Car sharing, che flop. Quattroruote fa i conti e scopre un “rosso” di 27 milioni di euro nel 2016

 Car sharing? Un flop, almeno in Italia, dove nel 2016 il “rosso” nei bilanci dei cinque principali gestori italiani ammonta a 27 milioni di euro a fronte di un giro d’affari di poco superiore a 48 milioni. Praticamente ogni vettura condivisa è costata 4.700 euro. La prova di quanto il Belpaese non sia “maturo” per far accelerare un progetto destinato a modificare, in meglio, il sistema della mobilità, riducendo traffico e smog? In parte probabilmente si. Ma a determinare il flop del progetto sarebbero stati soprattutto i costi di gestione delle flotte auto: per la manutenzione e la riparazione delle vetture, ma anche per i canoni versati ai Comuni per compensare gli ingressi nelle Ztl e la sosta nelle strisce blu da offrire gratis agli automobilisti. Cifre non indifferenti visto che possono arrivare a toccare i 1200 euro a veicolo come a Milano. Numeri analizzati dall’inchiesta sulla mobilità condivisa condotta dal mensile specializzato Quattroruote che dimostrano come la sharing economy, ovvero il nuovo modello in cui l’economia si dovrebbe alimentare attraverso lo scambio e la condivisione di beni o servizi in alternativa al tradizionale consumismo, riducendo così l’impatto sull’ambiente, non vada. O meglio, vada pianissimo. Almeno su strada,come hanno avuto modo di sperimentare, a proprie spese, le società che hanno imboccato questa strada: Drive Now di Bmw, Sixt, Share’ngo, Car2go del gruppo Daimler ed Enjoy che fa capo a Eni.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Car sharing, che flop. Quattroruote fa i conti e scopre un “rosso” di 27 milioni di euro nel 2016

  1. E’una questione culturale, l’italiano vuole la “sua ” auto in garage. Magari per lasciarla ferma intere settimane (pagando comunque bollo, manutenzione, pagando i “costi” della svalutazione….). Ci vorranno decenni perché cambi la mentalità…. Siamo restii a cambiare: guardate l’e commerce: in altri paesi correva a tutta velocità 10 anni fa, da noi comincia a muoversi adesso…..

  2. Secondo me c’è anche un discorso che varia da città a città: a Roma nelle ore di punta (8-9 del mattino e 18.00 e 189.00 di sera ) non i trovano quasi mai. Poi c’è anche un discorso di inciviltà, perchè le vedi passare sfrecciamo a velocità assurde solo perchè il costo è legato ai minuti. Poi amplierei il discorso parcheggio ….fare contratti aziendali con parcheggio assicurato …io potessi la prenderei tutti i giorni ma spesso non la trovo e se la trovo non parcheggio….quindi mi conviene l’autobus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *