Ma voi le gomme dal benzinaio le fate gonfiare ancora con la vecchia (e meno sicura) aria?

In una stazione di servizio è possibile fare il pieno di benzina, gasolio, gas e magari, in quelle “di ultima generazione”, trovare persino un’area già predisposta per fare rifornimento, in futuro, di idrogeno. Ma nelle migliori stazioni di servizio può accadere, già oggi, di poter fare ancora di più: per esempio un “pieno di sicurezza”, gonfiando i pneumatici della propria auto o moto non con “semplice aria” ma con una miscela di gas tecnici a base di azoto in grado di contribuire in maniera fondamentale alla sicurezza su strade e autostrade. Il tutto “partendo” da un principio molto semplice: la totale assenza di ossigeno e di umidità che, surriscaldandosi, possono provocare situazioni di pericolo. Un “pieno di sicurezza” che è possibile fare nelle aree di servizio che hanno scelto di offrire ai propri clienti Secur Pneus®, risultato di una lunga sperimentazione avviata in settori tecnologicamente avanzati come l’aeronautica e le competizioni automobilistiche, in grado non solo di ridurre drasticamente il pericolo di danneggiamenti degli pneumatici ma anche di consentire di percorrere più chilometri con lo stesso treno di gomme grazie a un migliore mantenimento della pressione che ottimizza le prestazioni e la durata in tutte le condizioni di impiego su tutte le tipologie di veicoli. Un “salto triplo in avanti”, rispetto al normale gonfiaggio degli pneumatici, certificato da chilometri e chilometri di test e confermato anche da chi, della sicurezza stradale, ha fatto una professione. Come Siegfried Stohr, ex pilota di Formula 1 e direttore della Bmw Driving Experience, la scuola di guida sicura e sportiva ufficiale di Bmw Italia, che ha scelto di usare Secur Pneus® su tutte le auto utilizzate nella scuola dopo aver “riscontrato personalmente una maggiore stabilità di pressione degli pneumatici durante l’utilizzo sportivo, stradale e in situazioni di rischio”, verificando che ”Secur Pneus® limita le perdite di aderenza, migliorando sicurezza e prestazioni delle auto in qualunque situazione”. Vantaggi riscontrati anche da moltissimi “normali automobilisti” che hanno iniziato a usare la speciale miscela di gas inerti al posto della comune aria di gonfiaggio. Come, per esempio, i clienti della centralissima stazione di servizio di Piazza della Repubblica a Milano, dove i cartelloni che invitano a “fare il pieno di sicurezza” sono comparsi nelle scorse settimane attirando immediatamente l’attenzione di chi si era presentato a fare rifornimento. Cosa avvenuta del resto anche al distributore di via Mantegna a Pioltello, hinterland milanese, di proprietà sempre dello stesso imprenditore che non ha avuto esitazioni nel “fare da apripista” alla tecnologia ideata da Siad Spa, azienda leader nel settore della produzione di gas tecnici che nel proprio stabilimento in provincia di Bergamo, il più importante complesso produttivo nazionale di gas, produce ossigeno, azoto, argon, idrogeno, gas puri, svariate miscele oltre alla massa porosa per acetilene. Un servizio, quello offerto gratuitamente nelle due aree di servizio, che il titolare ha deciso di far partire dopo aver analizzato con grande attenzione i risultati di numerose prove   dalle quali “si evince chiaramente”, ha commentato, “che Secur Pneus® è in grado di eliminare le principali cause di deterioramento dei pneumatici rappresentate dalle variazioni della pressione interna, che provoca la loro deformazione durante la marcia con conseguente deterioramento anomalo del battistrada e della carcassa, oltre che dall’umidità e dalle impurità (a partire dai vapori d’olio, che in caso di forte surriscaldamento del pneumatico, magari in seguito a una micro foratura non avvertita in tempo, possono dare origine a pericolosissimi fenomeni di combustione) contenute nella comune aria compressa, come polveri nocive cedute dai compressori, che aggrediscono gli pneumatici e ossidano le parti metalliche e quelle vulcanizzate”. Un pieno di sicurezza che per di più, grazie alle sue molecole di dimensioni maggiori a quelle della comune aria che mantengono ottimale il gonfiaggio per un periodo molto lungo senza necessità di continue regolazioni, migliora il rotolamento degli pneumatici riducendo i consumi di carburante. Effetto quest’ultimo poco gradito a chi vende carburante? “Niente affatto. Perché la sicurezza non ha prezzo e perché la vendita alla pompa in queste prime settimane sperimentazione del servizio è “addirittura aumentata”. Grazie a nuovi clienti attratti proprio dalla possibilità di fare il pieno di sicurezza….

Testo realizzato da Baskerville Comunicazione & Immagine srl per stradafacendo.tgcom24.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *