Polizze online, su Internet si naviga tra occasioni e fregature: come riconoscere i siti pericolosi

C’è chi preferisce il contatto diretto e il rapporto con la persona. C’è, e sono tanti, anche chi naviga su internet, cerca la polizza migliore e fa tutto online. Navigando si possono trovare approdi sicuri, ma anche scogli pericolosi. L’Ivass, l’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, ha recentemente segnalato un sito internet, www.guidiassicura.it, “che si presenta come un’agenzia assicurativa plurimandataria e riporta il nominativo di un broker regolarmente iscritto nel Registro unico degli intermediari assicurativi il quale ha dichiarato la propria totale estraneità alle attività svolte tramite il predetto sito internet”.  Continua a leggere

Qual è l’assicurazione auto più conveniente? Online c’è il comparatore di tariffe dell’Ivass

Cercate l’assicurazione auto più conveniente, navigate su internet e stipulate una polizza convinti di aver strappato le migliori condizioni sul mercato. Ma non sempre è così. Perché, come ha spiegato il presidente dell’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, Salvatore Rossi “il mondo dei siti comparativi è un po’ migliorato” dopo l’indagine condotta dall’Ivass, ma “il lavoro è ancora lungo”. Parole pronunciate in occasione della presentazione del nuovo sito web dell’Ivass, al cui interno si può trovare un “comparatore veramente neutrale”.

Continua a leggere

Boom delle scatole nere sulle auto: al Sud una su due ce l’ha. In testa Caserta, Napoli e Catania

Sulle auto ci sono sempre più scatole nere. Soprattutto al Sud, dove il dispositivo viene scelto da quasi un automobilista su due. Secondo una recente indagine dell’Ivass l’installazione della scatola nera è in “un trend crescente”. “Il 45 per cento degli assicurati del Sud” adatta il dispositivo e “a Caserta si arriva al 47 per cento”, ha commentato Marco Casconati, che ha curato lo studio per l’Ivass.  Continua a leggere

Troppi incidenti in auto al Sud: per tagliare la polizza Rc occorre ridurli e avere la scatola nera

Sono in arrivo sconti sulla polizza Rc auto per gli automobilisti che abitano nelle province in cui avvengono più incidenti stradali e in cui si pagano in media i premi più elevati, spesso al Mezzogiorno ma a due condizioni: che si tratti di automobilisti virtuosi, ovvero che non abbiano provocato incidenti con responsabilità esclusiva, principale o paritaria negli ultimi 4 anni, e che siano disposti a far installare la scatola nera sul proprio veicolo. La nuova decisione è stata adottata con un emendamento al ddl Concorrenza, approvato dalla commissione Industria del Senato. Continua a leggere

Rc auto, i contratti saranno più chiari: la nota informativa in sole tre pagine

Tre pagine per avere tutte le informazioni, per comprendere in maniera chiara i contratti di assicurazione dell’auto. L’Ivass ha messo a punto una nuova nota informativa, realizzata con la collaborazione di tutti gli attori del settore. Un’operazione trasparenza nata per evitare che si firmi qualcosa che non si è letto o capito fino in fondo e per agevolare il confronto tra le offerte delle varie compagnie. Il nuovo documento non riporterà riferimenti normativi se non essenziali o rinvii alle condizioni di polizza. Continua a leggere

Rc auto, sconti a chi vive in città ad alto rischio ma non provoca incidenti

Sconti garantiti agli automobilisti virtuosi che abitano nelle città dove avvengono molti incidenti. L’Ivass dovrà infatti redigere e tenere aggiornata una lista delle province con più sinistri che servirà come base per ricompensare con sconti “aggiuntivi e significativi” gli automobilisti che in quelle città ci abitano e semplicemente per questo pagano premi più alti. Continua a leggere

Rc auto, i prezzi più alti a Napoli e in Toscana. È Aosta la città più economica

Assicurare un’auto a Napoli costa un capitale, mentre ad Aosta i prezzi sono decisamente più alti. All’ombra del Vesuvio, l’Rc auto si paga 714 euro, ben 410 in più di quello che serve per garantirsi la copertura in Val d’Aosta. I dati sono contenuti nell’ultima indagine dell’Ivass sull’andamento dei prezzi effettivamente pagati per la garanzia Rc auto. Il prezzo medio italiano nel terzo trimestre del 2015 è di 452 euro, con un aumento su base trimestrale dello 0,6 per cento e un calo su base annuale del 7,5 per cento. Continua a leggere

Rc auto, non è più obbligatorio esporre il tagliando. Ma non dimenticate il certificato

In molti hanno preso anche delle multe per non averlo affisso alla scadenza giusta. Ma tutti gli utenti della strada, almeno una volta, si sono dovuti confrontare con i tagliandi dell’assicurazione dell’auto. Un quadratino di carta da inserire sotto il parabrezza. Peccato che quel quadrato sia sempre un po’ più grande della sua custodia. E allora, tutti a piegare gli angoli e i bordi fino a realizzare la forma adatta. Chi ha l’auto di qualche anno poi si trovava un mazzetto di tagliandi pronti a svolazzare quando si accende l’aria per sbrinare i vetri. Ebbene, da domenica tutto questo è diventato un ricordo. Continua a leggere

Rc auto, i prezzi continuano a scendere: ora il premio medio è di 457 euro

Quando si deve pagare qualcosa la sensazione è che i prezzi continuino a salire, sia per i beni sia per i servizi. Eppure per il settore dell’auto questa formula non sembra essere veritiera. Parliamo di assicurazioni per esempio. Il prezzo medio della garanzia Rc Auto nel primo trimestre è sceso del 7,8 per cento rispetto allo stesso periodo 2014 e del 3,7 per cento sul trimestre precedente. Continua a leggere

Rc auto, prezzi in calo dell’8 per cento. Cambiando compagnia si risparmia

Il prezzo della Rc auto scende, ma “da molti anni” l’Italia è “il Paese dalle tariffe più alte nel confronto internazionale”, soprattutto a causa “dell’enorme presenza di frodi”. Lo dichiara Salvatore Rossi, presidente dell’Ivass, l’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, che nella sua relazione annuale parla di “progressi considerevoli” per quanto riguarda i prezzi. “Poco mancherebbe ad una vera e propria svolta”, spiega Rossi. Continua a leggere