Gite fuori porta rigorosamente in auto: Umbria e Toscana le mete preferite

L’auto è ancora il mezzo perfetto per allontanarsi dalla quotidianità, con la comodità di avere con sé una piccola estensione della propria casa o postazione lavorativa. L’ultima ricerca è del portale specializzato in vendita di veicoli e usati automobile.it. “Viaggiare è sempre più una consuetudine, un’attività amata e praticata dalla maggior parte degli italiani, nonostante la recessione economica e il calo di clienti registrato dal settore ricettivo: cambiano le destinazioni, la durata dei soggiorni e le modalità di spostamento, ma nessuno rinuncia a un weekend fuori porta appena ne ha l’occasione”.  Continua a leggere

Da lunedì 22 agosto i lavori per sistemare la pavimentazione della E45 in Umbria

Prenderanno il via lunedì 22 agosto i lavori dell’Anas per sistemare la pavimentazione dei tratti umbri di due strade particolarmente frequentate: la statale 3 bis “Tiberina” e la 675 “Umbro Laziale. “Si tratta”, ha spiegato il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci, “di un imponente piano di manutenzione straordinaria, che comporta un investimento complessivo da parte dell’Anas di quasi 10 milioni di euro”. Le due strade, che compongono l’itinerario internazionale E45, saranno interessate dal risanamento profondo della pavimentazione, con interventi fino a 50 centimetri di profondità. In alcuni tratti, spiega l’Anas, verrà impiegato asfalto drenante. Continua a leggere

Umbria – Ristorante Old Passion Acquasparta (Terni)

Pizzeria Ristorante Old Passion
Loc. Acquasparta-Campagna, 12
05021 Acquasparta (Terni)
Tel. 0744.930.619
Fax. 0744.930.619

Giorno di chiusura: nessuno
Orario di apertura: 9-16 e 18-24
Prezzo medio: 15-20 euro
Accetta le principali carte di credito
Camere
: sì
Altri servizi: pista da ballo, parco giochi e terrazza

oldpassion.acquasparta@gmail.com
www.oldpassionacquasparta.com

La Pizzeria (con forno a legna) Ristorante Old Passion è facilissima da raggiungere dalla superstrada E45 (Orte-Ravenna), basta uscire ad Acquasparta. Il locale si trova subito dopo il bivio sulla destra. Dotato di ampio parcheggio, comodo anche per i mezzi pesanti, l’Old Passion è capace di ben 150 coperti divisi nelle due sale e alterna l’attività tipica di ristorante e pizzeria a quella di agriturismo e di location per banchetti e cerimonie. Continua a leggere

Civitavecchia-Livorno, a breve partiranno i lavori per il lotto sud

“È imminente l’avvio dei lavori per la costruzione del tratto di 15 chilometri dell’autostrada Tirrenica che collegherà Civitavecchia a Tarquinia”. Lo ha annunciato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli a margine dell’inaugurazione di un nuovo tratto della superstrada Orte-Viterbo-Civitavecchia. “Porteremo il progetto”, ha aggiunto il ministro, “al vaglio del Cipe il 29 aprile. Una volta ottenuto l’ok potrà essere aperto il cantiere”. Matteoli ha spiegato che “il primo lotto, partito da nord, è in fase di conclusione. Ora potrà partire quello da sud. L’autostrada Civitavecchia-Livorno è un’opera attesa da quasi 40 anni, e la sua costruzione favorirà anche la provincia di Viterbo”. Continua a leggere

Nevica nel Centro Italia,
i consigli dell’Anas per chi viaggia

Prosegue l’ondata di maltempo sulle regioni del Centro Italia, ma senza particolari disagi per la circolazione sulle strade statali. Sono in corso delle nevicate soprattutto sui tratti appenninici in Toscana, Emilia-Romagna, Umbria, Marche e Abruzzo, con qualche precipitazione anche a basse quote. Il traffico è comunque generalmente regolare su tutte le strade statali, dove i mezzi spargisale e sgombraneve dell’Anas stanno garantendo la transitabilità. L’Anas consiglia di non mettersi in viaggio senza catene a bordo o pneumatici da neve. Continua a leggere

Sulla strada medici pericolosi,
alla guida sono più bravi i preti

Incontrare un medico per strada non è sempre positivo. È meglio avere a che fare con un vigile urbano o un sacerdote, le due categorie che nel 2010 hanno causato il minor numero di incidenti stradali. La curiosa classifica è stata stilata da Assicurazione.it che ha messo in evidenza come nel 2011 ben due milioni e mezzo di conducenti dovranno cambiare classe di merito della propria assicurazione per aver causato un incidente stradale. Partendo dalle denunce presentate alle compagnie assicurative emerge che le categorie professionali che hanno causato il maggior numero di incidenti sono stati i medici (6,70 per cento, comunque in calo rispetto al 7,37 per cento dello scorso anno), gli insegnanti (6,66 per cento) e gli agenti di commercio (6,63 per cento). Gli automobilisti più prudenti sono stati i vigili urbani (appena il 4,65 per cento di loro ha causato un incidente), seguiti dai sacerdoti (4,98 per cento) e dagli imprenditori (5,20 per cento). Continua a leggere

Legambiente lancia l’allarme treni,
nel 2011 ne spariranno 154 su 600

Il 2011 sarà un anno di grande difficoltà per i pendolari italiani. È quanto emerge dal rapporto di Legambiente “Pendolaria 2010” con il quale l’associazione lancia “un forte grido d’allarme” per i numerosi “treni e le tratte a rischio soppressione a fronte di forti aumenti dei prezzi e un servizio peggiore nonostante la domanda in crescita”. Secondo lo studio, si prevede un taglio di 154 treni a lunga percorrenza (su 600), mentre per il servizio ferroviario pendolare mancano “800 milioni di euro rispetto al 2010 (45 per cento)”. Continua a leggere

Fondazione Guccione: “Si spende poco per la sicurezza stradale”

Maggiori controlli e investimenti, un’agenzia nazionale per la sicurezza stradale e la realizzazione di una scuola di alta formazione destinata ad amministratori e tecnici. Sono queste le proposte della Fondazione Luigi Guccione per le vittime della strada ha avanzato lunedì nel corso di un incontro alla Camera. Inoltre, secondo il presidente della fondazione, Giuseppe Guccione, l’Italia dovrebbe “varare un nuovo articolo ad hoc del Codice della strada, che metta in evidenza la volontarietà, in alcune circostanze, dei conducenti a provocare incidenti stradali, e realizzare un centro nazionale di assistenza alle vittime”. Continua a leggere

Trasporti pubblici, in Italia
i biglietti meno cari d’Europa

I prezzi dei mezzi pubblici in Italia sono i più bassi d’Europa. Nel Vecchio continente si spende di media 1,88 euro per un biglietto, mentre nel nostro Paese la cifra scende a 1,06 euro. Ma, ciò nonostante, “nessun aumento delle tariffe potrebbe mai compensare un taglio del 25 per cento delle risorse”, come ha dichiarato il presidente di Asstra, Marcello Panettoni. “È morte certa per bus, tram e metro coi tagli alle risorse decisi dalla manovra economica”, spiega in una nota il presidente dell’associazione che riunisce le aziende del trasporto pubblico locale. Anche perché, come spiega sempre Panettoni, “oltre una determinata soglia di aumento tariffario, più cresce il prezzo del biglietto meno persone prendono i mezzi pubblici”. Continua a leggere

Nato il Patto dei pendolari italiani: “Insieme diciamo no ai tagli”

È ufficialmente nato il Patto dei pendolari italiani. Mercoledì mattina a Roma si è infatti svolta l’assemblea dei rappresentanti dei pendolari, provenienti da Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli e Toscana, con adesioni e deleghe da Liguria, Piemonte, Lazio, Umbria e Sicilia. “I pendolari”, si legge in un comunicato, “hanno unanimemente deciso di dire no ai tagli di risorse e servizi perché le soluzioni al problema di finanziamento al trasporto pubblico locale esistono e si tratta solo di applicarle da parte di chi ci governa”. Continua a leggere