Alla guida a piedi nudi? Si può. E non sono vietati neppure infradito o zoccoli…

C’è un quesito che si ripete puntualmente ogni estate. E riguarda se sia lecito o meno guidare con ciabatte e infradito o più in generale con delle scarpe aperte. Ancora oggi c’è chi al mare lascia delle scarpe in auto per la guida nel timore di prendere una multa da un vigile troppo solerte. Ci sono donne e uomini che si rivolgono al negozio di scarpe di fiducia per chiedere consiglio. Capita inoltre di vedere splendide ragazze infilarsi stivaletti e sandali tacco 12 prima di scendere dall’auto ed entrare in discoteca o al ristorante.

Ora, per quanto riguarda il tacco alto si tratta probabilmente solo di comodità,visto che non è certo semplicissimo schiacciare i pedali con simili trampoli; diverso è il discorso di infradito e ciabatte e con questo articolo speriamo di sgomberare il campo da qualsiasi dubbio. Ebbene da quasi vent’anni, dal 1993, per l’esattezza, per il Codice della strada potete indossare non solo le infradito, ma pure altri tipi di ciabattine estive. Come precisa la Polizia di Stato sul suo portale, “non esiste più alcun divieto dal 1993 circa l’uso di calzature di tipo aperto (ciabatte, zoccoli, infradito) durante la guida di un veicolo né è vietato guidare a piedi nudi. Il conducente deve autodisciplinarsi nella scelta dell’abbigliamento e degli accessori al fine di garantire un’efficace azione di guida con i piedi (accelerazione, frenata, uso della frizione)”. Ma un rischio comunque potrebbe esserci. Secondo ansa.it (clicca qui), “in caso di incidente stradale, potrebbero nascerne conseguenze spiacevoli per l’automobilista, in particolare con l’assicurazione. Questo potrebbe avvenire soprattutto se le Forze dell’Ordine nel loro verbale dovessero indicare proprio l’assenza delle calzature o la loro inadeguatezza come una delle cause che hanno portato al sinistro. Il piede infatti, magari sporco di sabbia, potrebbe scivolare dal pedale del freno, oppure le ciabatte potrebbero sfilarsi e incastrarsi sotto i pedali, rendendone difficoltoso l’utilizzo”. L’assicurazione, infatti, dopo aver pagato i danni causati, potrebbe chiedere all’automobilista la rivalsa per non aver rispettato il Codice della Strada, “a meno che”, spiega sempre ansa.it, “nel contratto RCA non si sia firmata la clausola di rinuncia alla rivalsa per infrazioni al Codice”. Gli articoli 140 e 141 del Codice prevedono infatti che venga tenuto un comportamento tale “che in ogni caso sia salvaguardata la sicurezza stradale” e che il conducente debba “essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l’arresto tempestivo del veicolo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile”. L’automobilista potrebbe, quindi, essere costretto a pagare i danni provocati agli altri veicoli, ma anche le spese mediche e i danni permanenti. E nel caso in cui “la prognosi cagionata a terzi fosse superiore ai 30 giorni”, si legge sempre su ansa.it, “allora si verificherebbero gli estremi per far scattare anche le previsioni penali sulle lesioni gravi, contenute nella legge sull’omicidio stradale”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

63 risposte a “Alla guida a piedi nudi? Si può. E non sono vietati neppure infradito o zoccoli…

  1. Ma quei “signori” che credono d’essere tanto fighi e invece fanno semplicemente la figura degli incivili un po’ idioti che si vedono girare in auto con i piedi fuori dal finestrino (ovviamente sto parlando del passeggero) sono multabili?Il Codice della strada prevede questo particolarissimo caso?

  2. Ma scusi, qual’e’ il problema se uno sta con i piedi fuori dal finestrino??? Se le danno fastidio basta non guardarli!!!

  3. Se uno sta con i piedi fuori dal finestrino, cara Tiziana, il problema è che offre l’ennesimo esempio di inciviltà a un Paese che ne ha già fin troppi. Un ex sindaco di New York sosteneva che la criminalità di combatte dalle piccole cose,per esempio punendo i graffitari che insozzano i muri delle città. Ecco, credo che per l’imbecillità valga la stessa regola, bisogna iniziare dalle piccole cose… Questo Paese ha bisogno di ritrovare delle regole, dalle più piccole alle più grandi….

  4. E perchè, quelli che stanno con i piedi sul cruscotto? Sono belli? Tra l’altro, nessuna delle posizioni suddette sono di “sicurezza”. Davanti al passeggero, sulla quasi totalità delle vetture c’è l’airbag. Come si potrà aprire l’airbag in caso di incidente, se ci teniamo gambe e piedi davanti? Direi che, al di là della “puzza”, sarebbe un comportamento sicuramente da sanzionare.

  5. Cara Tiziana i piedi fuori dal finestrino sono pericolosi e andrebbero multati, oltre che sotto l’aspetto educativo sono di cattivo gusto. Rappresentano la strafottenza delle persone come te che credono poter far tutto ed infrangere le regole usando come scusa la libertà delle persone. Forse anche per questo motivo il paese non và bene, non c’è educazione e rispetto, impara!!!!

  6. Constato che molte persone ancora non sanno o non hanno capito che parole come “Pudore, decenza, dignità, rispetto” sono ormai da anni state tolte dal vocabolario Zingarelli per motivi di obsoleità e/o inutilità. Del resto occorreva necessariamente ed impellentemente far posto a parole come “colf, pic-nic, spred ecc..” molto più attuali e sempre più indispensabili. Quante cose utili insegna il progresso, fatene tesoro mi raccomando.

  7. Come si suol dire “forse state pisciando fuori dell’urinale”. Sono d’accordo sul fatto che è ineducato sporgere fuori dal finestrino i piedi, ma questo non è un reato perchè non si lede la libertà di nessuno, ne si danneggia la proprietà privata. I graffitari invece danneggiano i muri di abitazioni private insozzandoli con i loro disegni. Inoltre il Codice della strada non obbliga ad assumere alcun tipo di posizione, anche perchè sia l’airbag sia la cintura di sicurezza funzionano anche se appoggiamo i piedi sul cruscotto. Infine, anche se non ritengo che esporre i propri piedi fuori dal finestrino sia educato, non ritengo che sia affatto giusto sanzionare questi comportamenti. Siamo in un Paese libero! ricordate la celebre frase “non condivido il tuo modo di vivere ma lotterò affinchè tu possa farlo!”….bhè non dice proprio così ma credo che sia chiaro il concetto…

  8. Come al solito, l’argomento era guida con piedi scalzi e avete deviato l’oggetto sul passeggero che mette i piedi sul cruscotto o fuori dal finestrino… Potevamo vince la guerra ?

  9. Se uno pensa che tenere i piedi fuori dal finestrino sia figo, poveraccio, ha dei problemi. È il segnale che il ministro all’Istruzione deve reinserire un sacco di ore di lezioni di educazione civica, dalle elementari alle superiori!

  10. Appproposito di gambe fuori dal finestrino… date un’occhiata a cosa succede a quella di Jungle Julia nel film A Prova Di Morte di Tarantino… poi vi passa la voglia…

  11. Prima del ’93 il legislatore che aveva previsto sanzioni per chi usava zoccoli o infradito aveva pensato che se durante la guida il piede suda la calzatura non supportata di dietro poteva sfilarsi e rimanere sotto un pedale (con brutte conseguenze..). Ora che non sia più previsto, va bene.. (si vede che QUALCUNO ha constatato che non può capitare), ma provate voi personalemnte l’esperienza in un viaggio di media durata… Per la sicurezza di tutti molto meglio scalzi… (ma state attenti ai crampi).

  12. Cosa c’entra l’educazione civica con i piedi fuori dal finestrino. Sarà ineducato, sarà strafottenza, sarà che questo Paese ha bisogno di ritrovare delle regole, dalle più piccole alle più grandi, non è certo l’educazione civica che insegna l’educazione!

  13. Non penso che Tiziana,o la gente come lei, sia la rovina del paese. È’ decisamente esagerato. Sono solo persone che non hanno idea di dove finiscono i propri diritti e dove iniziano quelli altrui (io vorrei avere il diritto di non vedere un puzzone con i piedi fuori dal finestrino….), gente che fa quello che gli pare senza preoccuparsi degli altri. In altre parole solo dei poveracci….

  14. Bravo Davide, hai fatto il ritratto di decine di migliaia di sinistrorsi, figli e nipoti ormai di sessantottini, cresciuti alla scuola dove insegnano che tutto è dovuto e non c’è alcun dovere…

  15. Scusatemi ma tutti questi commenti sulle persone che mettono i piedi sul cruscotto cosa c’entrano con il contenuto dell’articolo??? In merito alla legge di cui parla l’articolo la trovo del tutto nuova, ho preso la patente nel 2006 e ricordo chiaramente che ci dissero che era vietato guidare con scarpe aperte tipo ciabattine o infradito perche a livello di sicurezza non avrebbero garantito un’efficace frenata o comunque una guida in tutta sicurezza. Non capisco se questa legge è in vigore dal 1993 come mai le autoscuole ancora non lo sanno? Un conto è consigliare di evitare le ciabattine per guidare, un altro conto è insegnare che è vietato!! Detto questo al riguardo dei vostri commenti non si puo certo multare una persona perchè tiene i piedi sul cruscotto… Sicuramente nessuno ti vieta di metterceli, ma sicuramente sarebbe opportuno evitarlo.. Primo perchè è veramente maleducato e secondo perchè a livello di sicurezza se scoppiasse l’airbag dio solo sa che danni che puo fare… in caso di incidente se ci sono degli oggetti o altre cose sopra, gli airbag potrebbero non riuscire a svolgere del tutto la funzione per il quale sono stati predisposti, ovvero evitare che il conducente si ferisca o sbatta la testa sul vetro o sul cruscotto. Poi come si dice… se uno lo vuole fare lo fa. Sta nel buon senso delle persone evitare atteggiamenti sbagliati e incivili, ma la macchina è la loro e la stupidita pure. E’ inutile stupirsi, a noi non ce ne viene nulla.. Ognuno è libero di fare quello che vuole.. ed è anche libero di farsi vedere come un maleducato… contento lui, contenti tutti!!

