Si vola sempre più, servono 32.600 aerei nuovi in 20 anni. Le flotte raddoppiano

È il cielo la strada del futuro. Nei prossimi 20 anni, infatti, il traffico aereo crescerà a tal punto che saranno necessari molti più aerei. Le flotte in pratica raddoppieranno. Secondo Airbus, tra il 2015 e il 2034, il traffico passeggeri mondiale crescerà al tasso annuale del 4,6 per cento rendendo necessari circa 32.600 nuovi aeromobili da 100 posti a sedere e più per un controvalore di 4,9 mila miliardi di dollari. Continua a leggere

Biglietto aereo online? Il prezzo finale del volo dev’essere indicato al primo clic

I prezzi dei voli aerei in partenza dall’Unione europea devono essere chiari fin dal primo clic. Le tariffe esposte online devono infatti indicare sin dall’inizio il prezzo finale. Lo ha stabilito giovedì una ssentenza della Corte di giustizia Ue che, in un’altra decisione ha riconosciuto il diritto di Ryanair a bloccare i siti che mettono a confronto i prezzi accedendo alla sua banca dati online senza autorizzazione. Continua a leggere

Voli dal Nord al Sud, Alitalia elimina i collegamenti dall’aeroporto di Torino

Si allungano le “distanze” tra Torino e il Sud Italia e le isole. Dal primo ottobre, infatti, Alitalia non collegherà più l’aeroporto di Caselle con Alghero, Bari, Catania, Lamezia, Reggio Calabria e Palermo. Una decisione che ha scatenato le reazioni del sindaco Piero Fassino e del presidente della Regione Sergio Chiamparino che hanno chiesto l’intervento del governo, mentre l’aeroporto di Caselle, si legge in un comunicato, è già al lavoro per garantire con altre compagnie aeree i collegamenti cancellati. Tra le ipotesi in campo quella di una base a Torino di Ryanair, formulata dallo stesso vettore low cost nei mesi scorsi. Continua a leggere

Voli, Alitalia resta il primo vettore. È la Catania-Fiumicino la tratta più gettonata

È Alitalia il primo vettore del nostro Paese. La compagnia di bandiera perde passeggeri, 23,9 milioni rispetto ai 25,3 del 2012, ma mantiene la leadership. Alle sue spalle crescono le lowcost, con Ryanair a 23 milioni di passeggeri (erano 22,7) ed Easyjet con 12,4 milioni (11,5 nel 2012). Lo evidenzia il Rapporto 2013 dell’Enac, l’ente nazionale per l’aviazione civile. Lo scalo con maggior numero di passeggeri si conferma Fiumicino (35,9 milioni), seguito da Malpensa e Linate, rispettivamente, 17,7 e 9,9 milioni.  Continua a leggere

Aerei, traffico in crescita ma le compagnie guadagnano solo 5 dollari a passeggero

Saranno 3,3 miliardi, il 5,9 per cento in più rispetto al 2013, le persone che quest’anno viaggeranno in aereo. Nelle stive saranno trasportate 52 milioni di tonnellate di merce. Ogni giorno ci sono 100mila voli nel mondo e l’industria del trasporto aereo dà lavoro a 58 milioni di persone, ma le compagnie guadagnano poco più di cinque dollari per passeggero. Sono alcuni dei numeri del rapporto presentato dalla Iata, l’associazione internazionale del trasporto aereo, che celebra 100 anni dal primo volo (primo gennaio 1914 in Florida). Il numero dei passeggeri – dice il rapporto – sale beneficiando di un crescente network globale e soprattutto, di tariffe aeree in calo del 3,5 per cento in termini reali (dopo l’inflazione).  Continua a leggere

Il treno sorpassa l’aereo, in Spagna l’alta velocità prende il volo: boom di passeggeri

Gli spagnoli scelgono di viaggiare in treno. Per la prima volta, il trasporto ferroviario di alta velocità (Ave) ha superato l’aereo. A gennaio, infatti, secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica, sui convogli dell’Ave sono saliti 1,9 milioni di passeggeri, mentre le persone che si sono spostate in aereo sono state 1,8 milioni. Il trasporto ferroviario ha registrato un aumento del 22 per cento rispetto a gennaio 2013, mentre quello aereo ha subito un calo del 7,3 per cento.  Continua a leggere

Voli aerei, estate senza guai? “Con meno passeggeri non ci saranno problemi”

“Non ci dovrebbero essere problemi per il trasporto aereo nei picchi di spostamenti estivi perché ci sarà un calo dei passeggeri quindi meno tensione sul sistema, anche se preferiremmo averne di più”. Lo ha detto il commissario straordinario dell’Enac, Vito Riggio. Oltre al calo di passeggeri il sistema è sotto controllo perché, ha spiegato Riggio, “abbiamo già sperimentato i picchi e siamo rodati”. Se l’anno scorso infatti ci sono state problematiche relative alla crisi di Windjet per quest’anno, sottolinea Riggio, “abbiamo fatto con Enav procedure per gestire eventuali emergenze ma ci auguriamo che continui ad andare tutto bene”. Continua a leggere

Aerei, passeggeri in calo in Italia: la rotta più frequentata è la Catania-Fiumicino

Alitalia è la prima compagnia aerea operante in Italia, l’aeroporto di Fiumicino è il più frequentato e la rotta con più passeggeri è la Catania-Fiumicino. È quanto emerge dal Rapporto Enac 2012. Nella classifica dei vettori, dopo Alitalia – che ha trasportato 25.330.103 passeggeri – ci sono Ryanair (22.797.829 passeggeri) ed Easyjet (11.590.088). Il principale aeroporto di Roma, pur con una flessione dell’1,8 per cento rispetto al 2011, si conferma il primo scalo con 36.742.475 di passeggeri, seguito da Malpensa (18.329.205, -4 per cento) e Linate (9.175.619, +1,3 per cento).  Continua a leggere

Voli da sogno? Sono sette le compagnie a cinque stelle. Nessuna è italiana

Il migliore riconoscimento che una compagnia aerea possa avere è quello conferito da Skytrax, che raccoglie le recensioni dei viaggiatori che prendono aerei regolarmente. Ottenere le “5 Star” è un po’ come ricevere le stelle Michelin nella ristorazione. Per una compagnia le cinque stelle sono un vanto. Nessuna compagnia italiana è nella lista. L’ultima compagnia aerea ad avere ottenuto la quinta stella è la All Nippon Airways (ANA), la compagnia giapponese. Continua a leggere

Il vostro aereo è in ritardo? Se arriva tre ore dopo avete diritto a un rimborso

Se un volo con una o più coincidenze arriva con un ritardo pari o superiore a tre ore, i passeggeri hanno diritto a un rimborso economico. Lo ha stabilito con una sentenza la Corte di giustizia Ue del Lussemburgo. Il fatto che il ritardo del volo iniziale non abbia superato i limiti stabiliti da quanto previsto dal diritto Ue non incide sul diritto all’indennizzo. Secondo la sentenza della Corte di giustizia Ue, l’indennizzo è forfettario, di un importo compreso tra i 250 e i 600 euro, in funzione della lunghezza del volo, e determinato sulla base dell’entità del ritardo a destinazione. Continua a leggere