16 apr

Cartelli stradali visibili anche al buio, arriva la vernice che crea la luce

Negli anni Settanta i Gatti di Vicolo Miracoli cantavano nella canzone cult “Capito!?”: “C’è chi dice che di notte… è più facile guidare”. La visibilità è fondamentale per chi è al volante. Ora guidare con indicazioni chiare anche al buio è possibile, grazie a una nuova vernice messa a punto in Olanda. “La vernice contiene”, scrive Agv News, “una polvere “foto-luminescente” che si carica di giorno e rilascia gradualmente di notte una luce verde, eliminando la necessità dei lampioni. La sperimentazione è partita su un tratto di strada di 500 metri sulla N329 a circa 100 km a sud-est di Amsterdam”. Leggi il resto di questo articolo »

15 apr

Sicurezza stradale, candid camera shock: giovani invitati al proprio funerale

La sicurezza stradale parla una lingua comune in tutta Europa. Così anche gli automobilisti italiani dovrebbero vedere le candid camera realizzate da “Go for zero”, iniziativa dell’Istituto belga per la sicurezza stradale, che vede i malcapitati automobilisti assistere in prima persona al proprio funerale. “I cinque protagonisti”, si legge sul Messaggero, “due ragazze e tre uomini, pensano di aver appuntamento con un amico e invece, loro malgrado, vengono fatti accomodare in mezzo a parenti e figuranti riuniti per le loro esequie. La loro – inconsapevole – morte è avvenuta, ovviamente, per aver corso un po’ troppo con la macchina”. Leggi il resto di questo articolo »

10 apr

L’Rc auto non basta, l’infortunio al conducente è la copertura più richiesta

C’è chi non rinuncia alla copertura per l’infortunio al conducente e chi non vuole proprio fare a meno dell’assistenza stradale. Più di un automobilista su due (il 56 per cento) quando rinnova la polizza auto non si ferma alla semplice Rc, ma chiede coperture aggiuntive. Lo dice il portale facile.it, che ha analizzato oltre un milione di preventivi degli ultimi due mesi. L’infortunio al conducente è la garanzia accessoria più ricorrente (47,4 per cento). Leggi il resto di questo articolo »

9 apr

Altro maxi richiamo per Toyota: controlli su 6,39 milioni di auto in tutto il mondo

Sono 6,39 milioni i veicoli che Toyota ha deciso di richiamare in tutto il mondo per alcuni problemi tecnici. I modelli interessati sono 27, compresi i celebri Yaris e Rav 4. I difetti riguardano il cavo a spirale, la guida dei sedili, il piantone dello sterzo, i motori del tergicristallo del parabrezza e l’accensione. Problemi tecnici che, come ha spiegato Toyota, non hanno provocato incidenti gravi. Leggi il resto di questo articolo »

9 apr

Pirati della strada, troppi gli impuniti: solo il 65 per cento viene identificato

È di 653 morti il bilancio delle vittime dei pirati della strada negli ultimi sei anni: oltre centro croci all’anno piantate sulla strada. Lo rileva l’Osservatorio il Centauro-Asaps (Associazione sostenitori e amici della polizia stradale). Un dato a cui va aggiunto quello dei feriti (4.943) e quello degli episodi di pirateria stradale (4.168). Spesso i pirati hanno una breve carriera e vengono assicurati nel giro di poche ore alla giustizia. Ma c’è anche un altro dato allarmante. Leggi il resto di questo articolo »

8 apr

Siamo sicuri d’essere un Paese civile sulle strade? La risposta è nei costi dei trasporti

Meno 15, 4 per cento di incidenti stradali; meno 15,2 per cento di morti e meno 50,8 per cento di feriti sull’asfalto: sono questi i numeri, “certificati”dall’Arma dei carabinieri e dalla Polizia stradale, che testimoniano la netta riduzione degli incidenti con mezzi pesanti coinvolti registrata nel 2013 rispetto al 2012. Un miglioramento frutto anche dei costi incomprimibili del trasporto merci, previsti da una legge nazionale secondo la quale se i corrispettivi delle prestazioni risultano inferiori a quelli indicati dal ministero competente, significa che sussiste un’evidente violazione delle norme sulla sicurezza sociale e della circolazione. Con la conseguenza che, ove si determinassero danni per i cittadini, per effetto del principio della responsabilità condivisa, verrebbero applicate le sanzioni a entrambe le parti: autotrasportatori e committenza. Leggi il resto di questo articolo »

5 apr

Cervi sulle strade amate da George Clooney, allarme sicurezza in Valle Intelvi

Non è più così sicuro viaggiare sulle strade della Valle Intelvi, verdeggiante località che domina il Lago di Como, tanto cara a George Clooney per i suoi tornanti percorsi diverse volte in sella alla sua Harley-Davidson tra un alpeggio, un pascolo e un ristorante tipico. Il problema è che ci sono troppi cervi. Il numero degli esemplari sul territorio è aumentato in modo esponenziale nell’ultimo periodo e cresce l’allarme, soprattutto per il rischio di incidenti stradali.  Leggi il resto di questo articolo »

4 apr

Sicurezza in moto, i comportamenti delle auto che fanno paura ai centauri

Sono le auto il primo pericolo per la sicurezza di chi viaggia in moto. Lo dicono gli stessi centauri che puntano il dito contro i comportamenti di chi guida le quattro ruote. Secondo un sondaggio realizzato dal Centro studi e documentazione Direct Line, il 43 per cento dei motociclisti afferma che spesso e volentieri le auto rappresentano una vera e propria minaccia per le due ruote.  Leggi il resto di questo articolo »

4 apr

L’alcol al volante fa 10mila vittime l’anno. È responsabile di un terzo dei morti

Sono più di 10mila le persone che ogni anno muoiono in Europa per incidenti stradali causati dall’alcol. La guida in stato di ebbrezza è responsabile di oltre un terzo dei 28mila morti sulle strade registrati nel 2012 nei Paesi dell’Europa a 27. La stima è della Commissione europea. I dati sono stati discussi durante il primo evento italiano all’interno del progetto Smart (Sober Mobility Across Road Transport), organizzato dalla Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale e dall’European Transport Safety Council, che si è svolto a Roma. Leggi il resto di questo articolo »

4 apr

Incidente contro un’auto abbandonata, a giudizio Ministero e società Autostrade

Ministero dell’Interno, Società Autostrade e Fondo di solidarietà delle vittime della strada sono stati chiamati in giudizio insieme con due agenti della polizia stradale per risarcire i familiari di un motociclista ferrarese che perse la vita sulla bretella della Ferrara-Portogaribaldi. L’uomo, di 57 anni, in sella alla sua moto, finì contro un’auto rubata abbandonata in mezzo alla strada. Nessuno si era premurato di rimuovere l’ostacolo a oltre un’ora dalla prima segnalazione fatta da alcuni automobilisti di passaggio. Leggi il resto di questo articolo »