  16. Valentina, è proprio questa la cosa più stupida da fare, affermare che “…ognuno è libero di fare quello che vuole.. ed è anche libero di farsi vedere come un maleducato… contento lui, contenti tutti!!”. Ognuno è libero di fare quello che vuole ma a patto che non sia maleducato, non dia il cattivo esempio, non leda i diritti altrui (compreso il diritto di non vedere della gente con i piedi fuori dal finestrino…..). Le macchine le fanno apposta con l’area per appoggiare i piedi e tanto di tappetino…..

  17. Non è che qualcuno per caso tenendo i piedi fuori dal finestrino se li è visti fratturare o addirittura amputare da un mezzo passato troppo vicino? Qualcuno ha notizie in merito? magari farebbero passare la voglia a tanti incivili…

  18. Per Stefania… purtropppo viviamo in un mondo dove sempre piu persone (ma per fortuna non tutte) sanno cosa significhi il rispetto, l’educazione e la civilta verso il prossimo… se vedi uno che si comporta male, puoi dirgli quello che vuoi, ma il rischio è che o ti prendi un vaffa o se ti va peggio anche qualcos’altro… sei liberissima di sgridare qualcuno se lo reputi opportuno, ma questo cosa cambia al maleducato di turno? spesso nulla… è giusto ribattere se lo stronzo di turno ti passa avanti alla fila perche nn vuole perdere tempo, se vediamo che nei nostri confronti ci viene meno qualcosa.. ma uno che ha una sua macchina puo farci cio che vuole.non deve chiederti il permesso per appoggiare i piedi dove vuole.. diverso è se vedi che lascia il cane chiuso in macchina sotto il sole estivo, oppure diventa pericoloso per il prossimo…

    Spesso ci si perde in discussioni inutili nella quotidianita e poi per le cose serie si sta zitti.. bhe io penso che sicuramente un comportamento del genere come i piedi sul cruscotto sia da cafoni, ma credo che ci siano problemi ben piu gravi che meritano la nostra attenzione.. e quante persone quando si trovano in situazioni molto a rischio intervengono?? quasi nessuno.. tutti bravi a parlare ma nella sostanza tutte queste belle parole si commutano nel nulla piu totale.

  19. Constato con enorme disappunto che la stupidità e la maleducazione sono le attitudini più comuni, immagino un esercito di tatuati palestrati lobotomizzati in bermuda e infradito, e compagne altrettanto poco vestite che, invece di attenersi alla discussione in atto, cambiano discorso a loro piacere per rivendicare la libertà di mettere i piedi dove gli pare. Povera Italia, siamo diventati peggio dei burini yankees di Jersey Shore.

  20. @ Tiziana che Scrive: Ma scusi, qual’e’ il problema se uno sta con i piedi fuori dal finestrino??? Se le danno fastidio basta non guardarli!!!

    Ha ragione, da ragazzo organizzavamo giri in auto con il culo fuori dai finestrini, a chi se ne risentiva non avevamo pensato di dare una risposta tanto sagace.

  21. Scusate io non ci vedo niente di male avere i piedi fuori dal finestrino. E poi se a voi da fastidio giratevi dall’ altra parte. Buogiorno a tutti

  22. Ebbene, mi sembrate i nostri amati politici che fregandosene dei veri problemi intavolano stupidaggini e cosi iniziano dibattiti televesivi, mettiamo la stessa grinta nei veri problemi di questo Paese. In primis non andiamo a votare se non fanno candidare MONTI dato che la sua venuta ha sancito il fallimento dei nullafacenti del Parlamento.

  23. Mi rivolgo in particolare a Tiziana 8 agosto per ricordarle che i piedi nudi sono generalmente sporchi e che comunque non è una questione di libertà, ma di buon gusto e di cultura: a proposito di “qual è il problema?”, prima di usare questa locuzione si ripassi la grammatica, perchè “qual” non vuole l’apostrofo, perciò qualche problemino esiste, se non altro in ortografia.

  24. E se uno “scurreggia” gli facciamo la multa???? È per il rutto a bocca aperta che ne dite? Multa! Non dimentichiamo poi chi non si lava le ascelle o che non si fa il bidet prima di salire in auto! Ed i brutti che si affacciano dal finestrino????? Multa, frusta , o pena capitale? Basta con le stupidaggini, abbiamo problemi ben più seri di dove vengono messi i piedi!!! E non dimentichiamo che già ci multano abbastanza, non forniamo altre idee per far cassa ai nostri cari politici!

  25. Se io potessi vivrei scalzo. Certe condizioni non consentono di farlo (per sicurezza, per igiene, per convenzione) ma appeno posso mi tolgo scarpe e calze; lo faccio sempre quando mi metto alla guida e con l’abitudine ho notato maggiore sensibilità al contatto con i pedali. I piedi sono un po’ come le mani e il tatto di cui dispongono, se non è soffocato dalle maledette scarpe, ti restituisce informazioni da ciò con cui vengono a contatto. Questo, unito al fatto che i comandi delle auto sono ormai servoassistiti e richiedono poco sforzo nell’attuazione, consentono agevolmente la guida a piedi nudi. Tuttavia è necessario riporre le scarpe lontano dal posto di guida in maniera che non possano insinuarsi sotto i pedali e imppedirne il corretto azionamento. In merito alla decenza alla vista dei piedi nudi mi permetto di obiettare che in questo bigotto Paese il solo nominare la parola “piedi” spesso richiede l’allocuzione “con rispetto parlando”. Per quanto mi riguarda sono una parte anatomica comune a tutti la cui visione non viola la libertà o il senso del pudore, come altre zone più intime, se non per quei pochi che vergognandosi dell’aspetto o dalla puzza (causata dalle scarpe perchè i piedi nudi non puzzano) dei propri non tollerano quelli degli altri.
    Quindi i piedi fuori dal finestrino non sono sporchi non puzzano e non sono brutti; sono solo pericolosi così come lo sono se appoggiati al cruscotto. Altrimenti sarebbe deprecabile anche mettere la mano fuori dal finestrino; ma per convenzione le mani si possone vedere. Scusate se insisto ma i piedi nudi non puzzano; le scarpe li fanno puzzare (provare per credere).

  26. Concordo con Enrico. I piedi, se puliti e curati, non sono ne brutti, ne osceni, ne puzzano. Sono una parte del corpo come le mani, e di certo non fanno parte delle zone intime (come il sedere sopra citato). I piedi puzzano se li si tiene nelle scarpe da fighetti tutto il giorno, e non si pensa mai di curarli. Ovvio che in quei casi da fastidio vederli. Ma è la stessa cose di qualcuno che va in giro coi capelli unti e sporchi. Perciò, se curati e puliti, secondo me possono benissimo essere visibile, e chi ci vede qualcosa di indecoroso mi sa che ha ingoiato un manico di scopa, è infettato dalla “fighettinite”, o è semplicemente troppo conservatore e retrogrado.

  27. Mi associo assolutamente ad Enrico e Chris! I miei piedi, come quelli di tutti, puzzano solo se costretti tutto il giorno nelle scarpe (se poi non lavati… figuriamoci)! Io uso, purtroppo, le scarpe solo sul lavoro e sono scarpe, cosidette, minimaliste,e senza calze; il resto della giornata o sono scalzo o con i sandali. Anche d’inverno. Quindi i miei piedi non sudano al chiuso di scarpe e calze, non formano batteri e NON PUZZANO. Ma soprattutto guido scalzo e concordo con chi dice che migliora il controllo dei pedali (maggiore movimento e sensibilità). Ricordo a tutti che siamo nati senza scarpe e, se non fosse per l’inciviltà esistente (sporcizia, rifiuti ecc per strada) ed il freddo dell’inverno, sarebbe più naturale, salutare e, quindi logico camminare a piedi nudi. INfine a quelli che si scandalizzano alla visione dei piedi… ma d’estate , che fanno, non escono di casa?

  28. “Oh Dio un piede fuori dal finestrino! Bleahhh!” Ma vi sembra normale che in un post nel quale il titolo è “Alla guida a piedi nudi? Si può. E non sono vietati neppure infradito o zoccoli…” vi mettete a commentare i piedi fuori dal finestrino? Che fastidio vi da sinceramente? Io non metto i piedi fuori dal finestrino ma li tengo al sicuro all’interno dell’auto! Chi vuole rischiare di farsi male, è libero di farlo quando vuole! E poi, questo continuo accanimento contro gente che la pensa diversamente vi fa sentire bene? Vi sentite “civili” e “educati”?!
    Comunque grazie a questo post ho scoperto anche io che si può guidare scalzi (perché si scrive con la Z, non con la S) oggi avevo male ai piedi e l’ho fatto nonostante la “paura” di esser fermata da una pattuglia. Beh per i sandali e infradito invece pensavo anche io che fosse VIETATO. Qualche estate fa, una mia parente alla lontana ha fatto un incidente a causa delle infradito, quindi vietato o no, preferisco evitare.

  29. Continuate a parlare “negativamente” del piedi nudo perché di fatto molto spesso è a contatto con il suolo, e la cosa vi “fa schifo” perchè il suolo generalmente è sporco, e pensare che sono passate poche generazioni dall’avere il bagno o la doccia in casa e che il lavarsi per benino con detergenti e altro più che un lusso era impossibile, e le persone ci vivevano lo stesso, e che lo stare scalzi in giardino o nei campi era “normale” perché le scarpe erano un lusso e anche i calzini … non dico che andassero in giro tutti a puzzare come animali, ma davvero credo che molte persone di oggi vedrebbero l’inferno come la vita in campagna dopo la seconda guerra mondiale.

    Ma torniamo a noi: il piede a terra è sporco, non ci sono dubbi, ma delle indagini serie hanno dimostrato che i germi difficilmente vivono fuori dal corpo umano, in una trasmissione scientifica hanno fatto la prova della patatina (sapete, i famosi secondo che possono passare per cui se la raccogli la puoi ancora mangiare che non “rischi” nulla); bhe hanno scoperto che era più sporco e pieno di germi il pavimento del laboratorio stesso piuttosto che il marciapiede di fronte… Con questo non dico che si rischia nulla, perché ci si può sempre tagliare e infettare… ma si prendono certamente più malattie quando in un posto pubblico tocchiamo qualcosa e poi ci strofiniamo gli occhi soprappensiero qualche minuto dopo, le influenze si propagano nei luoghi pubblici… state tutto il tempo all’aperto, ne prenderete di meno che andare ogni giorno in metro e coi i mezzi pubblici o al bar… Con questo se credete che rischiate malattie a stare scalzi… bhè è più facile una verrucca in piscina, e psanre che c’è il cloro e tutta quell’acqua, il detergente per antonomasia.

    Poi per odori ecc… E’ vero; sono le scarpe e il sudore che creano i microbi e i batteri che portano il cattivo odore, mai visto nessuno stare tutto il giorno a prendere il sole in estate e andare in giro alla sera in infradito e “sentire odore ai piedi”…. che se proprio vogliamo dirla tutta d’estate è 1000 volte più schifoso chi va al bar o in edicola o vi è vicino di ombrellone o in negozi e torso nudo, dopo 2 ore di sole e puzza di sudore da far schifo perché “peloso” o semplicemente è portato a sudare… e manco si mette la maglietta !!! Chi se ne sta con i piedi fuori della macchina da il cattivo esempio? e questi qui? che sanno di “pane al prosciutto, con cipolle senza che ci sia il prosciutto e il pane”??????

  30. @Vale7. Da quello che so io è vietato guidare con calzature che “potrebbero” impedirti di non effettuare una frenata in sicurezza o che ti intralcino nei movimenti tra i pedali… Pensa agli zoccoli: se ti scivolano fuori dal piede potrebbero finirti sotto il freno e potresti non poter frenare, e sono vietati… Con le infradito corri lo stesso rischio, ma già la loro natura morbida ti consentirebbero di poter frenare più in profondità, ma da quello che so io non potresti usarle comunque perché puoi “perderle”; ma lo stesso vale per certe scarpe con il tacco alto e nessun laccetto posteriore al tallone, una mia amica ci guidava e ti assicuro che avevo paura ad andarci in macchina assieme gli dicevo di toglierle. Ma lo stesso per le zeppe, per le scarpe con tacco alto; ok le donne si abituano, ma devono farci pratica, non è che sono nate sapendolo fare e una ragazza che guida così la prima volta non ha certo la sensibilità che usando le scarpe come le superba…. Neppure con gli scarponi da sci puoi guidare, hai la sensibilità azzerata, oltre a rischiare di premere 2 pedali insieme. Guidare scalzi invece non corri nessun rischio, non perdi scarpe, hai il massimo della sensibilità, l’unica cosa che si potrebbe imputare a chi lo fa per le prime volte è che magari gli fa male a tenere giù la frizione o non ha tutte le dita appunto sul pedale… ma solitamente a scuola guida ti insegnato che la frizione si abbassa e si alza, non si tiene premuta, se sei fermo tieni il piede sul freno e metti in folle… certo in città le prima volte potrebbe essere scomodo, ma secondo me ripeto rischi di meno a stare scalzo, che con certe calzature…

  31. Considerando che i piedi nudi fuori dal finestrino o sul cruscotto li mettono le donne quando sono in macchina col fidanzato e lo fanno semplicemente per 3 motivi:

    – Darsi importanza dimostrando di vivere da regine,
    – Suscitare invidia alle altre donne sentendosi superiori a loro,
    – Suscitare invidia agli uomini che non sono fidanzati con loro.

  32. Piedi nudi? Dovrebbero vergognarsi, tutto per mettersi in mostra di fronte ai feticisti dei piedi puzzolenti. Comunque no problem per le femmine, anche se fermate non verranno multate dai vigili zerbini cavalier serventi.

  33. In merito alla guida a piedi nudi, argomento principe della discussione, da una mia ricerca sul Codice della strada risulta difficile trovare una norma applicabile a tale condotta, vi è una norma generale che dice che la guida deve avvenire in sicurezza lasciando una discrezionalità al conducente di valutazione su ciò che possa essere d’impedimento a una guida sicura e quindi per gli agenti preposti al controllo diventa difficile dimostrare l’inidoneità di una determinato tipo di calzatura o addirittura l’assenza. Solo in caso di una manovra difficoltosa/errata e con un conducente reo confesso che attribuisca alla calzatura la responsabilità dell’evento un agente avrebbe gli estremi per una sanzione.
    Per quanto attiene alla maggior parte dei post, piedi fuori dai finistrini o sul cruscotto, vorrei far notare che sicuramente tali comportamenti sono contrari ad una propria sicurezza anzi sono aggravanti, l’air bag non viene fermato da due gambe rilassate e una persona seduta in modo scomposto sul sedile non potrà usufruire sicuramente dei benefici di questo dispositivo studiato per ammortizzare l’urto di un corpo frenato dalla cintura di sicurezza. A questo punto se ho ragione vi chiedo di riflettere su quanto la libertà di questo individuo costa a tutta la collettività. vogliamo esagerare: una pattuglia di vigili, una pattuglia dei vigili del fuoco, un’ambulanza se non addirittura un elisoccorso ed ora andiamo sul veniale eventuali lesioni riportate e il premio di assicurazione, le polizze aumentano?
    Credo che poco importa se il codice all’art. 169 (trasporto di persone, animali ed oggetti sui veicoli a motore) prevede al comma 4 “Tutti i passeggeri dei veicoli a motore devono prendere posto in modo da non limitare la libertà di movimento del conducente e da non impedirgli la visibilità. Inoltre, su detti veicoli, esclusi i motocicli e i ciclomotori a due ruote, il conducente e il passeggero non devono determinare sporgenze dalla sagoma trasversale del veicolo”.
    Lascio a voi giudicare se due piedi fuori dal finistreno siano sporgenze e se due piedi sul cruscotto non siano di ostacolo alla visibilità del finistrino laterale sinistro.

  34. @luigi: spread si scrive con la a, ripassa nel dizionario professore.. Secondo me se un passeggero può mettere i piedi fuori o meno sono fatti suoi. Di solito è gente che va in una duramente guadagnata vacanza, e lasciamoli sto sfogo che si possano liberare almeno un momento dallo stress e le eccessive regole morali di tutti i giorni. Inoltre sono pochi quelli che mettono fuori i piedi, per di più per un breve periodo di tempo, non ho mai visto nessuno farsi 100 km con i piedi di fuori. Credo si tratti più di rosicare. Certo uno che abita in un posto turistico può sentirsi offeso o indignato, ma per favore non facciamo gli iporiciti a) chi abita in certe zone approfitta del turismo b) facciamoci un breve esame di coscienza: come ci comportiamo noi in vacanza (e nel traffico di tutti i giorni)? panza di fuori, cellulare/iphone, radio, discussioni frenetiche, alcol, sigarette, mangiare alla guida, occhiali da sole anche di notte, guardiamo la strada o le belle donne, corriamo perché siamo in ritardo? Ci sono mille fattori non sempre definiti che possono compromettere la sicurezza e/o la morale. Chi è senza colpa scagli la prima pietra.

  35. Secondo me i peggiori sono quelli che in autostrada a tre corsie se ne stanno sempre in quella centrale. Siete pessimi perché siete davvero molti che non sanno guidare.

  36. Alessandro, quelli che stanno in corsia centrale senza motivo sono multabili…che poi li multino è un altro conto. Stesso vale per il piede fuori dal finestrino, sul cruscotto o in bocca al guidatore: non si tratta di libertà, o di puzza o di altro. E’ puramente questione di sicurezza: in caso di incidente, le gambe in quella posizione potrebbero ostacolare l’apertura dell’airbag, oppure porebbero esser spinte con violenza verso chi è seduto e causare infortuni…stessa cosa vale per una brusca frenata, che, addirittura con i piedi sul cruscotto, potrebbe causare uno scivolamento della persona in avanti, con conseguente pressione dello sportello dell’airbag e, perchè no, un’apertura inopinata dell’airbag. E’ puramente questione di sicurezza, quindi deve essere multato, altirimenti tutti facciamo cosa vogliamo, e poi ci mettiamo a piangere quando ci facciamo la bua. E poi andiamo all’ospedale, e ci facciamo curare anche con i soldi di chi dice che sarebbe da multare perchè non sicuro.

  37. Cari Antonio e Tiziana, voi credete di poter fare ciò che vi pare e piace senza tener conto degli altri. Non solo i piedi fuori dal finestrino sono sinonimo di maleducazione, ma se succedesse un incidente in quelle condizioni, non vi vorrei vedere correre a piangere da mammina dando la colpa agli altri della vostra incautezza. E lo stesso vale per chi tiene i piedi sul cruscotto e i bambini sul sedile davanti non legati dalla cintura. Siate responsabili prioritariamente per voi stessi e in secundis per gli altri. I legislatori hanno studiato l’argomento a fondo e non per passare il tempo e perché non avevano null’altro da fare. In quanto a usare scarpe e accessori per i piedi non affrancati e stabili, è sicuramente un rischio di incidente, perché in caso di dovuto controllo dei pedali, possono creare intralcio. Meglio i piedi nudi, che, anche se possono creare crampi sui lunghi percorsi, almeno, garantiscono un migliore adeguato controllo della guida. Che dire di chi usa il cellulare manualmente mentre sta guidando e/o chi non tiene la distanza di sicurezza? Vedo auto lanciate a 160 km orari in autostrada (valutazione interpretativa visto che non supero i 110.) stare a due o tre metri di distanza da chi li precede.. Ma vi rendete conto di cosa può succedere in caso di frenata improvvisa? Inutile mettere la foto di un santo sul vetro. C’è il libero arbitrio, peccato che a causa di simili persone molto spesso vada di mezzo anche chi non c’entra. Inverosimile anche dare sempre la colpa agli altri, ciascuno di noi ha le proprie responsabilità verso se stesso e il prossimo. Mi meraviglio anche come le forze dell’ordine siano raramente presenti sulle nostre strade e non eseguano appurati controlli atti a far rispettare le leggi. Vorrei sapere da loro il perché: la casistica qui potrebbe essere infinita (ubriachezza, guida senza patente, occupazione abusiva di posti per invalidi, ecc…). Una piccola opera di prevenzione da parte del fruitore, potrebbe evitare conseguenze pesanti a se stesso e a chi condivide gli spazi comuni. Basta poco, per cui fateci un pensierino, i santi ci sono e intervengono, ma anche loro non hanno solo voi come impegno…

  38. L’argomento è: Alla guida a piedi nudi? Si può. E non sono vietati neppure infradito o zoccoli… Si è passati a parlare di quelli che appoggiano i loro piedi sul cruscotto o fuori dal finestrino, c’è chi ha dato dell’incivile e maleducato alle persone che lo fanno, io credo che sia più maleducato gettare il pacchetto di sigarette, cartacce e quant’altro fuori dal finestrino piuttosto che vedere un piede fuori a esso. Trovo sia più incivile parcheggiare nei posti riservati ai disabili, poi si parla di sicurezza. D’accordo c’è l’airbag, ognuno lo fa a suo rischio e pericolo ma credo sia più pericolo, per la comunità automobilistica. La persona che non rispetta le distanze di sicurezza e ti si attacca in autostrada a 10 centimetri dal tuo paraurti posteriore a 120 km/h cercando di sorpassarti, messaggiare o parlare al telefonino. Quindi non parliamo di buon gusto e di rispetto verso gli altri….

  39. Vale 87, se tutti ragionassero come te diventeremmo un Paese in cui tutto sarebbe lecito: certo, messaggiare al telefonino è più pericoloso. Ma anche uccidere è peggio che rapinare o rubare. Allora giustifichiamo ladri e rapinatori? E in quanto alla dichiarazione “ognuno lo fa a suo rischio e pericolo” complimenti vivissimi (finchè non dovessi trapassare perchè tanto rischi tu…..). Hai presente quant’è alto il costo sociale per migliaia di fessi che ragionano esattamente così, dicendo “tanto al massimo ci rimetto io”, finiscono male? Questo non è usare il cervello, questo non è accettabile, perché quando finiscono su una sedia a rotelle o peggio, in uno di quei costosissimi letti dove di tengono in vita artificialmente, se permetti, il costo quel fesso lo scarica su tutti noi…..

  40. Ma perché pubblicate anche interventi come quello di Vale 87? Aiutare a crescere il Paese significa anche fare buona informazione, ripulita da idiozie che altrimenti rischiano solo di propagarsi come il virus dell’influenza….

  41. Gianni, pubblichiamo il commento di Vale 87 per la stessa identica ragione per la quale pubblichiamo il suo. Perchè rispettiamo la libertà d’opinione e, in presenza di commenti che non siano volgari, offensivi o in qualche modo lesivi, continueremo a pubblicarli. Il che non significa certo che li possiamo condividere….

  42. Mi sembra che qui si stia esagerando… non vedo quale pericolo ci possa essere se uno/a decida di viaggiare con le gambe distese con i piedi sul cruscotto,—-forse, caro “Pieropositivo” prima di tutto io non ho dato del fesso a nessuno, credo che paragonare tutto questo a chi uccide o ammazza sia assurdo, ma questo è un tuo pensiero però concedimi di dirti che dovresti guardarti intorno e vedere in che situazione stiamo vivendo, nel nostro bel Paese, ma qui andremmo sicuramente fuori tema e contro il libero pensiero; credimi, non sono certo un’egoista a pensarla in questa maniera… anzi, credo che ci siano cose molto più gravi per la nostra società; comunque io personalmente quando esco alla sera indosso sempre scarpe con tacco vertiginoso e quando guido mi tolgo le scarpe o mi porto un paio di ballerine perchè sono assolutamente cosciente che guidare con il tacco alto può essere pericoloso per noi stesse e per gli altri, credo che questo debba essere il comportamento corretto di noi femminucce.

  43. Se un signore viaggia con le gambe distese sul cruscotto e in seguito ad un incidente scoppia l’air-bag, le ginocchia se le ritrova in gola. A me personalmente non va che i soldi della sanità vengano utilizzati per rimettere a posto le ossa di persone incivili che non si sanno sedere in maniera corretta ed educata.

  44. Per quanto riguarda la guida a piedi scalzi, posso confermare, come molti hanno detto in questo post, che è il modo migliore per essere sicuri che non scivolino i pedali. Io guido scalzo da tanti anni, e anche in situazioni di emergenza, per esempio quando si deve effettuare una frenata d’emergenza, premendo il pedale del freno col piede nudo, ho sempre avuto la massima aderenza e sono sempre riuscito ad avere la giusta forza nella pressione, anzi, guidando a piedi scalzi, oltre l’appoggio della pianta del piede, si riesce ad aggrapparsi ai pedali anche grazie alla presa delle dita. Per quanto riguarda la guida in infradito/ciabatte/zoccoli/, anche se il codice dal 1993 lo consente, io lo sconsiglio vivamente di utilizzarli nella guida. Non tanto per la mancata aderenza di queste calzature che pur avendo la suola in gomma, possono sfilarsi dai piedi, causando lo slittamento sui pedali (come purtroppo mi era successo, molti anni fa). Da qualche anno, le moderne vetture, sono dotate di pedaliere ben allineate e, per quanto riguarda il pedale della frizione, notoriamente più rigido dei tre pedali, è ormai molto ben gestibile col piede nudo. Devo dire che guidavo a piedi scalzi anche quando avevo la mia Alfa che, con i suoi pedali alquanto duri, non era di certo cosa facile. D’altronde, ho sempre preferito togliere le ciabatte, preferendo semmai patire un po’ di dolore alle piante dei piedi, piuttosto che rischiare di combinare casini con lo slittamento dei pedali.

  45. Io vorrei sapere cosa c’entrano i politici, i piedi fuori dai finestrini e le offese personali con il portare le ciabatte alla guida dell’auto…

  46. Il problema dei piedi fuori dal finestrino è esclusivamente da non fare non quanto alla civiltà dell’individuo, ma alla sua ed altrui sicurezza, l’autista come può guardare lo specchietto destro? Buona serata

  47. Sarà anche legale guidare a piedi nudi ma mi sembra comunque una grande idiozia, non fosse altro che per l’aspetto igienico. Abitacolo chiuso, caldo, sudore. Che schifo!!!!!

  48. Credo che l’autore dell’articolo abbia qualche problema con la lingua italiana. Se avesse letto ciò che la Polizia di Stato ha scritto nel 2009, avrebbe certamente capito che é vero che tale obbligo non esiste più, ma non dal 1993!
    Il “Nuovo Codice della Strada” é in vigore dal 1992 e prevedeva tale obbligo fino a pochi anni fa!

    http://www.poliziadistato.it/articolo/2051/

  49. Lascio un commento solo riguardo ai piedi fuori dal finestrino , che magari dopo ore e ore di viaggio senti la necessità di rinfrescarli senza creare disagi a nessuno, e magari sopportarli sulla spalliera al cinema o magari al campo sportivo per evitare guai peggiori ……

  50. Scusate ma che problema avete se qualcuno mette i piedi fuori dal finestrino? È di poca decenza? Qualcuno ha addirittura detto che è segno di inciviltà, ma perché? Se uno sta affrontando un lungo viaggio ha tutto il diritto di far prendere aria ai piedi.
    Alla fine come mettiamo la mano o il braccio fuori, possiamo tranquillamente mettere anche un piede. Secondo me non c’è assolutamente nulla di male.
    Poi di poca decenza? Non avete mai visto un piede? Che cosa c’è di osceno in un piede fuori dal finestrino? Sicuramente è meglio fermarsi al semaforo e vedere nella macchina affianco a noi qualcuno che si scaccola.
    Dite che l’Italia va a rotoli o che la gente che mette i piedi fuori dal finestrino è la rovina del paese.
    Ma siete sicuri? Pensate e riflettete un po’, il piede fuori dal finestrino è davvero un problema così grave o di reale importanza? Forse ci sono cose ben più importanti e gravi che rendono l’Italia il posto che è…
    E magari dovremmo imparare a puntare il dito più su noi stessi che sugli altri…

  51. Tutte le estati arriva sempre qualcuno che mi dice che non si può guidare a piedi nudi… Per quale motivo dovrebbe essere vietato? È come fare una cosa con i guanti o le a mani nude. Ovviamente a piedi nudi si ha molto più sensibilità e controllo che con le scarpe che spesso hanno pure suole più sporche e scivolose… Infatti non c’è nessuna legge. Posso capire con le ciabatte, ma a piedi nudi è sicuramente meglio che con le scarpe per sensibilitò, controllo, agilità

  52. Dipende da quali sono i piedi fuori dal finestrino. Se sono i piedacci di un maschio allora multa, ma se sono i piedini smaltati di una bella donna perché no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *