Vaccini anti Covid: chi e come sta organizzando le consegne (su mezzi a temperatura controllata)?

La corsa alla produzione di vaccini anti Covid-19 è partita ormai da mesi e potrebbe essere in vista del traguardo, con decine di milioni di dosi destinate a essere distribuite su tutto il territorio nazionale mettendo (almeno questa è la speranza di tutti) la parola fine a uno dei capitoli più drammatici della storia sanitaria ed economica del nostro Paese e dell’intero pianeta. Ma se nei laboratori di ricerca tutto sembra procedere nel migliore dei modi la stessa cosa avviene per la “corsa” a organizzare nel migliore dei modi la distribuzione e la consegna dei vaccini?  La domanda sorge spontanea leggendo la notizia, pubblicata su Trasporti-Italia.com  di uno studio realizzato dal Gruppo Deutsche Post DHL in collaborazione con McKinsey & Company che ha per tema proprio tutto quanto va predisposto per far trovare pronta l’industria logistica a garantire una copertura globale dei vaccini con una strategia stabile ed efficace. Un’analisi che  sottolinea in particolare come “la prima sfida a cui dovrà far fronte il settore logistico è la temperatura”, considerato che “molto probabilmente alcuni vaccini dovranno essere sottoposti a rigorosi standard che potranno raggiungere temperature fino a -80 gradi  per far sì che la loro integrità sia preservata durante il trasporto e l’immagazzinamento”. Un tema particolarmente importante se si pensa che  la normale catena di  distribuzione  del settore farmaceutico solitamente prevede il trasporto di vaccini a temperature completamente diverse. Un settore, quello logistico, chiamato dunque a  il risultare, ancora una volta, determinante per poter vincere la nuova sfida,  ma solo con una “cabina di regia” in grado di pianificare “scientificamente” l’operazione. Come avrebbe dovuto accadere, nei mesi scorsi, per la riorganizzazione dei trasporti pubblici in vista della riapertura delle scuole, potenziando per esempio le corse dei pullman nelle città (in modo da consentire un “carico” ridotto di passeggeri , distanziandoli) utilizzando, magari , le migliaia di pullman utilizzati per gite turistiche e fermi da mesi nelle rimesse. Soluzioni che la politica avrebbe dovuto pianificare e gestire durante l’estate e che, invece, non ha fatto. Per la distribuzione dei vaccini su mezzi a temperatura controllata cosa si sta facendo? Il settore della logistica, che come hanno drammaticamente confermato le settimane di locdown è assolutamente strategico e più che mai vitale di fronte a una simile emergenza, è stato adeguatamente coinvolto e “formato” per fare la propria parte nella distribuzione di quei vaccini che rappresentano l’unica vera arma a disposizione per evitare un’altra strage?

5 risposte a “Vaccini anti Covid: chi e come sta organizzando le consegne (su mezzi a temperatura controllata)?

  1. Manca solo che si arrivi ad avere i vaccini pronti senza camion frigo che li portano nelle farmacie o negli ambulatori medici….Il Governo in proposito cosa dice?

  2. Solita pagliacciata governativa e organizzativa, gestita da INCAPACI. Che garanzie offrirà un farmaco importante (vaccino ?), già di dubbia efficacia, che deve RIMANERE rigorosamente conservato a -80 gradi centigradi, durante tutto il percorso logistico di utilizzo ? FLOP ANNUNCIATO. !

  3. Da alcuni giorni sto guardando su Rai 1 una trasmissione che si chiama Vita in diretta. Ogni giorno sento ripetere le stesse identiche cose. Temi come quello che state sollevando voi con questa “domanda” al Governo su chi trasporterà i vaccini a temperature bassissime per preservarne l’efficacia, non le fanno…

  4. Fortunatamente questo studio non è gestito dalla politica. L’imprenditoria, tanto volte maltrattata, non si farà trovare impreparata.

  5. Questa notizia dovrebbe finire in prima pagina su tutti i giornali e in tutti i Tg fino a quando il Governo non avrà dato una risposta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *