Tu sei un’auto, una moto o uno yacht? Scoprilo rispondendo a questo test

E tu che tipo di veicolo sei? Sei una moto o un lussuoso yacht. Online si trova da qualche tempo ogni genere di test e quello di cui vi parliamo oggi è tra i più curiosi. Con una semplice serie di domande si abbinano le persone ai veicoli. Si tratta di cinque domande a risposta multipla. Il test è in lingua inglese, cerchiamo così di “guidare” chi non mastica questa lingua. Dalla pagina iniziale si deve cliccare start. La prima domanda è: “Stai camminando sulla strada e inizia a piovere cosa fai?” Continua a leggere

Bimbi morti in auto, perché non esiste un sensore sui seggiolini?

Due fatti di cronaca purtroppo molto simili nella dinamica hanno sconvolto la quotidianità di Perugia e Teramo. I fatti sono tristemente noti. Il padre che dimentica in auto il figlioletto o la figlioletta. L’auto che si trasforma in una trappola mortale a causa del caldo. I soccorsi vani. I piccoli che muoiono dopo una straziante agonia. L’apertura di inchieste, il rimorso che probabilmente sta distruggendo i genitori. Nei giorni scorsi qualcuno, sul blog del “Corriere della Sera” ha chiesto perché nessuno abbia mai pensato a un sensore che rilevi la presenza di qualcuno in auto quando il veicolo è parcheggio e senza le chiavi inserite. Continua a leggere

Autotrasporto in grave crisi,
la Cna-Fita emiliana rompe il patto

“Accordi non rispettati, si rompe il patto”. È questo il titolo del comunicato stampa con cui la Cna-Fita dell’Emilia-Romagna torna sul piede di guerra. “Il settore dell’autotrasporto merci”, si legge nella nota consultabile anche sul sito internet dell’associazione, “continua a non vedere vie d’uscita da una crisi che non ha precedenti e che costringe le imprese dell’autotrasporto a fronteggiare quella che si può ben definire una vera a propria emergenza, chiamate come sono a recuperare competitività ed abbattere costi. Per farlo occorrono però strumenti legislativi adeguati; ma questi, nonostante l’accordo sottoscritto a giugno 2010 e gli impegni assunti dal Governo, mancano”. Continua a leggere

Auto e moto difettose: online
un bollettino avvisa dei richiami

La sicurezza nella circolazione stradale è senza alcun dubbio legata al comportamento degli utenti. Ma anche la tecnologia ha un ruolo decisivo, e quando si viene a sapere che alcuni incidenti sono stati causati da un “difetto” di fabbricazione del veicolo, si fa più forte da parte di tutti il richiamo a una più concreta azione di controllo. Proprio sull’argomento dei “difetti di fabbricazione e richiami”, può essere interessante sapere che nel sito del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, con cadenza semestrale, viene pubblicato il “Bollettino di richiamo dei veicoli che presentano difetti”. Continua a leggere

Cala la spesa per le automobili
L’Aci: “Italiani più consapevoli”

Diminuisce, per la prima volta dal 1990, la spesa degli italiani per l’acquisto e l’utilizzo della propria automobile. Nel 2009 la spesa è stata di circa 165 miliardi di euro, il 2,3 per cento in meno rispetto al 2008. Si è ridotto anche il prelievo fiscale per tutti i veicoli: nel 2009 sono stati versati nelle casse del fisco 57,5 miliardi, il 5,6 per cento rispetto al 2008. Quella per l’automobile è la terza voce di spesa per le famiglie italiane, dopo la casa e l’alimentazione. Continua a leggere

Autopromotec: In Italia l’88,3%
delle merci viaggia su gomma

In Spagna il 95,8 per cento delle merci viaggia su gomma. In Gran Bretagna la quota è dell’88,9 per cento, in Italia dell’88,3 per cento e in Francia dell’80,6 per cento. I dati emergono da un’elaborazione sui cinque maggiori Paesi europei condotta dall’Osservatorio Autopromotec su statistiche di Eurostat. Decisamente diverso il panorama tedesco: in Germania, infatti, le merci che viaggiano su gomma sono “solamente” il 65,4 per cento. In questo caso, secondo l’Osservatorio Autopromotec, incidono significativamente il trasporto ferroviario e fluviale, decisamente carenti in Italia. Continua a leggere

Nuovo Libro bianco dei trasporti,
tra i temi le dimensioni dei veicoli

Che fosse in corso a Bruxelles un dibattito, tra l’altro a oggi già avanzato, sui temi di interesse e sugli indirizzi per il settore del trasporto e della logistica da inserire nel nuovo “Libro bianco dei trasporti”, lo si sapeva. Del resto il 2010 era già stato indicato quale riferimento per la ripartenza delle valutazioni sul sistema. Un esame necessario, proprio in riferimento alle evoluzioni che nel decennio 2001-2010 si sono verificate su molti degli aspetti concernenti il settore: dalla modifica dei sistemi produttivi connessa alla globalizzazione dei mercati e relative esigenze di mobilità delle merci e delle persone, alla tecnologia costruttiva dei veicoli, dalle politiche “verdi” legate all’impatto ambientale, alle emissioni in atmosfera e al rumore, dalla sicurezza alla più distribuita imputazione dei costi interni ed esterni del trasporto dei beni. Continua a leggere

Gruppo Volvo, il 2010 è positivo:
vendite di veicoli in salita del 12%

La crisi economica non sembra abitare nel Gruppo Volvo, che nel primo trimestre del 2010 ha fatto registrare un aumento del 12 per cento rispetto allo stesso periodo del 2009. Le vendite della casa ammontano infatti a 58,6 miliardi di corone svedesi (oltre 6 miliardi di euro). In crescita anche l’utile operativo, che è aumentato fino a 2,8 miliardi di corone svedesi, a fronte di una perdita di 4,5 miliardi di corone dello stesso trimestre dell’anno precedente. “Tutti i segmenti di business del Gruppo sono ora in attivo” comunicano dalla casa madre. “Il margine operativo”,  proseguono da Volvo, “è salito al 4,8 per cento come conseguenza delle azioni intraprese per ridurre i costi del Gruppo e come un effetto di maggiore utilizzazione degli impianti e la produttività del sistema industriale”.

A febbraio immatricolazioni di auto
in crescita: +20,59 per cento

Sono circa 200mila le auto che la Motorizzazione civile ha immatricolato a febbraio. Un dato positivo, se confrontato con lo scorso anno. Entrando nel dettaglio, a febbraio 2009 furono immatricolate 166.320 autovetture, mentre quest’anno le immatricolazioni sono state 200.560, il 20,59 per cento in più.
Nello stesso periodo sono stati registrati 366.341 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di -7.33 per cento rispetto a febbraio 2009, durante il quale furono registrati 395.317 trasferimenti di proprietà. Continua a leggere

Mercato dell’auto in crescita
anche a gennaio. In calo l’usato

È un gennaio positivo per il mercato delle auto. La Motorizzazione ha infatti immatricolato 206.341 autovetture, il 30,22 per cento in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno, quando furono immatricolate 158.457 autovetture. Diverso il trend dell’usato, visto che nello stesso periodo sono stati registrati 329.371 trasferimenti di proprietà di auto usate, il 10,75 per cento in meno rispetto a gennaio 2009, quando ne furono registrati 369.051. Continua a leggere