Il trasporto pubblico locale cambierà marcia? Delrio: “10 miliardi per sostituire bus e treni”

“Il Governo ha messo in campo 10 miliardi per il rinnovo di bus e treni, è il Piano Marshall del trasporto pubblico locale. Dal 2015 a oggi, misure e risorse pluriennali, come mai accaduto finora”. Lo ha scritto su Facebook il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. “Sono scelte del Governo Renzi e del Governo Gentiloni che cambieranno in meglio nei prossimi anni la vita dei cittadini. Mezzi nuovi, per servizi di qualità e per rispettare l’ambiente e le città. Lo sviluppo urbano sostenibile è una delle nostre strategie #ConnetterelItalia”.

Sul social network, Delrio spiega che “il ricambio dei mezzi pubblici è uno dei pilastri della riforma” del trasporto pubblico locale. 7,4 miliardi sono “per il rinnovo dei bus (4,4 miliardi statali più il cofinanziamento regionale)”, scrive Delrio. Soldi che consentiranno “da qui al 2033 di cambiare 2.500 bus all’anno, rottamando i più inquinanti che costituiscono ancora buona parte delle flotte. Altri 2,4 miliardi riguardano il ricambio dei treni regionali”. “A ciò si aggiunge che sono state aggiudicate per FS le gare per 450 treni per 4 miliardi e chiusi i contratti di servizio con Trenitalia”, prosegue il ministro delle Infrastrutture. “Tutte risorse che possono peraltro mettere in moto una filiera produttiva italiana e creare lavoro. Con la legge di Bilancio vorremmo poi dare ulteriore forza al Piano per le linee metropolitane, che prevede già finanziamenti per completamenti e nuove linee di metro e tram per 6,2 miliardi. Cifra che vorremmo poter portare a sfiorare i 10 miliardi per prolungamenti o nuove infrastrutture. Le città metropolitane sono centrali per la competitività italiana e meritano questo sforzo. Riproveremo inoltre, in legge di bilancio, a portare a casa la detrazione per gli abbonamenti al tpl che premierebbe i cittadini che scelgono i mezzi pubblici”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *