La firma “dimenticata” dall’Inps, un peso in più di cui le imprese di trasporto devono farsi carico

Si scrive ” decontribuzione degli oneri per le imprese di autotrasporto che effettuano trasporti internazionali”; si legge “ennesima dimostrazione che la burocrazia è un cancro che continua a divorare l’Italia, mettendo ostacoli su ostacoli sul percorso di chi chiede semplicemente di poter lavorare e di poterlo fare risultando competitivo, senza essere frenato da un impressionante quanto vergognoso carico di scartoffie. Con l’aggravante che queste carte vanno compilate immediatamente da parte di chi lavora, mentre possono rimanere abbandonate senza neppure uno scarabocchio se a doverlo mettere è un rappresentante della pubblica amministrazione pubblica”. Continua a leggere

Tir nuovi? Una difesa contro l’inquinamento, gli incidenti e perfino gli attentati terroristici

Disporre di flotte di tir di ultima generazione non solo può aiutare a mantenere più pulito l’ambiente, non solo può garantire maggior sicurezza sulle strade ma può rappresentare una forma di difesa perfino in caso di attentati terroristici per i quali venga scelta come “arma” di distruzione proprio un mezzo pesante. Come avvenuto a Berlino a Natate 2016 quando un  camion Scania con targa polacca è piombato sulla folla in un mercatino  del viale principale dello shopping , il Kudamm uccidendo 12 persone. Un bilancio che avrebbe potuto essere più pesante se per l’attentato fosse stato utilizzato un camion di vecchia generazione senza la più moderna tecnologia a bordo. Come per esempio il sistema di frenata automatico in dotazione al tir Scania che, entrato in funzione automaticamente dopo il primo impatto, ha bloccato la corsa del gigante della strada dopo una settantina di metri. Continua a leggere

La pubblicità di nuove auto è destinata a percorrere sempre più la strada del web

Il web si appresta a rivoluzionare le modalità d’acquisto dell’auto, con le vetture che, entro cinque anni, saranno comprate on line da quasi un italiano su cinque come afferma un’indagine presentata allo Iab Internet Motorsedizione speciale dell’evento di digital automotive più importante d’Europa? Ebbene, la stessa “rivoluzione” sembra destinata a far cambiare strada (e  in realtà sta già facendo) anche al mondo della pubblicità: secondo gli ultimi dati Nielsen, infatti, gli investimenti nel digital advertising del 2018 legati al mondo dell’auto cresceranno del 9,4 per cento rispetto all’anno precedente: ben più della media del mercato digital, che si fermerà al 7,9 per cento. Continua a leggere

Vetture acquistate on line? Tra cinque anni potrebbe farlo quasi un automobilista su cinque

Tra cinque anni 18 automobilisti su cento in Europa acquisteranno una nuova vettura online? È probabile, almeno secondo i responsabili dell’indagine condotta da Motork, azienda italiana che sta guidando in Europa l’innovazione della distribuzione auto, presentata allo Iab Internet Motors (http://www.internetmotors.it), edizione speciale dell’evento di digital automotive più importante d’Europa, giunto alla quindicesima edizione. Un’indagine secondo la quale, sempre entro il 2022, il 79 per cento degli acquirenti dovrebbe optare per un approccio “ibrido”, usando cioè sia il web in alcune delle fasi del processo d’acquisto sia la tradizionale visita in concessionaria per altre, mentre appena un 3 per cento dovrebbe restare “fedele” al rivenditore, senza passare dal web. Continua a leggere

Quante altre imprese devono chiudere prima che il Governo scarichi i costi burocratici?

È da tempo che la burocrazia siede sul “banco degli imputati” con l’accusa di frenare la crescita della nostra economia. Quanto costi al Paese e, in particolare al mondo del trasporto, la macchina burocratica è sotto gli occhi di tutti: un “peso” ormai insostenibile, che ogni  impresa è costretta a trainare ogni santo giorno e che rende impossibile restare concorrenziali o, addirittura, sopravvivere sul mercato. Un “carico” di scartoffie, spesso inutili e pagate a peso d’oro,  che è stato mostrato in tutta la sua devastante carica negativa al recente Forum di Cernobbio, organizzato da Confcommercio Conftrasporto attraverso un’analisi approfondita, raffrontando la realtà del nostro Paese con la media europea, sia in termini di costi sia di tempo che, come dice il detto, “è denaro”.  Continua a leggere

Camion sicuri e meno inquinanti? Se il Governo li vuole davvero assicuri aiuti a lungo termine

“Noi autotrasportatori crediamo nell’ecosostenibilità, ma dobbiamo poter contare su certezze. Siamo in un periodo molto delicato: è ricominciato il “fervore” delle cose da fare, ma se perdiamo i benefici ottenuti nel triennio precedente, torneremo a non essere competitivi nei confronti dei vettori stranieri. Adesso è il momento di proseguire su questa rotta, ma non possiamo essere lasciati da soli. Cosa chiediamo al Governo? La certezza dei contributi! La certezza dei controlli! La certezza del costo del lavoro! La certezza di una politica europea comune”. È chiarissimo il messaggio che il mondo dell’autotrasporto si appresta a lanciare al Governo da Brescia, dove domenica 22 ottobre è in programma l’assemblea generale degli autotrasportatori. Continua a leggere

Minorca? Dal 2018 sarà possibile andarci in traghetto con le navi gialle di Corsica Ferries

In traghetto a Minorca (in modo da poterla poi girare con la propria auto o moto senza doverli noleggiare)? A partire dall’anno prossimo sarà possibile grazie alla nuova rotta aperta da Corsica Ferries verso le Baleari, per una vacanza fra spiagge e fondali incantevoli, ma per un’immersione nell’arte, nella buona cucina, nel divertimento della “movida”): dal 2018 le “navi gialle” tracceranno infatti una nuova rotta. Il debutto, come annuncia il portale www.mareonline.it, è già stato segnato sul calendario: il 21 aprile “quando un moderno e confortevole Mega Express mollerà gli ormeggi da Tolone per puntare verso Alcudia, porto situato a nord est dell’isola spagnola. Un percorso che verrà effettuato due volte a settimana, con traversate diurne o notturne, fino alla fine della stagione estiva.  Continua a leggere

Super ammortamento cancellato per i camion? Con una sola manovra il Governo delude tutti

La bontà di una decisione può essere giudicata dal numero di condivisioni o contestazioni che quella stessa scelta provoca? Spesso sì. Se è contestata da quattro gatti non c’è certo troppo da preoccuparsi, ma se l’insurrezione è generale meglio farsi un bell’esame di coscienza. A giudicare dalla “rivolta” che ha scatenato la semplice eventualità che non venga  rinnovato il  super ammortamento per i veicoli industriali nella Legge di Stabilità 2018 c’è da ritenere che il Governo una riflessione la faccia in fretta e furia. Già, perché a “rivoltarsi” contro questa possibilità è l’intero mondo del trasporto Continua a leggere

Strade e camion si “parlano” grazie ad Anas e Scania che viaggiano insieme a tutta tecnologia

L’Italia ha percorso un nuovo importante “tratto di strada” verso la nuova era della digital transformation delle infrastrutture, verso un futuro in cui strade e autostrade “dialogheranno” con chi le percorre, generando dati e servizi destinati ad agevolare la mobilità di persone e merci, facilitando e semplificando il trasporto. Un nuovo passo nell’adeguamento tecnologico della rete stradale, attraverso strumenti che possono facilmente essere introdotti nei lavori di manutenzione o di realizzazione di nuovi collegamenti via asfalto, che ha visto sedersi fianco a fianco, in “cabina di guida” Anas e Scania, protagoniste di un nuovo progetto di sviluppo delle tecnologie per le “Smart Road”. Continua a leggere

La Cina in 43 ore costruisce un ponte, l’Italia in 19 anni non riesce ad aprire un cantiere

I nostri porti affondano in un mare di scartoffie. Un titolo che fotografa alla perfezione la situazione degli scali italiani quello scelto dal quotidiano Libero per riassumere i contenuti di un articolo sul trasporto di merci via mare alla luce di quanto “emerso” dalla lettura del documento “Analisi e previsioni per il trasporto merci in Italia” realizzato da Confcommercio Imprese per l’Italia e presentato a Villa D’Este a Cernobbio, sul lago di Como, in occasione del terzo Forum Internazionale di Conftrasporto. Le scartoffie sono quelle di una burocrazia che come un cancro divora da decenni il Paese, che tutti denunciano a parole, ma che nessuno, classe politica in primis, sembra voler sconfiggere davvero (anche perché la gigantesca macchina burocratica rappresenta un bacino di voti alle elezioni capace di far vincere o perdere….). Una burocrazia capace di imprese da Guinness dei primati (anche se di cui vergognarsi per l’eternità). Un esempio? Continua a leggere