Le compagnie assicurative nel 2020 hanno risparmiato: aumenteranno lo stesso l’Rc auto?

Aumenti in vista per il premio medio RC auto in Italia che entro il primo trimestre del 2022 potrebbe costare oltre il 10 per cento in più con una “stangata” complessiva per le tasche degli automobilisti italiani, del valore di oltre 1,4 miliardi di euro. A fare la previsione sono i responsabili di Facile.it che per capire i possibili scenari futuri sul fronte del costo delle assicurazioni hanno esaminato e messo in correlazione alcuni dati fra cui la media dei chilometri percorsi dai veicoli in circolazione, la frequenza degli incidenti stradali e il rapporto tra sinistrosità e premi RC auto, stimando che, per una polizza media, l’aumento il prossimo anno potrebbe arrivare fino a 35 – 40 euro. Continua a leggere

Tir in coda da anni ai terminal portuali di Genova, ma il problema viene scoperto solo ora

Ci sono problemi, in Italia, che durano da anni, sono sotto gli occhi di tutti ma che in molti sembrano non vedere. È il caso dei Tir fermi in coda per ore ai varchi dei terminal portuali di Genova e che oggi in molti sembrano scoprire per la prima volta, quando ormai la situazione è sull’orlo del collasso. Una “scoperta” definita “curiosa” da Giuseppe Tagnochetti, coordinatore per la Liguria di Trasportounito, visto che, come ha scritto in una lettera inviata ai vertici dell’Autorità di sistema portuale, “ormai da anni denunciamo una situazione che era da tempo sull’orlo del collasso e che oggi inevitabilmente porterà la categoria penalizzata da colpe che non sono certo sue ad attuare forme di protesta che sono diventate inevitabili e che porteranno alla luce pesanti responsabilità. Continua a leggere

Genova, il caos traffico raddoppia: alle code in autostrada si aggiungono quelle in porto

“Raggiungere Genova a causa delle incredibili condizioni della rete autostradale che ci circonda è già un’impresa difficilissima e se una volta arrivata in porto la merce impiega altre ore a entrare nei terminal la situazione diventa insostenibile”. A denunciarlo, nero su bianco in una lettera inviata al presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini, è Paolo Pessina, presidente di Assagenti, l’associazione degli agenti marittimi genovesi, destinatario, a sua volta, di numerosissime segnalazioni da parte di iscritti arrabbiatissimi per le code, soprattutto all’ingresso del terminal Sech, nel bacino di Sampierdarena, che si ripercuotono anche sulla viabilità cittadina. Continua a leggere