Frenare sul bagnato? In pista imparate i segreti della guida che salvano la vita

guida sul bagnatoSi va in pista per arrivare primi, per raggiungere il traguardo davanti agli altri. Ma a volte si va in pista anche per capire prima, con un attimo di anticipo, che cosa sta succedendo sulla strada, per anticipare le mosse azzardate degli altri, per evitare gli ostacoli che improvvisamente potremmo trovarci davanti. Saper cosa fare, quando si è al volante, può salvare delle vite, a cominciare dalla propria. E proprio in pista si possono percorrere quei chilometri che distanziano l’essere semplicemente una persona con la patente dall’essere in grado di guidare in sicurezza. Il circuito in questione è quello di Varano de’ Melegari, in provincia di Parma, dove il Centro internazionale guida sicura di Andrea de Adamich organizza corsi in grado di insegnare a controllare la vettura, anticipandone problemi e comportamenti; a prevenire i propri errori; a prevenire i rischi del traffico e dell’errore altrui; a crearsi più ampi margini di sicurezza. Molta strada è stata fatta da quando, nel 1991, Andrea de Adamich, un nome che significa automobilismo, ha aperto il Centro internazionale di guida sicura in collaborazione con Alfa Romeo: dai 18 corsi tenuti nel 1991, si è arrivati alle attuali 180 giornate di corsi all’anno per 4.000 partecipanti e dalle prime 16 Alfa Romeo si è passati a una flotta di oltre 50 auto. Non solo: nell’arco degli anni il Centro ha assunto il controllo societario dell’autodromo di Varano de’ Melegari, adattandolo e sviluppandolo in funzione delle esigenze dei corsi. È così cresciuto in lunghezza, da 1.800 a 2.400 metri, e ha guadagnato 35.000 metri quadrati di piazzali, tutti irrigati artificialmente, dove svolgere le varie attività. Anche perché saper frenare sul bagnato quando ci si trova sulla strada è molto importante. Ed è proprio uno dei temi della lezione del corso di guida sicura, che prevede diverse esercitazioni. Dall’impostazione corretta di guida, con una sessione di giri in pista nei quali si applicano i concetti precedentemente trattati nella parte teorica, al Miniskid car, un dispositivo che provoca sovrasterzo a bassa velocità da controllare con la corretta tecnica di gestione dello sterzo e dell’acceleratore. Dalla frenata di emergenza con schivata di ostacolo improvviso, su un fondo bagnato artificialmente, alla guida in pista con pilota-istruttore a bordo, durante la quale si impara l’impostazione delle traiettorie di curva, la modulazione di frenata, l’uso dell’acceleratore, il corretto sfruttamento della coppia-potenza del motore. Dal Gt Track, il tracciato allestito su superficie bagnata artificialmente e con aree a bassa aderenza, per sperimentare e valorizzare i sistemi di sicurezza attiva presenti sulle vetture (ABS, ASR, VDC, EBD), alla guida in pista, sempre con il pilota-istruttore, analizzata con il controllo telemetrico che permette di migliorare la qualità di guida grazie a un dialogo costante tra vettura e box. E non è finita qui: oltre al Corso di guida sicura, al Centro di Varano de’ Melegari vengono organizzati corsi di guida evoluta, di guida sportiva e di guida avanzata. Per tutte le informazioni potete consultare il sito internet all’indirizzo www.guidasicura.it.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Frenare sul bagnato? In pista imparate i segreti della guida che salvano la vita

  1. Il corso di guida sicura può essere fatto anche una persona neopatentata o è meglio che prima faccia un po’ d’esperienza? Grazie.

  2. Imparare a guidare bene, anche in condizioni meteo non proprio “limpide” mi sembra proprio una bella cosa! L’idea del corso di cuida sicura quindi è davvero il top.
    Anche io vorrei, ove fosse possibile, conoscere i costi e se vi è un determinato periodo per poter accedere alle iscrizioni. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *