Aiuti, controlli, assunzioni: il Governo fa nuove promesse agli autotrasportatori. Le manterrà?

La conferma per il prossimo triennio delle risorse destinate al settore autotrasporto. E poi l’inserimento nel decreto legge fiscale del 24 aprile di un emendamento che preveda misure relative al ferrobonus e marebonus, ovvero gli incentivi per il trasporto merci su rotaia e sulle autostrade del mare; nuovi strumenti di repressione dell’abusivismo in tema di trasporti internazionali; sconti sul pagamento dei pedaggi autostradali; assunzioni di nuovi ingegneri, che dai primi di maggio inizieranno a prendere servizio nelle Motorizzazioni civili per far ripartire le pratiche per le revisioni dei camion. E,ancora, la conferma che l’8 maggio la Conferenza Stato-Regioni esaminerà la direttiva ministeriale sui trasporti eccezionali, di fatto paralizzati dopo il crollo di alcuni cavalcavia, che prevede la ‘deresponsabilizzazione’ delle imprese di autotrasporto oggi assurdamente chiamate a far verificare, a spese proprie, la stabilità di un’infrastruttura che dovrà essere attraversata da un bisonte della strada. Sono moltissime, sulla carta, le “vittorie” ottenute dal mondo dell’autotrasporto al termine dell’incontro che si è svolto a Roma tra i rappresentanti del ministero delle Infrastrutture da una parte e quelli ed Unatras, dall’altra. Continua a leggere

Trenta nuovi ingegneri al lavoro da maggio nelle Motorizzazioni per far ripartire le revisioni

Dai primi di maggio una trentina di ingegneri prenderà servizio in diverse sedi delle Motorizzazioni civili d’Italia per far “ripartire” le pratiche negli uffici, contribuendo in particolar modo a smaltire le montagne di pratiche accumulate negli ultimi mesi  per le revisioni, e dando finalmente una prima risposta concreta a una situazione (provocata proprio dalla carenza di personale) che ha rallentato o addirittura bloccato  l’attività di numerose imprese di autotrasporto. Lo ha deciso il ministero dei Trasporti che ha anche assicurato l’assunzione, nei prossimi mesi, di nuovi  altri  ingegneri per far recuperare il tempo perso. Continua a leggere

Grillo chiede ai cittadini di votare il trasporto che verrà? Uggè: “Sì al test, no a facili slogan”

“Non si può che giudicare positivamente un test come quello fatto dal Movimento 5 Stelle per raccogliere, sul web, i pareri dei propri militanti sul tema dei trasporti: è un bene che i cittadini siano chiamati a esprimersi in generale sulle priorità in un settore tanto importante:,ma attenzione a dannose semplificazioni”. Ad affermarlo, commentando l’iniziativa del Movimento guidato da Beppe Grillo, è il vice presidente di Confcommercio e presidente di Conftrasporto Paolo Uggè, che avverte: “ Il buon governo del sistema trasporti del Paese non può prescindere da approfondimenti tecnici e valutazioni multidisciplinari, nell’ambito dei quali un ruolo centrale deve sempre assumere la considerazione della sostenibilità economica degli interventi. E la sostenibilità la può garantire solo il mercato. Per questo è necessario assecondare le esigenze delle imprese che lo compongono. Continua a leggere

Come viaggeremo se Beppe Grillo dovesse guidare il Paese? La risposta arriva dal web

Il mondo dei “grillini” è stato chiamato a esprimersi sul programma trasporti del Movimento 5 Stelle, votando (ovviamente via web) per stabilire quali dovranno essere le priorità del programma stesso e prendere una posizione netta su alcuni temi. Ad annunciarlo è un post messo on line sul Blog del movimento guidato dall’ex comico genovese. Tre i temi sui quali gli iscritti sono stati chiamati a decidere: aeroporti, trasporto merci e mobilità urbana. I primo due quesiti sono: “ritieni opportuno eliminare il finanziamento statale agli aeroporti che non raggiungono l’equilibrio finanziario anche se questo dovesse  comportare la chiusura di qualcuno di questi” e “sei disponibile a incrementare le infrastrutture di collegamento  ferroviario con porti e interporti per favorire la transizione del trasporto merci dalla gomma al ferro? Continua a leggere

Sexy autista? Lei è scesa dalle passerelle dove si diventa Miss per salire alla guida di un Tir

Di solito le bellezze che  sono riuscite a calcare la passerella di una finale a un concorso di bellezza nazionale sognano di poter  riuscire al più preso a posare i propri affascinanti piedi sulla sabbia di una spiaggia dorata trasformata in un set per la campagna pubblicitaria di una famosa casa di costumi, di abbigliamento , di accessori. Oppure sul pavimento di uno studio televisivo, magari per una di quelle trasmissioni dove sapere chi è il presidente della Repubblica o il Nobel per la pace è un optional ma sono invece fondamentali una generosa scollatura, una minigonna vertiginosa con le gambe ben accavallate e magari qualche flirt, anche se fasullo come l’oro giapponese, con qualche superpalestratoabbronzato…  Continua a leggere

Autotrasporto, il Governo ora ha una sola via per dimostrare di non aver detto bugie

Sarà decisivo, in un senso o nell’altro, l’incontro in programma il 27 aprile al ministero dei Trasporti tra i rappresentanti dell’Unatras e quelli del dicastero. Per il mondo dell’autotrasporto, che in  tempi non sospetti ha valutato positivamente la conduzione e le decisioni assunte dal ministro Graziano Delrio in tema di trasporto, questo incontro rappresenta infatti  “l’ora della verità”, l’appuntamento, non più in alcun modo rinviabile, per scoprire se le intese che sono state sottoscritte e che contengono misure importanti per la vita delle imprese di autotrasporto diverranno operative oppure se resteranno sulla carta. Ipotesi, quest’ultima, che non potrà che avere, come conseguenza, la protesta. Ipotesi purtroppo tutt’altro che remota: i segnali che i responsabili delle associazioni stanno raccogliendo, non sembrano aprire troppe strade alla speranza.  Continua a leggere

Migliorare i treni dei pendolari e raddoppiare le rotaie? Fs preferisce investire sui Tir olandesi…

Perchè le ferrovie italiane scelgono d’investire in una società di trasporto su gomma in Olanda e non utilizzano invece quei soldi per per migliorare i trasporti ferroviari in Italia? A porre la domanda, condivisa probabilmente da qualche milione di italiani, è il presidente di Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio Paolo Ugge, che commentando l’annuncio dell’amministratore delegato di Fs, Renato Mazzoncini, in merito alla partecipazione a una gara in Olanda per acquisire una società di trasporto su gomma, è immediatamente intervenuto sul “caso”. Continua a leggere

Beppe Grillo vuole più merci sui treni? Anche i trasportatori, pronti a discuterne con lui

“Salutiamo positivamente le recenti dichiarazioni di Beppe Grillo sui trasporti. Pur con alcune inesattezze riguardo l’incidentalità e la quota assicurata dal trasporto su gomma le dichiarazioni del leader del Movimento 5 stelle confermano la centralità della logistica per la competitività nazionale e l’importanza del confronto con le imprese e gli operatori da tempo sostenuta dalla nostra confederazione”. A commentare con queste parole quanto scritto da Beppe Grillo sul proprio blog in merito alla necessità di implementare il trasporto merci su rotaia è il presidente di Conftrasporto e vicepresidente di Confcommercio Paolo Uggè, che ha approfittato dell’occasione per spiegare le ragioni della protesta del mondo dell’autotrasporto. Protesta che, guarda caso, riguarda anche le mancate risposte da parte della politica alla domanda di uno sviluppo combinato strada rotaia sostenuto da tempo da Conftrasporto. Continua a leggere

Fai Conftrasporto-Authority 1-0. La sfida sul 6 per mille da pagare è stata vinta dai trasportatori

Fai Conftrasporto – Authority 1-0. Ha scelto un titolo “calcistico” il sito www.conftrasporto.it per annunciare la vittoria della federazione (anche se solo nella partita d’andata) contro l’;autorità dei trasporti alla quale Fai-Conftrasporto aveva contestato la legittimità della richiesta del contributo rivendicato dall’Authority dei trasporti nei confronti delle imprese di autotrasporto. Sono stati gli stessi avvocati dello studio legale al quale la federazione ha dato mandato di opporsi alla decisione dell’Authority a dare notizia che il contributo (annuale per un importo pari al 6 per mille del fatturato, chiesto alle imprese di autotrasporto dal garante per il proprio funzionamento) non è dovuto. I giudici del Tar, il tribunale regionale amministrativo, hanno infatti ribadito che le disposizioni di legge non assoggettano le imprese che esercitano nell’autotrasporto merci in conto terzi alla vigilanza stessa. Continua a leggere

Napoli vuol ripartire dal suo porto e diventare capitale del turismo crocieristico

“Abbiamo flussi turistici notevoli e se riusciamo a far decollare il traffico crocieristico la Campania puo’ essere leader in Italia. Ma per farlo dobbiamo garantire la sicurezza dei turisti e non dobbiamo perdere tempo a realizzare interventi importanti, sia per quanto riguarda i dragaggi, vera e propria impresa fino a oggi, considerando che in Italia per scavare un po’ di sabbia nei porti bisogna affrontare un calvario, sia per la realizzazione di una connessione tra i porti e le aree interportuali, liberando nuovi spazi per favorire la logistica”. Ad affermarlo, intervenendo alla presentazione del piano operativo dell’Autorita’ portuale del Mar Tirreno Centrale, è stato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca secondo il quale dopo aver vissuto, relativamente alla portualita’, “un periodo difficile, adesso si e’ aperta una nuova opportunita’ che dobbiamo cogliere, visto che il Mediterraneo e’ tornato centrale. Continua a leggere