“L’Autorità di regolazione dei trasporti non deve essere più finanziata e deve restituire i soldi”

“Lo stop al versamento all’Art (Autorità di regolazione dei trasporti) del contributo degli autotrasportatori per il 2021 deve essere solo un primo passo verso la necessaria eliminazione dell’odiosa gabella a carico delle imprese del settore”. Ad affermarlo è Paolo Uggé, presidente di Conftrasporto che commentando l’approvazione in commissione trasporto al Senato dell’emendamento presentato dalla senatrice Simona Pergreffi per l’eliminazione della “tassa occulta” per l’anno in corso ha auspicato che il Parlamento possa fare ulteriori passi in avanti “prevedendo innanzitutto di ampliarne la portata eliminando il contributo anche per il 2019 e il 2020 e prevedendo quindi la restituzione immediata di quanto già versato dalle imprese. Continua a leggere

Senza trasporto su gomma le merci non viaggiano. Ma il Governo non se ne è ricordato

“Nel testo del Piano nazionale di rinascita e resilienza è chiara la volontà di indirizzare quante più risorse possibili verso il rafforzamento del trasporto ferroviario, mentre non solo non vi è stata altrettanta considerazione ma addirittura non c’è traccia di un provvedimento diretto per il trasporto su gomma, che rappresenta la modalità di gran lunga principale nel trasporto delle merci nel nostro Paese”. È forte e chiaro il messaggio che Unatras, l’Unione nazionale delle associazioni dell’autotrasporto merci, ha voluto inviare alla vice-ministra del ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile (ex ministero delle Infrastrutture e Trasporti) Teresa Bellanova, all’indomani del conferimento della delega all’autotrasporto affidato proprio all’ex ministra delle Politiche agricole alimentari e forestali nel Governo Conte II . Continua a leggere

Alt all’Art? Sulla “tassa occulta” imposta ai trasportatori sta per scoccare l’ora della verità

Alt all’Art?  Nel 2021 gli autotrasportatori non dovranno davvero versare i contributi all’autorità di regolazione dei  trasporti? Per saperlo occorrerà attendere giovedì 6 maggio, quando il Parlamento sarà chiamato a votare  l’emendamento al Decreto legge sostegni presentato dalla senatrice Simona Pergreffi, esponente  della Lega e prima firmataria della proposta di sospendere il versamento  “’in considerazione dei gravi effetti derivanti dall’emergenza epidemiologica”. Una cancellazione di quella che il mondo dell’autotrasporto considera da sempre una “tassa occulta” e soprattutto “non dovuta”, chiesto dalla senatrice bergamasca e dagli altri firmatari del documento, “al fine di sostenere il settore del trasporto”, non  applicando “per l’anno 2021 l’obbligo di contribuzione nei confronti dell’autorità di regolazione dei  trasporti alle imprese di autotrasporto merci in conto terzi, Continua a leggere