Contributi per un milione e mezzo di euro per chi sposta i tir dall’asfalto alla rotaia sul Brennero

Un milione e mezzo di euro di contributi messi a disposizione delle  imprese di trasporto che decidono di  utilizzare la rotaia invece dell’asfalto sull’asse del Brennero. A metterli a disposizione è la Provincia di Bolzano precisando che i contributi possono essere concessi a “Multimodal transport operator” e imprese ferroviarie, che hanno la loro sede nello spazio economico europeo e che effettuano servizi di trasporto merci su rotaia nel territorio della Provincia di Bolzano. Continua a leggere

Brennero aperto solo a 300 tir l’ora: ecco il calendario dei “dosaggi” nel primo semestre 2010

Un “ filtro” dei veicoli pesanti attuato all’altezza di Kufstein Nord che consentirà il transito a non più di 300 mezzi pesanti l’ora: il Land Tirolo ha confermato la decisione di applicare sull’autostrada dell’Inntal – asse del Brennero  il “sistema di dosaggio” sui veicoli pesanti provenienti dalla Germania e diretti in Italia pubblicando anche l’elenco dei giorni di divieto per i primi sei mesi del 2010. Ecco il calendario. Continua a leggere

E 45 chiusa ai camion: il calcolo dei danni per il settore dell’autotrasporto è arrivato a 27 milioni

Ventisette milioni di euro: tanto è costata al settore dell’autotrasporto la chiusura della superstrada  E45, decisa dopo il sequestro da parte della magistratura del viadotto Puleto, considerato potenzialmente a rischio, nel periodo compreso fra metà gennaio e metà agosto. A calcolare i danni sono stati i responsabili di Uniontrasporti che hanno analizzato i flussi di traffico  sulla E45 tra Orte e Cesena. Attraversando quattro regioni: Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Lazio. Continua a leggere

I piloti Ferrari di oggi e di ieri incontrano i tifosi in Piazza Duomo per i 90 anni del Gp d’Italia

Dedicato a chi sogna un incontro ravvicinato con i propri idoli della Formula 1 di oggi e di ieri, da Sebastian Vettel e  Charles Leclerc a Jean Alesi, Gerhard Berger, Kimi Raikkonen, Felipe Massa, Mario Andretti, Eddie Irvine e Rubens Barrichello, ma anche con le loro monoposto. Un appuntamento straordinario reso possibile dall’’evento 90 Anni di emozioni”, che mercoledì 4 settembre, a partire dalle 17 in Piazza Duomo a Milano, vedrà l’Aci, Automobile club d’Italia  e la  scuderia Ferrari unirsi per celebrare la novantesima edizione del Gran Premio d’Italia a Monza. Continua a leggere

La prima auto? Si acquista con i soldi dei genitori. Che poi aiutano anche a mantenerla

Ventidue anni scarsi: è questa l’età in cui gli italiani acquistano, mediamente la loro prima auto, con i maschi che la acquistano circa un anno prima della media, a 21 anni, e le donne un anno dopo, ala soglia dei 23. Auto che in quattro casi su dieci è acquistata dai genitori. A fotografare il primo acquisto a quattro ruote, destinato a restare per alcuni indimenticabile, è un’indagine condotta da mUp Research e Norstat per Facile.it, su un campione rappresentativo degli italiani patentati con età compresa tra i 18 ed i 74 anni che ha evidenziato anche come i primi a conquistare le quattro ruote siano i residenti nel Nord Ovest e nel Centro Italia, che si presentano in concessionaria quando hanno, sempre in media, 21 anni e 6 mesi mentre al al Sud o nelle Isole l’acquisto avviene a 22 anni e 2 mesi. Continua a leggere

Rottamare i mezzi più inquinanti diventa ancora più vantaggioso per chi vive in Lombardia

Sostituire i mezzi più inquinanti con veicoli a basso impatto ambientale è un obiettivo sempre più importante e urgente ovunque, ma in particolar modo nelle regioni più industrializzate e trafficate, soffocate dai gas di scarico di milioni di mezzi in viaggio ogni giorno. Prima fra tutte la “Lombardia”, vera e propria “locomotiva” dell’economia italiana che “paga” però pesantemente, in termini d’inquinamento e, dunque, di salute dei suoi abitanti, questo primato. Continua a leggere

Camion frigo, la strada per non inquinare passa anche da un sistema di refrigerazione “pulito”

Che senso ha acquistare dei camion alimentati a metano per inquinare il meno possibile l’ambiente e poi dover montare un sistema di refrigerazione con motore diesel a elevate emissioni inquinanti? Nessuno. A Mario Quarti, titolare della Gi.Ma.Trans, azienda di autotrasporti di Pozzo d’Adda, in provincia di Milano (ma con sede legale a Villa d’Almè, in provincia di Bergamo, che si occupa del trasporto di prodotti alimentari freschi (e dunque da conservare a temperatura controllata) per la grande distribuzione, è bastata una frazione di secondo per darsi la risposta. Continua a leggere

La solidarietà viaggia in sella a migliaia di moto al raduno dei bikers di Cologno al Serio

Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei, recita un antico proverbio. Che a Cologno al Serio, in provincia di Bergamo, da 22 anni può avere solo una risposta. O, almeno, può averla per “chi va” con altri motociclisti, ovviamente in sella a una due ruote (meglio se Harley Davidson). Caso in cui la risposta a “chi sei” è automatica: una persona  innamorata della sensazione  di libertà che solo viaggiare in sella può dare, certo, ma soprattutto, una persona a cui sta a cuore il destino altrui, una persona generosa. Continua a leggere

Concorrenza sleale: 5000 euro di multa al tir svizzero che faceva cabotaggio in Italia

Cinquemila euro di multa, per aver “eseguito un trasporto di cose per conto terzi in regime di cabotaggio, in qualità di vettore appartenente a un Paese non ammesso a svolgere tale attività per assenza di accordi fra lo Stato italiano e quello elvetico”. In altre parole per aver fatto concorrenza sleale alle imprese di autotrasporto italiane. Continua a leggere

Strade e ponti: per i politici non sono la via per la ripresa ma solo una scusa per fare polemiche

Di infrastrutture in Italia si parla solo quando scoppia una polemica, per “scontri politici”, per “campagne elettorali”, dimenticando completamente di parlarne, invece, per il loro valore fondamentale per lo sviluppo del Paese della sua economia. Sembrerebbe proprio di sì, come conferma anche Paolo Uggè, vicepresidente di Conftrasporto e Confcommercio che in un comunicato stampa denuncia come “ci sia voluta la polemica sulla Gronda di Genova, fondamentale per il ripristino della viabilità di un territorio strategico, perché si tornasse a parlare di infrastrutture. Continua a leggere