Unatras, si è dimesso
il presidente Franco Coppelli

Il presidente di Unatras, Franco Coppelli, si è dimesso dall’incarico. Coppelli ha rassegnato le proprie dimissioni l’indomani, si legge in una nota della Cna Fita, dell’ultimo comitato esecutivo Unatras, “alla luce delle difficoltà riscontrate nel corso del dibattito, prendendo atto del delicato confronto avvenuto nell’organismo unitario, e anche in considerazione della necessità di una turnazione ai vertici dell’organizzazione”. Unatras riunisce varie sigle associative dell’autotrasporto, tra le quali Cna-Fita, Confartigianato Trasporti, Fai, Fiap L, Sna Casartigiani, Unitai.

Padroncino morto a La Spezia, Confartigianato chiede sicurezza

Un autotrasportatore padroncino di 59 anni è morto nel porto della Spezia, schiacciato fra la motrice del suo camion e un container. “Desideriamo innanzitutto esprimere vicinanza alla famiglia dell’autista scomparso Roberto Mattioli”, commenta su www.cittadellaspezia.com, il responsabile di Confartigianato Trasporti, Nicola Carozza, “e ricordare che gli incidenti sul lavoro uniscono senza distinzioni sindacati datoriali e sindacati dei lavoratori”. Continua a leggere

Stessi doveri per padroncini
e aziende, Confartigianato è delusa

Confartigianato Trasporti esprime la sua delusione per il risultato della votazione della Commissione Occupazione e Affari Sociali del Parlamento europeo – di cui abbiamo ampiamente dato conto su Stradafacendo – che ha rigettato la proposta della Commissione europea relativa all’esenzione degli autotrasportatori autonomi dalla direttiva sull’organizzazione dell’orario di lavoro. In pratica, sarà come chiedere agli autonomi di tenere un personale registro dove auto-annotarsi l’orario tornando a casa dopo il lavoro. Secondo Confartigianato Trasporti, ciò minaccia molto gravemente la competitività senza ottenere un reale miglioramento della sicurezza stradale e della tutela sociale, garantite dal Regolamento 561/2006 sui tempi di guida e di riposo che già si applica a tutti i conducenti, sia dipendenti sia autonomi. Continua a leggere

L’ex ministro ai Trasporti spese 15 milioni per 20 pagine di progetto

Ho potuto leggere, non senza stupore, le affermazioni dell’ex ministro dei trasporti Alessandro Bianchi. Ognuno è libero di trovare ogni giustificazione, anche la più fantasiosa possibile, per coprire i propri eventuali  insuccessi, ma mi pare che i ricordi dell’ex titolare del dicastero dei trasporti siano confusi e ricadano in una sorta di vittimismo che porta molti a vedere complotti politici che non esistono. Roba da vetero  comunismo. Continua a leggere

Trasporto, a Bologna nuove regole
per l’accesso alla professione

Titolo di studio, esame di controllo e cosa fare in caso di bocciatura all’esame. Sono questi gli argomenti al centro delle modifiche al Regolamento per il conseguimento dell’idoneità professionale da trasportatore su strada di merci per conto di terzi e di viaggiatori nel settore dei trasporti nazionali e internazionali approvate all’unanimità dal Consiglio della Provincia di Bologna il 1° marzo. È doveroso ricordare che il Regolamento in questione era stato adottato dal Consiglio provinciale nel novembre 2007 per definire modalità e procedure per accedere agli esami di abilitazione all’attività di autotrasporto di merci e viaggiatori. Ora arrivano queste modifiche, rese necessarie dalle modalità operative di accesso all’esame introdotte dal Ministero dei Trasporti il 1° dicembre 2009. Continua a leggere

“La lenta riforma del Codice della strada penalizza l’autotrasporto”

“Troppo lento l’iter parlamentare della riforma del Codice della strada, che contiene anche le sanzioni per colpire illegalità e abusivismo nel mercato dell’autotrasporto merci. Sarebbe necessario stralciare queste norme dal corpus del Codice e inserirle in un decreto di rapida approvazione. In questo modo si potrebbero colpire velocemente i comportamenti illeciti, offrendo agli autotrasportatori quelle certezze normative più che mai necessarie soprattutto in questa fase di crisi”. È quanto sollecita il presidente di Confartigianato Trasporti Asti, Sergio Vitali, sul settimanale piemontese la “Gazzetta di Asti”, riferendosi ai tempi con cui sta procedendo l’esame in Parlamento della riforma del Codice della strada. Continua a leggere

Autotrasporto marchigiano in crisi, fatturato in calo del 30 per cento

Un calo del fatturato del 30 per cento, 115 imprese in meno tra gennaio e settembre, ritardi nei pagamenti da parte dei committenti, oltre 18mila ore di cassa integrazione in un trimestre, Tir che viaggiano sotto costo: il settore è al collasso. È un 2009 nero per l’autotrasporto marchigiano che dal 2006 vive momenti difficili. Le imprese del settore aspettano 180 milioni di euro che sono stati stanziati con la legge 162/2008 e confermati nella Finanziaria 2009. Continua a leggere

Multe salate per i vettori stranieri
che non rispettano le regole

Rischiano fino a 15mila euro di multa i vettori stranieri che non rispetteranno la regola del cabotaggio. Una sanzione da pagare cash, altrimenti scatteranno il sequestro dei documenti e del mezzo. È questa una delle modifiche al Codice della strada già approvata dalla Camera e ora all’esame del Senato. Un provvedimento voluto fortemente da Confartigianato Trasporti, che sabato a Udine si è riunita in un’assemblea nazionale. Le modifiche al Codice della strada prevedono anche multe più salate del 20-30 per cento per chi non rispetta le regole in vigore in Italia sui carichi, sulle ore di guida e sulla velocità.
 Continua a leggere