Autovelox mobili, obbligatoria la segnalazione del controllo con un cartello a terra

Gli autovelox mobili devono essere segnalati due volte. Lo prevede una circolare del Ministero dell’Interno del 7 agosto che affronta il tema della legalità dei controlli di velocità da parte delle forze dell’ordine. Automobilisti, camionisti e motociclisti devono essere messi a conoscenza del controllo con un cartello posto a terra e ben visibile. Una misura che vale anche in presenza dei cartelli fissi che preavvisano la possibilità di controlli di velocità. In pratica, quindi, è obbligatoria una doppia segnalazione dell’autovelox.

Ma non è sempre così. Se invece i controlli vengono fatti sempre negli stessi punti è sufficiente la segnalazione fissa. Le postazioni devono essere segnalate con dei dispositivi adeguati a essere visti in tempo. “La collocazione del segnale dell’autovelox mobile”, spiega studiocataldi.it, “deve trovarsi ad una distanza congrua alla velocità di percorrenza media della strada ed al tipo di strada e seguire le regole dell’art.79, comma III del regolamento inerente la collocazione dei segnali di prescrizione. I segnali di autovelox mobili possono essere collocati a distanze diverse, considerando le caratteristiche delle strada e di possibili intersezioni, ma mai superiori a quattro chilometri dal luogo del rilevamento”. La circolare impone anche lo smantellamento dei vecchi cartelli di preavviso dei controlli di velocità, non più in regola con il Dm Infrastrutture del 15 agosto 2007. Studiocataldi.it ricorda anche che per “i veicoli con controllo della velocità a bordo, scout speed, non è previsto alcun preavviso di controllo”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *