Come viaggia la catena del freddo dal produttore al consumatore? Un cuoco ci aiuta a scoprirlo

Come “viaggia” la catena del freddo, dal produttore al consumatore? E come può viaggiare nel modo più sostenibile possibile? E, ancora, quali sono le esigenze e i problemi di chi ha necessità di ricevere i prodotto fresco? Sono alcune delle domande alle quali cercheranno di dare risposta i protagonisti di “Zero Gradi” evento giunto alla sua quarta edizione in programma martedì 11 giugno a Villa Jucker, a Legnano. Un appuntamento, organizzato da TForma in collaborazione con Lamberet, che quest’anno vedrà un’importante novità con l’assegnazione del 1° Zero Gradi Award, premio per la sostenibilità della filiera. Continua a leggere

Trasporto aereo di merci, con Tnt
Mosca è più vicina al centro Europa

Novità nei cieli d’Europa. Dal 18 maggio Tnt ha infatti fatto decollare un nuovo servizio di cargo aereo, attivo cinque giorni a settimana, tra Mosca e l’hub europeo di Liegi, via Varsavia. La rotta è percorsa da un B737-300 dotato di 16 tonnellate di capacità, che permetterà di accelerare i flussi di spedizione da e per la Russia. Un elemento fondamentale per il trasporto, per esempio, di pezzi di ricambio urgenti, forniture di strumentazioni cliniche o di campioni biologici come sangue e tessuti umani. Il collegamento Mosca-Liegi rafforza in maniera particolare l’offerta rivolta al settore sanitario. Continua a leggere

Prodotti freschi, così è garantita
la qualità di ciò che mangiamo

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Rr_yvT_1Ej4[/youtube]

Come garantire la catena del freddo e assicurare ai consumatori che i prodotti freschi, dai latticini alla carne, alla frutta e alla verdura, non si deteriorino durante le varie fasi del trasporto? Ce lo spiega Claudio Corsi, responsabile merci dell’Autotrasporti Corsi di Verona, sottolineando la necessità che vengano effettuati sempre più controlli per tutelare i consumatori.

I prodotti freschi sono avariati?
La colpa spesso è di chi li trasporta

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=pEXTsjS4IUI[/youtube]

Pochi controlli e molte irregolarità, compiute da imprese che scaricano prodotti alimentari freschi su piazzali all’aperto, che non possiedono celle frigorifere, facendo così subire a frutta, verdura, latticini e carni sbalzi di temperatura che possono far deteriorare i prodotti. A denunciare la situazione è Giacomo Corsi, della Corsi Autotrasporti di Verona, una delle aziende leader nella distribuzione di prodotti alimentari freschi, che sottolinea l’importanza della catena del freddo per garantire la qualità del prodotto e impedire che i cibi possano arrivare avariati sulle tavole dei consumatori.

Carne, formaggi, verdura viaggiano sicuri solo con la catena del freddo

Carne, pesce, formaggio frutta e verdura…. Ovvero migliaia di tonnellate di prodotti freschi che ogni giorno percorrono centinaia di chilometri per raggiungere le tavole degli italiani. Per evitare che durante questo lunghissimo (e delicatissimo) passaggio dal produttore al consumatore possano avvenire dei danneggiamenti, provocati da sbalzi di temperature durante le manovre di carico e scarico nei magazzini o durante il viaggio vero e proprio in camion,  è indispensabile che venga rispetta la catena del freddo, come conferma Claudio Corsi, responsabile mezzi della Corsi Autotrasporti di Verona, azienda altamente specializzata nel trasporto di prodotti alimentari freschi.