23 lug

Codice della strada, rivoluzione a due ruote: i 125 potranno andare in autostrada

Anche gli scooter e i motocicli 125cc, a patto che siano guidati da maggiorenni, potranno circolare sulle tangenziali e sulle autostrade. Lo prevede il testo unificato della legge delega di riforma del Codice della strada approvato in Commissione Trasporti della Camera. Un testo che prevede diverse novità per chi viaggia su due ruote: per esempio, biciclette e motocicli potranno muoversi sulle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici. Inoltre, viene riconosciuto lo status di utenti vulnerabili per gli utilizzatori di ciclomotori e motocicli ed è prevista l’introduzione di disposizioni per migliorare la sicurezza della circolazione di biciclette, ciclomotori e motoveicoli, anche limitando la presenza a bordo strada di ostacoli fissi artificiali, come i supporti della segnaletica stradale e i guardrail.  Leggi il resto di questo articolo »

22 lug

Check-up dell’auto gratuito: i controlli pensati per chi deve partire per le vacanze

Per promuove la sicurezza stradale il network di officine “Puntopro” ha varato l’iniziativa “Check-Up & Vinci” che premia gli automobilisti che portano la propria auto a fare una serie di controlli gratuiti. Fino al 30 settembre è attivo “Check-Up & Go”, una serie di controlli pensati soprattutto per chi partirà in auto per le vacanze: livelli dei liquidi e sistema frenante, stato degli ammortizzatori, della batteria e degli pneumatici. Dal 1° ottobre al 15 dicembre, invece, partirà l’iniziativa “Check-up Visibilità” per il controllo dei sistemi di visibilità, il funzionamento delle luci, la regolazione dei fari e lo stato delle spazzole tergicristallo. Leggi il resto di questo articolo »

21 lug

Visita medica per la patente, finiscono sotto controllo anche i disturbi del sonno

Anche i disturbi del sonno saranno controllati dai medici nel momento di rilasciare o rinnovare una patente di guida. Come spiega l’Aci in un comunicato, l’Unione Europea ha infatti approvato “una direttiva che impegna gli Stati membri a varare una legge che obblighi i conducenti di auto, moto, furgoni e camion a rispondere a specifiche domande su malattie come l’Osas (Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno). In caso di sospetta patologia scatta il rinvio a uno specifico consulto medico: qualora l’esito sia positivo, si potrà comunque guidare un veicolo dimostrando le terapie in corso e la validità della patente varierà tra 2 e 3 anni secondo la gravità dei disturbi”. Leggi il resto di questo articolo »

21 lug

Omicidio stradale, c’è il primo sì ufficiale. Nencini: “Fatto un passo avanti”

Arriva il primo sì ufficiale all’introduzione dell’omicidio stradale e dell’ergastolo della patente. La Commissione Trasporti ha infatti dato l’ok alla legge delega per la riforma del Codice della strada. L’introduzione del nuovo reato di omicidio stradale nel codice penale sarà possibile grazie a un emendamento approvato giovedì in Commissione. “È una giornata importante, la aspettavo da tempo. Per la prima volta un passo in avanti per sancire la presenza del reato di omicidio stradale nel codice”, commenta il vice ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Riccardo Nencini, che parla anche di “ergastolo della patente”. Leggi il resto di questo articolo »

16 lug

Autovelox e telecamere in aumento: bilanci dei Comuni “salvati” dalle multe

I Comuni hanno aumentato il numero di telecamere e autovelox per far crescere gli incassi dalle multe erogate e far quadrare i rispettivi bilanci. Lo rivela un’indagine dell’agenzia Adnkronos. “Nonostante la difficoltà sempre maggiore di incassare, con punte di evasione dei pagamenti che arrivano al 50 per cento, e l’arretrato che sale per buona parte dei Comuni, andando ad allargare i buchi di bilancio”, spiega l’agenzia. “Se il trend resta quello di alzare l’asticella di almeno il 10 per cento, come avviene sia a Milano che a Vicenza, con punte anche del 30 per cento rispetto a quanto incassato nel 2013 in altri comuni, salgono ovunque, anche in maniera consistente, fino al 40 per cento, gli obiettivi di recupero delle multe iscritte a ruolo”.  Leggi il resto di questo articolo »

14 lug

Tir assassini? Ecco come fermarli. E come combattere chi li vuole far viaggiare

Gli italiani vogliono davvero più sicurezza sulle strade? E sanno che esiste una legge che impone i costi minimi per la sicurezza dell’autotrasporto, ovvero costi al chilometro al di sotto dei quali risulta impossibile per un’impresa di trasporto far circolare sulle nostre strade e autostrade mezzi pesanti sicuri, sottoposti a un’adeguata  manutenzione, con pneumatici non lisci, con al volante professionisti della guida e non poveri “disperati” extracomunitari costretti a guidare per 12 ore per poche centinaia di euro al mese? Il Governo ha dato disposizione alle prefetture e alle forze dell’ordine per intensificare i controlli sulle strade e su tutta la filiera dell’autotrasporto? E gli autotrasportatori, le associazioni che li rappresentano, stanno facendo tutto quanto è in loro potere per far rispettare alle imprese committenti questa legge?

Leggi il resto di questo articolo »

14 lug

Niente distrazioni, con il parabrezza virtuale lo sguardo è sempre sulla strada

Pensate di avere un intero parabrezza come display, in modo da non distogliere mai lo sguardo dalla strada. Su questo schermo possono essere proiettate contemporaneamente icone relative a velocità, navigazione, rischi. È questo il prototipo “Jaguar Virtual Windscreen” lanciato dalla casa automobilistica Jaguar Land Rover. La tecnologia è stata pensata per i piloti e per la guida sportiva, infatti sul parabrezza appaiono anche le traiettorie virtuali come tracciate sulla pista, per suggerire la traiettoria ottimale, con variazioni di colore a rappresentare le indicazioni di frenata. Leggi il resto di questo articolo »

10 lug

Camionisti, ma voi più sicurezza sulle strade la volete davvero? Dimostratelo…

Costi minimi per la sicurezza dell’autotrasporto: una legge li impone ma nessuno o quasi li fa rispettare. E in assenza di controlli sull’intera filiera dell’autotrasporto, la committenza continua a non pagarli, ricattando gli autotrasportatori (“se non scendi al prezzo richiesto mi rivolgo a qualcun altro che sicuramente accetterà) e sfruttando il fatto che molti autotrasportatori accettano di subire il ricatto, danneggiando non solo se stessi (visto che in alcuni casi lavorano senza guadagnare o addirittura in perdita) ma l’intera categoria. Oggi in Italia (come ha denunciato, telefonando alla redazione di stradafacendo.tgcom24 un ex rappresentante sindacale della categoria dimessosi perché delusissimo dalle scelte della presidenza nazionale, che tra l’altro non ha mai apertamente preso le difese della legge sui costi incomprimibili per la sicurezza) solamente il 10 per cento dei viaggi viene effettuato con tariffe che rispettano i costi minimi. Leggi il resto di questo articolo »

9 lug

Non avete le gomme indicate sulla carta di circolazione? In caso d’incidente sono guai

L’azienda tedesca produttrice di pneumatici Continental ha messo online cinque semplici consigli da seguire se si devono sostituire le gomme a causa dell’usura o di una foratura. Prima di acquistare degli pneumatici nuovi ricorda quando segue. 1 - Monta soltanto i pneumatici indicati sulla tua carta di circolazione, diversamente infrangi la legge; questo potrebbe comportare serie conseguenze legali e assicurative, in caso di incidente. Se monti dei pneumatici non indicati nella tua carta di circolazione, questi devono essere approvati dalla motorizzazione. Leggi il resto di questo articolo »

8 lug

L’Europa vuol sapere se l’Italia tutela le imprese di autotrasporto serie

L’Italia sta applicando il regolamento europeo che impone di verificare se le norme sulle condizioni per esercitare l’attività di autotrasporto siano rispettate? A porsi la domanda è stato il presidente uscente della Commissione trasporti del Parlamento europeo, Brian Simpson,  intenzionato ad aprire un’indagine per accertarsi che l’Italia stia realmente facendo quanto deve per tutelare le imprese regolari e ridurre gli episodi di concorrenza sleale, controllando se le imprese hanno (come devono avere) una sede effettiva e stabile, indispensabile per ottenere il requisito della onorabilità, requisito senza il quale dal 4 dicembre 2011 un’azienda di autotrasporto non può lavorare. Leggi il resto di questo articolo »