Frenano le vendite di mezzi pesanti, Unrae chiede norme certe e progetti a lungo termine

Estate stagione di “frenate” per la vendita dei mezzi pesanti. La conferma arriva dai dati elaborati da Unrae, l’l’associazione che rappresenta le case estere operanti sul mercato italiano delle autovetture, dei veicoli commerciali e industriali, dei bus e dei caravan e autocaravan, che evidenziano come il mercato dei veicoli con massa totale a terra superiore alle 3,5 t nel mese di luglio abbia fatto registrare un -7,6 per cento rispetto allo stesso mese del 2016 (con 2.225 unita’ immatricolate contro 2.408), mentre nel mese di agosto la contrazione e’ stata del 2,2 per cento rispetto all’agosto del 2016 (1.255 unita’ contro 1.283). “Frenate” che lasciano comunque in positivo il bilancio 2017, con i primi otto mesi che vedono un incremento del 6,9 per cento sullo stesso periodo del 2016, grazie alle 15.421 unita’ immatricolate, che si confrontano con le 14.422 del gennaio-agosto 2016. Un andamento che per il mese di luglio si “specchia” anche nel mercato dei veicoli pesanti con massa totale a terra uguale o superiore alle 16 tonnellate con le immatricolazioni che hanno registrato una flessione di -2,4 per cento rispetto al luglio 2016 (1.745 unita’ contro 1.787) mentre ad agosto il +3,1 per cento ha permesso di portare il saldo dei primi otto mesi dell’anno a quota + 9,9 per cento. Dati che i responsabili di Unrae hanno salutato esprimendo il proprio apprezzamento per l’azione svolta dalla Direzione generale della Motorizzazione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con una piccola “tiratina d’orecchi” (l’invito ad arrivare “ presto alla piena funzionalita’ del sistema di immatricolazione anche dei veicoli pesanti, per eliminare del tutto i ritardi che impediscono una pronta lettura del mercato italiano) e una richiesta”di provvedimenti strutturali che diano certezza agli operatori” avanzata da Franco Fenoglio, presidente della Sezione veicoli industriali di Unrae. “Lo scorso anno avevamo sottolineato la forte necessita’ di dare maggiori certezze normative e individuare percorsi strutturali, di portata pluriennale, per sostenere il mercato”, ha commentato Franco Fenoglio. “Oggi non possiamo che ribadire quella richiesta”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Frenano le vendite di mezzi pesanti, Unrae chiede norme certe e progetti a lungo termine

  1. Il signor Fenoglio dovrebbe sapere che se le imprese non coprono i costi ben difficilmente possono acquistare nuovi mezzi. L’anno scorso è andata bene anche perché chi voleva compensare l’accisa doveva avere almeno un mezzo Euro 3. Il Governo dorme e non comprende che questa strada deve essere perseguita (non lo farà neppure con la prossima finanziaria in quanto in vista delle elezioni non vorrà correre rischi…). Vorrei però anche dire al signor Fenoglio che quando è stata portata avanti da qualche associazione la giusta battaglia di sicurezza sui costi minimi lui, ed insieme a lui le case costruttrici, si sono defilate. Non solo: sulla denuncia che mancano gli ingegneri per fare le revisioni e per le immatricolazioni nelle motorizzazioni non mi pare stiano facendo molto… O sbaglio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *