, quest’anno è caduta parecchia neve. E sulla neve non è sempre semplice guidare. Così capita di avere degli incidenti. Come l’avvocato Luca Del Moro, che con la sua Ford Focus ha sbandato ed è finito contro un muretto. L’automobilista bellunese ha deciso di chiedere i danni al Comune. La notizia viene riportata dal Corriere delle Alpi. “Quel giorno lo spazzaneve non era passato in quella strada”, racconta l’avvocato. “Per terra c’era uno strato di ghiaccio e neve e, pur andando molto piano, l’auto ha sbandato in curva e sono finito contro un muro”.  Continua a leggere

Autostrade più sicure delle provinciali, ancora troppi i ciclisti e i pedoni uccisi

I dati sull’incidentalità stradale diffusi dal rapporto Aci-Istat (clicca qui per approfondire) parlano di una riduzione del numero di morti sulle strade italiane (-45,6 per cento rispetto al 2001) che è molto più marcata di quella relativa al numero di incidenti e feriti (solo -22 per cento). “Il dato”, commenta Ennio Cascetta, presidente del Comitato scientifico della Fondazione Aci “Filippo Caracciolo”, “indica uno sviluppo delle tecnologie e degli strumenti legati alle performance di sicurezza dei veicoli, come degli interventi normativi sulle infrastrutture per una mobilità sicura”. Continua a leggere

Aosta, Tir contro una casa: ferito l’autista, chiusa la statale del Gran San Bernardo

Un autista di un Tir è rimasto ferito a Etroubles (Aosta) dopo uno schianto contro una casa all’altezza di un curvone, lungo la strada statale 27 del Gran San Bernardo. Secondo quanto si è appreso, l’incidente, avvenuto alle 15.15 circa di lunedì 22 ottobre, è stato causato dall’alta velocità con cui il mezzo è entrato nel borgo, attraversato dall’arteria internazionale.  Continua a leggere