25 ott

Basta aggiornamenti, per l’Aci serve un nuovo Codice della strada con pochi articoli

Un nuovo Codice della strada che in pochi articoli detti le regole di comportamento e non l’ennesimo aggiornamento. Lo chiede l’Aci da Riva del Garda, dove si è tenuto il VI Forum internazionale delle polizie locali. “Servono regole chiare e risorse certe per far muovere il Paese, fermo da troppo tempo”, ha detto il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, al Forum. Leggi il resto di questo articolo »

5 lug

Quattro milioni di veicoli non assicurati. E a pagarne le spese sono gli onesti

“Sulle strade italiane circolano oggi circa 4 milioni di veicoli senza assicurazione (in pratica una  su otto) e il numero è in costante crescita. L’avvio di un’iniziativa comune tra Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni e antitrust è un primo passo concreto nel contrasto agli illeciti che costano 2 miliardi di euro alle compagnie, con conseguenti aggravi di spesa per gli automobilisti onesti”. Ad affermarlo è il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, alla luce della relazione annuale dell’Ivassche sottolinea quanto le tariffe rc-auto siano ancora alte e ingiuste. “Aci sollecita da tempo le istituzioni a muoversi”, ha aggiunto il presidente Sticchi Damiani, e abbiamo anche presentato al Governo e al Parlamento un progetto di legge con quattro articoli in grado ridurre il prezzo della rc-auto fino al 40 per cento, favorendo così una ripresa del mercato automobilistico e motociclistico ormai in crisi strutturale”. Leggi il resto di questo articolo »

21 mag

Fia, Sticchi Damiani eletto nell’Eurobord: “Si rafforza la presenza dell’Italia”

Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Aci, è stato eletto nell’Euroboard della Fia, la Federazione internazionale dell’automobile, l’organismo che traccia le linee strategiche per gli Automobile club europei e indirizza l’attività dell’ufficio Fia di Bruxelles. La nuova nomina di Sticchi Damiani, che si aggiunge alla carica di vicepresidente della Fia per lo sport, è avvenuta a Vienna in occasione dell’International Club Conference della Fia. Leggi il resto di questo articolo »

23 apr

La strage dei pedoni innocenti, ogni anno oltre 20mila vengono investiti

I pedoni sono i soggetti più deboli della strada: Aci e Istat contano ogni anno 20mila pedoni coinvolti in incidenti in Italia, la maggior parte dei quali non è responsabile di quanto avviene. In Europa sono oltre 6.000 i pedoni che hanno perso la vita nel 2012. Per sensibilizzare soprattutto i più giovani, l’Aci ha raccolto l’appello della Fia, la  federazione internazionale dell’automobile, portando a Roma, ai piedi del Colosseo, “The Long Short Walk” (in italiano una piccola grande passeggiata). Con questa manifestazione, il cui slogan è “Cammino per una strada più sicura per tutti”, Aci ha coinvolto con giochi e iniziative didattiche 50 bambini della scuola primaria G. Mazzini di Roma, spiegando le regole basilari per camminare e attraversare sicuri. Leggi il resto di questo articolo »

9 gen

Costi troppo alti, le auto non si vendono più. L’Aci: “Bisogna ridurre le tasse”

“L’attuale drammatico crollo delle immatricolazioni che si è registrato nel 2012 è conseguenza diretta della folle corsa dei costi per l’auto e in particolare della pressione fiscale che è aumentata, negli ultimi anni, fino a sfiorare i 60 miliardi di euro, più che raddoppiando rispetto a solo venti anni fa. Sommando questo a tutti i costi di gestione per l’auto – che sono aumentati del 4.5 per cento nel solo 2012, raggiungendo la cifra record di 3.425 euro l’anno per mezzo – si capisce perché, come ha evidenziato l’ultimo rapporto Aci-Censis, oltre il 52 per cento degli italiani dichiari che non cambierà l’auto nei prossimi tre anni. L’alleggerimento del carico fiscale per l’auto dovrebbe essere una delle prime voci dell’agenda politica di qualsiasi candidato alle prossime elezioni politiche perché l’intero comparto è allo stremo delle forze.”. Questo il pensiero di Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia, davanti ai dati recentemente diffusi sul calo delle immatricolazioni auto nel 2012.  Leggi il resto di questo articolo »

17 dic

Multe, dal primo gennaio si rischia il caos sulla ripartizione dei proventi

È un vero e proprio grido d’allarme quello lanciato dal Comitato di presidenza della Filiera della sicurezza stradale Finco, che si è riunito nei giorni scorsi a Roma nella sede dell’Aci e ha denunciato il grave ritardo nella destinazione dei proventi delle multe per la messa in sicurezza delle strade. “Manca ancora il decreto attuativo della legge 120/2010, senza il quale dal primo gennaio 2013 si paventa il caos gestionale nei Comuni e nelle Province”, spiegano i membri del comitato.  Leggi il resto di questo articolo »

4 set

“Tasse, accise e rincari stanno uccidendo l’auto”. L’Aci chiede misure immediate

“Tasse, accise e rincari stanno uccidendo l’automobile”. Lo dice il presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani, che commenta gli ultimi dati relativi alle immatricolazioni in Italia. “Da tempo manifestiamo lo stato di grande crisi del settore dell’auto”, ha aggiunto Sticchi Damiani, “e già all’inizio dell’anno avevamo previsto un volume di vendite fortemente inferiore a 1,5 milioni di vetture per il 2012. La contrazione del 20 per cento delle immatricolazioni ad agosto segue quella del 21 per cento a luglio e per il nono mese misura le difficoltà di famiglie e imprese”.  Leggi il resto di questo articolo »

12 ago

“Benzina più cara a Ferragosto, così il Governo rischia solo di aggravare la crisi”

“Per aumentare le accise sui carburanti non si poteva scegliere momento più inopportuno. Il Governo avrebbe potuto inasprire il prelievo alla pompa in altra data ma non lo ha fatto, colpendo ulteriormente gli automobilisti in un momento delicato come le vacanze estive”. Con queste parole il presidente dell’Automobile club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, critica l’ennesimo prelievo fiscale dalle tasche delle famiglie italiane. Leggi il resto di questo articolo »

18 lug

Guidi un’auto più potente? Allora dovrai prendere una patente di livello superiore

Una patente a livelli anche per le auto, così come già accade per le moto. E’ la proposta del presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, lanciata in un’intervista all’agenzia di stampa Ansa.  ”Per passare alla guida di un’auto di cilindrata superiore”,  ha spiegato il presidente dell’Aci, ” i neopatentati dovrebbero superare un apposito esame o test. L’ideale sarebbe aver seguito anche un corso di guida sicura. Anche per limitare l’ecatombe delle stragi del sabato sera e creare nei giovani la consapevolezza dei propri limiti alla guida, rendendoli più coscienti e prudenti”.  Leggi il resto di questo articolo »

2 lug

Non ci sono solo i problemi di vista, chi guida spesso non sente bene

Non ci sono soltanto i problemi di vista dei conducenti a causare gli incidenti stradali, ma anche quelli di udito. Un terzo degli italiani soffre di carenze uditive. E a questi numeri si devono aggiungere quelli di chi guida con lo stereo troppo alto e non può quindi avvertire rumori esterni. Il problema dell’udito aumenta in modo proporzionale all’età: il 10 per cento della popolazione tra i 45 e i 60 anni accusa deficit uditivi e la percentuale sale al 25 per cento tra i 60 e gli 80 anni, fino a superare il 50 per cento tra gli over80. La situazione non migliorerà in futuro.  Leggi il resto di questo articolo »