2500 euro netti al mese per guidare Tir modernissimi. Ma l’azienda non trova gli autisti

Contratto a tempo indeterminato e una paga mensile di 2000 o anche 2.500 euro mensili netti. In tempi in cui il lavoro e sempre più precario e gli stipendi sempre meno allettanti un annuncio del genere dovrebbe scatenare la “fila” di aspiranti a quel posto di autisti offerto dalla la Cst srl,  del Consorzio Co.Tra.Log, con sede a Scorzé, a 25 chilometri dalla Serenissima,  che nei propri piani di espansione ha previsto 150 nuove assunzioni nell’arco di due anni. Invece la risposta è stata quantomeno tiepida: “Trovare personale con le patenti di guida necessarie e interessato a questa professione non è facile”, ha infatti confessato Roberto Scarpa, titolare dell’azienda nata nel 1985 a Spinea, per poi crescere e spostarsi a Mirano, Santa Maria di Sala, Noale e infine Scorzé, al giornale La Nuova Venezia. “I giovani italiani, per esempio, non sono attratti da questo lavoro che prevede orari notturni, nonostante in cambio venga offerto un buono stipendio, sicurezza, formazione e il posto fisso, che non mi pare poco di questi tempi”. Oltre alla possibilità di “lavorare” seduti al volante di mezzi moderni  come i 150 nuovi automezzi di ultima generazione a Gnl, gas naturale liquefatto, che l’azienda è pronta ad acquistare  per assicurare l’abbattimento di gran parte delle emissioni inquinanti. Nuovissimi Tir da affidare a 150 nuovi dipendenti con patente E e abilitazione Cqc, sempre che, in un Paese che sembra intenzionato a “educare” le nuove generazioni con la cultura dell’assistenzialismo, col reddito di cittadinanza da incassare per starserne a casa a non fare niente, i giovani da assumere si riescano a trovare….

46 risposte a “2500 euro netti al mese per guidare Tir modernissimi. Ma l’azienda non trova gli autisti

  1. Buongiorno, da qualche anno la federazione provinciale di Verona, come del resto altre di Fai, sta promuovendo l’acquisizione di nuove patenti per guidare mezzi pesanti sostenendo, a supporto dei giovani che vogliano conseguirla per diventare veri professionisti della guida, gran parte della spesa per ottenerla. Seguendo la strada “indicata” dall’iniziativa dell’Albo degli Autotrasportatori, la nostra associazione sostiene la spesa organizzando un percorso intensivo di frequenza, in modo che nell’arco di due mesi i giovani aspiranti conducenti possano affrontare gli esami e una volta superati, possano entrare nell’organico di aziende che lo stanno già aspettando (la richiesta è fortissima…) per integrarlo nella propria struttura. In più, con alcune aziende abbiamo stretto un ulteriore accordo che prevede, se il neopatentato supera il periodo di prova e accetta il contratto a tempo indeterminato,  il totale rimborso della quota pagata dal giovane autista. Le città nelle quali stiamo intervenendo per incentivare l’avvicinamento dei giovani all’attivita’ di conducente professionale sono: Verona, Potenza, Cagliari, Palermo. Il percorso prevede, per aumentare l’esperienza nella guida del veicolo, l’uso di un simulatore professionale che permette di correggere errori di inesperienza limitando così al massimo il pericolo di incidenti stradali. Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti e saluto cordialmente.

    • Io autista professionale 18 anni, per ritornare a lavorare, la mia tariffa è: 4.000 euro mensile più la trasferta, kilometraggi, e domenica fuori di casa il 100%>.
      Se veramente avete bisogno io rientro in Italia e lavoriamo come si deve.

    • Per andare al sodo: in tutte le buste abbiamo 40 ore settimanali e già ne fai 15 solo il lunedì, di cosa state parlando?? E non è solo in questo settore in molti altri. Le buste paghe dovrebbero essere in linea con le ore della carta tachigrafo, siccome lo Stato lo sa come va e se ne frega. Basta che dice agevolazioni per le patenti, Ma poveri illusi. A mio figlio a posto di fare questo lavoro gli consiglio di rubare. Scusate ma e così fra un paio di anni non ci sono più autisti

      • Non parliamo di rapporti di lavoro irregolari. Parliamo di 47 ore settimanali con i riposi previsti e con massimo una o due notti fuori casa su un veicolo per lo piu’ Euro6 con i maggiori comfort. Oltre ci sono gli straordinari e le trasferte. IL FINE SETTIMANA A CASA. Il conducente viene formato dall’azienda sia per quanto riguarda la parte obbligatoria sia per quella inerente le nuove tecnologie e gli stili di guida. Le aziende inoltre mettono sul piatto dei premi per quegli autisti piu’ efficienti e seri e per ultimo anche un rimborso per le spese di acquisizione della patente per i giovani. Poi se uno preferisce starsene a casa senza sentirsi un parassita e percepire il reddito di cittadinanza ( magari o andare a rubare con tutti i rischi che ne conseguono se viene preso…) vorra’ dire che abbiamo sbagliato a fare il mestiere piu’ importante che esiste: il genitore.

        • Ho una grande passione per i camion sin da piccolo. Fino ad oggi ho sempre fatto lavori da impiegato d’ufficio, ma con la crisi, sono rimasto senza lavoro. Da un bel po’ sono disoccupato e sto pensando di conseguire C -E-CQC, ma facendo un giro nelle varie scuole guida, mi sono accorto che i prezzi sono proibitivi, soprattutto per chi come me è senza lavoro. Gli incentivi per conseguire le patenti sono riservati agli under 30, io ho 42 anni, quindi niente sconti per me. Ho letto per caso questo articolo e se l’azienda in questione mi rimborsa il costo del conseguimento delle patenti e mi assume, sono disponibile immediatamente.

          • Tutte bugie, non ti prendono finché non hai espresso almeno 2 o 3 anni, prova a chiamarli

          • Bravo. Anche io sono nella stessa situazione ma preferisco conquistare la patente c cqc è e senza aiuto …tanto non c’è per nessuno…

  2. Da questo articolo e da altri pubblicati in passato si deduce che in Italia il lavoro c’è, manca la voglia di lavorare e con i vari redditi di cittadinanza ce ne sarà sempre meno.

    • Carissimo signore, il problema serio è che in Italia non ti pagano per quanto lavori, lei sa cosa vuol dire vivere in cabina, lavarsi quando, andare in bagno quando, mangiare quando, fare la pausa dove capita?. Ma a volte bisogna provare prima e poi parlare, quel signore che dice noi offriamo…….. Questo accade perché non trovano più autisti esteri a 1000 euro al mese. Io vivo e lavoro in Germania da 6 anni faccio l’autista ho la patente dal lontano 1990 mi occupo di ribaltabili ogni sera sono a casa la mia paga oraria brutto e di 19 euro e poche centesimi per ogni ora di lavoro. La paga netta è attorno alle 2500 2600 euro al mese. Non pagano lo straordinario ma le somme vanno in una banca ore che non perdi. Quindi c’è il lavoro o c’è chi rende schiavi i lavoratori.A dimenticavo gennaio e febbraio a casa per periodo invernale ma se lavori la paga aumenta,
      15 giorni di ferie ad agosto, 20 giorni a Natale. Più tutte le feste non si lavora. Aaa il venerdì alle ore 12 fine lavoro.

  3. Problema 1. Giovani che trovino i soldi per prendere le varie patenti,sono rari. Problema 2: Anche fossero 2000 euro mese, dite anche che sono compresi delle spese per mangiare. Problema 3.Che altra categoria ha come contratto 13 e 15 ore impegno giornaliero? Altri problemi non ne parliamo, e’ inutile,tutti lo sanno. Per fare la vita dell’autista la paga minima dovrebbe essere molto ma molto di piu’ E ci vorrebbe MOLTO MA MOLTO PIU’ RISPETTO DA TUTTA LA FILIERA VERSO L’AUTISTA. Non diamo sempre la colpa che in Italia i giovani non vogliono lavorare,ma a parte, in questo caso, di parte della filiera che li tratta molto male. Sono autotrasportatore con dipendenti.

      • La normativa a cui fai riferimento impone 9 ore giornaliere… Mica 13 e 15 ore… per totale massimo di 56 ore settimanali e 90 ore Bisettimanali. (Info: stò prendendo la C.)

  4. L’annuncio apparentemente sembra appetibile. Il lato oscuro sembra essere quello di non specificare quanti sacrifici bisogna fare, ad esempio: per 2.500€ quante notti si deve dormire in cabina? La 13/14^ sono pagate a parte? Oltre alla guida, di che tipologia di lavoro si tratta? Secondo Voi 2.500€ sono tanti per rimanere fuori una settimana con tutte le spese a carico dell’autista? Troppo facile scrivere gli articoli alla leggera. Anzi, dirò di più: mi propongo per fare il giornaliero a 2.500€ 13^ e 14^ a parte, vediamo se vengo assunto. Vent’anni di esperienza.

  5. Innanzitutto complimenti al collega (imprenditore) che aumenta di 150 il proprio parco veicolante. Davvero chapeau.
    Se la società non trova autisti, comunque, forse la sua offerta (e credibilità per l’autista) non è interessante: può essere il veicolo (i camion a gas sono fantastici ma poco conosciuti), possono essere le condizioni collaterali (se devo venire a Scorzé con la macchina e lasciarla li tutta la settimana, non è molto funzionale) o economiche (2.000€ sull’internazionale è molto poco, sul nazionale è abbastanza poco e se si includono 13ima e 14ima come fanno molti è pochissimo) o semplicemente lavorative.
    Di gente che vuole lavorare è piena l’Italia e sono italiani e non italiani, se un posto non è ambito il motivo c’è: smettetela di descrivere tutti come lazzaroni.

  6. 2500 euro al mese, per 330 ore di media di impegno fa poco piu’ di un operaio specializzato. Peccato che non sei spesato, quindi non sono puliti. Toglici le spese, e gia’ ci vai a rimettere. Oltre che tutto viene forfettizzato, dalle notti, al carico e scarico, pulizie e manutenzione. Poi Scarpa, con rispetto, se devo fare letteralmente campeggio i finesettimana fuori da Esselunga Biandrate, a cucinare e stendere i panni in un piazzale anche no! (andare a vedere per credere!) La voglia non manca, semplicemente con l’apertura dei mercati a est questo lavoro ha perso potere contrattuale e non ne vale la pena!

    • Pagavano male anche negli anni 80, e allora non esisteva il mercato dell’Est e nemmeno quello africano, e che i poveri autisti sono sempre stati pagati male e trattati peggio

  7. Si, per prendere 2500, dovresti fare lavoro dei freschi. Vuol dire lavorare quasi sempre di notte (soliti 13-15 ore), viaggiare anche durante giorni festivi, stare fuori tutta la settimana e la cosa più bella “riposare” d’estate sotto il sole quando fa 40 gradi, con il motore del frigo dietro la cabina che non si stacca mai, più tocca tenere camion acceso per avere aria condizionata. Un altra cosa ,ti fanno pagare tutti danni che fai al veicolo o a terzi, sono 500 euro di franchigia, per quanto sei bravo prima o poi succede qualcosa, non sto parlando di incidenti grossi, ma cose che possono accadere, graffi una macchina, porti via lo specchio perché tante volte ti mandano in dei posti dove un bilico non dovrebbe nemmeno entrare. Alto rischio di beccare una multa. Poi c’è sempre da chiarire se 2500 sono netti, oppure comprendono 13ma e 14ma mensilità, TFR e ferie. Si, tanto spesso si parla del TUTTO COMPRESO!

  8. Mi pare ci sia molta confusione sia sull’attività di autista sia sulle condizioni retributive. In alcuni commenti poi emerge come non vi sia una grande voglia di cercare lavoro ma solo avere un lavoro che consenta di essere poco impegnati e prendere tanti soldi. Poi il reddito di cittadinanza non aiuta….

  9. Su facebook, dove purtroppo ognuno è libero di scrivere quello che vuole senza essere controllato, ho letto commenti decisamente idioti.C’è gente che, invece di preoccuparsi di un Paese dove i giovani preferiscono stare a casa invece che andare a guadagnarsi lo stipendio (e per di più buono….) o di un Governo che li paga perchè stiano a casa a non fare nulla col reddito di cittadinanza inventato da un ex venditore di bottigliette alo stadio di napoli, preferisce fare chissà quali illazioni. Non so voi ma io non vedo piùnessuna luce in fondo al tunnel….. questa italia (di giovani fannulloni e nuovi politici indecenti mi fa pena e schifo insieme…..)

  10. Sinceramente sono stufo di leggere sui giornali e su internet di tutte queste aziende che offrono 2000-2005 €100 netti al mese per fare l’autista, o il camionista e scrivono che non riescono a trovare i giovani e non riescono a trovare personale preparato e spacciano 2000-2005 €100 al mese netti come se fosse un buono stipendio. Io alla GTS lì a Scorzè ci sono stato personalmente a fare domanda, ho vent’anni di esperienza sono italiano abito in un’altra città, ho la patente C e ho la Dr base cisterna è assolutamente posso dire che non è vero che la CTS offre €2500. Personalmente ho fatto un colloquio e mi è stato detto che mi davano €2000 al mese come inizio nonostante io ho vent’anni di esperienza dovevo dormire tutta la settimana sul camion. Ciò significa 20 giorni su una cabina di un camion, c’era da lavorare il sabato, c’era in più da stare lì tutta la settimana per esigenze lor. Quindi per cortesia imprenditori, titolari di aziende, smettetela di dire che non trovate autisti nonostante li pagate bene, perché non dite che non lo stipendio c’è compreso tredicesima quattordicesima TFR? Un’azienda seria che paga giusto non ha bisogno di farsi pubblicità, non ha bisogno di scrivere sui giornali, di scrivere su internet. Ci vuole un poco di verità e buon senso cari imprenditori se fosse vero che voi date €2500 al mese e la tredicesima e la quattordicesima e a parte e si lavorano 9 ore al giorno voi avreste la fila di autisti…

  11. Oltre alle tragiche condizioni di vita dell’autotrasportatore che sono state ben delineate dai commenti che mi hanno preceduto, vorrei far presente che come sempre le aziende oggi vogliono la moglie ubriaca e la pappa pronta. Infatti se si leggono gli annunci di lavoro cercano giovani + padroncini + con il mezzo proprio + cronotachigrafo + ADR + solo con esperienza. Al di là delle cifre per il mezzo (150.000,00 euro usato in su), vorrei proprio sapere come fa un giovane neo patentato ad avere esperienza se non ti fanno lavorare! Gli stipendi pubblicizzati comunque non rispecchiano la realtà! Sono lordi, comprendono le quote mensili di 13^ e 14^, contributi. Dopo un mese sulla strada e notti accampato in un parcheggio, forse ti porti a casa 980,00/1.250,00 netti, se il camion è sempre stato carico. Altrimenti anche meno.
    E dei pedaggi autostradali ne vogliamo parlare…?

  12. Sono un autista di camion da circa 26 anni, ho la patente ce + cqc + scheda Tachigrafa e Adr base. Volevo sapere dove si trovava questa ditta che assume autisti. Grazie.

    • E menomale che hai esperienza!! Lascia perdere se guardi autotrasporti Scarpa sindacati autisti… capisci perché non trova autisti!!!!!

  13. Ho inviato decine e decine di curriculum, ho 45 anni, non sono giovane ma neanche vecchio e ho esperienza abbastanza da oltre vent’anni… Risultato: nessuno ha chiamato e quindi cio’ mi fa presupporre che costoro cercano giovani da “ingannare” con 2500 euro all inclusive (tfr, 13a e 14a, ferie e quant’altro) e uno di esperienza non lo freghi con questi escamotage ma forse pensavano di ingannare qualche giovane che essendo sveglio di questi tempi hanno gia’ capito a cosa vanno incontro.Morale: paghino come si deve e poi si trova tutto il personale e di qualsiasi eta’.

  14. Io ho le patenti da circa un annetto, ho 38 anni, tutti interessati a prenderti, invii il curriculum vedono che non hai esperienza e nemmeno ti rispondono più, e poi si lamentato che non ci sono autisti. Ma per favore fanno pietà. Io sarei pronto a imparare con uno che ha già esperienza, il detto dice…. guarda e impara. Io sto in Sardegna dove forse è ancor più difficile trovare ma se qualcuno è disposto mi chiami pure, come dice qualcuno di voi 4000 € posso pensarci. 3407007273, scrivetemi con le vostre risposte, anche chi volesse darmi formazione

  15. Già è stato detto di tutto e di più… Ma se avete 56 anni ,di nazionalità e di nascita Italiana , siete figli d’arte , guidate camion da quando avete 12 anni , sapete fare di tutto , caricare e fissare come legge comanda ogni tipo di merce , guidare macchina e rimorchio o bilico , centinato o aperto , frigor o container ,cisterna o ribaltabile , leggere e scrivere , usare smartphone ,pc e schede tachigrafiche , lavare ed ingrassare , verniciare e riparare teli e sponde , cambiare gomme e maneggiare filtri,pastiglie freni ,soffioni , e lampadine , trattare con clienti e fornitori , contestare eventuali documenti non corretti , non accettare riserve false ed inventate da parte di ricevitori furbetti e poco onesti , insomma essere un Signor Autista con la A maiuscola e tutti gli attributi necessari…state sicuri che nessuna moderna “azienda di autotrasporti proprietaria di camion ” vi assumerà, tanto meno alle cifre, superiori ai 3mila euro mensili netti in busta paga , sbandierate da molte associazioni di categoria o dai padronati di settore. Molto probabilmente i moderni autotrasportatori cercano solo giovane e giovanissima mano d’opera a basso costo, non qualificata ne preparata, tanto con le “moderne ed efficienti scuole” aziendali che sono state allestite dai flottisti e dalle organizzazioni di categoria, il mestiere di autista si “insegna” con qualche mese di corsi ed approfondimenti… In caso di guai, danni e patatrac, tanto ci sono le assicurazioni, altrimenti che si pagano a fare …..

  16. Specificate bene le ore che uno deve stare a disposizione dell’azienda, le notti che dorme fuori e le spese per mangiare e lavarsi chi le paga oltre alle multe.. Fate 2 conti e vedrete che i 2500 € netti alla fine sono 1500 che restano per fare una vita da barbone. Quindi cari datori di lavoro che girate col Porsche e fate finta a fine anno di non aver avuto utili, fatevi la patente voi, i vostri figli e le vostre mogli e provate cosa significa farsi il mazzo per uno stipendio ridicolo.

  17. Invece di intervistare chi siede in poltrona , intervistate chi sta dietro un volante 6 giorni su 7, un camionista

  18. Il problema è trovare autisti che abbiano passione di guidare camion professionisti che guardando il proprio mezzo comunica col sentimento lo cura nei momenti vuoti lo lava anche in piena notte. Ma al fine non sono riuscito mai trovare una ditta come voi. Peccato comunque complimenti……

    • Forse di notte sarebbe anche cosa buona e giusta ripassare l’Italiano, scritto ed orale, oltre che “lavare in camion ….”

      • Il problema serio dell’italiano e iniziato quando tutti quelli che sanno scrivete leggere e parlare in titaliano,
        Hanno preso le retini di questo stato,. Quando mio nonno analfabeta e mio padre forse pure, hanno costruito le loro case e le nostre dove ora viviamo erano di sicuro più intelligenti di noi non bullizzavano chi non sapeva scrivere anzi lo aiutavano a esternare quello che pensava. L’Italia cresceva il lavoro non mancava e la sera tutti andavano a letto con la pancia piena, Ora tutti dotti e sapienti. Con le tasche bucate e senza spiccioli,Viva l’Italia

  19. Perché non dite che in America e Inghilterra tutti gli operai ricevono il stipendio ogni fine settimana e qua si paga il 20 del mese successivo?! Come fa un autista ad aspettare d’essere pagato per 50 giorni ?! Giornalisti, invece di accusare la povera gente cercate di portare democrazia .

  20. Professor Emilio, già che ha deciso di dare una lezione, l’Italiano, lo scriva con la ì minuscola, e, tanto per mettere i puntini sulle ì, tolga la d a ed: la di si messe solo fra una e e un’altra vocale uguale (ed essendo……) e non fra la e e una vocale diversa. Me ne nono ricordato lavando il camion….

  21. Salve… beh, mi spiace ma realtà discosta molto da quello che si vorrebbe far credere, le ore non sono 47 ma bensì parliamo di almeno 15 ore giornaliere d’impegno… Per non parlare degli out che le aziende pretendono giornalmente e illegalmente dai propri autisti.. Tutto questo cosa significa? Molto semplice!!! Quando ti va bene lavori 15 ore altrimenti facciamo una media di 17 ore lavorative tutti i giorni.. che moltiplicato per 22 giorni lavorativi.. senza parlare del sabato.. sono 340 ore mensili.. Ora dividiamo 2500 euro x 340 ore lavorative e capirete il perché nessuno vuole più fare l’autista.. Chiaramente per lavorare un povero Cristo e costretto ad assecondare le richieste della sua azienda.. Rischiando tutto.. patente.. vita.. ecc.etc. Sarebbe ora di smetterla… di sfruttare la povera gente..!!!!!!

  22. 2500 euro…. solo fumo negli occhi, smettetela di abbagliare i media con queste dichiarazioni e dite le cose come stanno, paga base lorda 1700 euro (1200 netti) il resto li cammuffate in trasferte per non versare contributi, ogni 5 anni dobbiamo pagarci Cqc rinnovo carta tachigrafica e patente. Le multe che capita arrivino quasi sempre a nostro carico, non parliamo poi dei danni ai mezzi, quando fai oltre 100000 km anno (molte persone non li fanno in una vita) può capitare succeda un incidente e spesso deve pagare l’autista. Parliamo poi dei disagi del lavoro, servizi igienici spesso fatiscenti docce dove capita e sempre più spesso a pagamento un pasto al giorno se vuoi che ti rimanga qualcosa a fine mese dormire in una scatola, se sei in giro con la febbre o il mal di denti. Non parliamo poi di chi è costretto a salire sui treni… fatiscenti e in cuccetta con 2/3 sconosciuti che non si lavano da giorni e asciugano i calzini sul riscaldamento. Altro ancora… OUT… Per quel che mi riguarda significa lavorare GRATIS. Invito tutti voi che fate questa pubblicità ingannevole a provare una settimana lo stile di vita che state promettendo. Se non cominciate a PAGARE veramente il nostro lavoro e sacrificio mi sa che in un futuro molto più di 150 camion saranno fermi.

  23. In più devi lavorare con 2/3 carte tachigrafiche perchè devi arrivare in orario… e quando vedi le lucine blu preghi che non ti fermino….

  24. Sono felice di notare che sono tanti i colleghi che finalmente si ribellano e dicono tutte le schifezze alle quali ci dobbiamo confrontare, io in più di quello che avete già detto aggiungo solo che nella mia vecchia azienda dove ho lavorato x 25 anni guadagnavo fino al 2009 2200/2500 euro al mese con trasferta e straordinari. Oggi nella nuova ditta nel 2020,1900/2000 al mese. Non aggiungo altro!!!!

  25. La realtà è ben diversa , diciamo innanzitutto che chi va su una macchina è in giro 15 ore al giorno e il resto lo trascorri nelle aziende per il carico e scarico e qualche ora di riposo dentro la cabina del camion quindi dei famosi 2500 euro ne restano circa 700/800 in meno , visto che parte di questi vengono spesi in strada per mangiare mattina mezzogiorno e sera, poiché l’autista deve fare colazione pranzare e cenare, ma di che cosa stiamo parlando, poi considera che un autista di linea di solito parte la domenica sera alle 22.00 e se tutto va bene torna o il venerdì sera o sabato mattina, e per chi fa le linee internazionali addirittura si sta fuori anche 2-3 settimane, quindi se si considerano tutte le ore trascorse sui camion i €2500 al mese sono una cifra ridicola, e tra l’altro il tempo per stare con la propria famiglia è pressoché inesistente, quindi descrivere le persone come dei fannulloni che non hanno voglia di lavorare o di preferire il reddito di cittadinanza è una cattiveria assoluta , queste balle le potete raccontare a chi non conosce il mondo dell’autotrasporto non alle persone che lo fanno da 35 anni….e aggiungo che spessissimo poi gli autisti non vengono nemmeno pagati per quello che era stato pattuito, perché non tutte le aziende sono puntuali nei pagamenti anzi spessissimo è il contrario per non parlare poi dei contributi versati…..e soprattutto del trattamento umano ricevuto sia dai datori di lavoro che nei posti di carico e scarico, insomma trattamento degno dei servi della gleba….

    • Mi fa riflettere il tuo commento, ora sto studiando per la C ,E e CQC + ADR, ho 32 ann e vorrei farmi esperienza nel mondo di autotrasporti,ovviamente sul Bilico, leggo tanti annunci che cercano autisti con tale richieste, ma lo stipendio è veramente ridicolo, 1700 euro al mese netti, dalle 07:00 alle 18:00 , prendo 1800 facendo magazziniere e alla sera alle 18:00 sono a casa.
      Spero di trovare posto giusto quando avrò preso la patente, saluti .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *