Controlli elettronici della velocità, saranno attivi solo su queste strade, segnalati in questo modo…

Il controllo della velocità fatto tramite i sistemi di controllo dovrà essere fatto “su tratti di strada non troppo brevi, e le postazioni per il rilevamento della velocità dovranno essere preventivamente segnalate e ben visibili. Inoltre alla velocità accertata dall’apparecchio di misura dovrà  essere applicata una riduzione a favore del trasgressore pari al 5 per cento  del valore rilevato, con un minimo di 5 chilometri orari.  Sono alcune delle nuove regole per i controlli elettronici della velocità previsti dalla direttiva Minniti realizzata con l’obiettivo di “adeguare le strategie e i modelli operativi di prevenzione e contrasto degli organi di polizia stradale, con l’intento di favorire l’impiego diffuso della tecnologia non a fini esclusivamente sanzionatori, ma in modo funzionale e coerente con l’obiettivo di ridurre drasticamente gli incidenti stradali”. Una direttiva  che riclassifica  i sistemi di rilevamento della velocità in tre grandi categorie ( fissi come  il Tutor e il Vergilius, temporanei  come l’autovelox e mobili, montati su auto della Polizia) sperimentata per la prima volta durante l’esodo di Ferragosto, che indica anche le distanze minime per collocare gli “avvertimenti agli automobilisti: 250 metri su  autostrade e strade extraurbane principali: 150 metri su  strade extraurbane secondarie e urbane di scorrimento, con velocità superiore a 50chilometri l’ora; 80 sulle altre strade.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *