La nuova Torino-Lione toglie ai No Tav ogni motivo (vero) per opporsi alla realizzazione

Il nuovo asse ferroviario Torino-Lione è parte della rete centrale delle infrastrutture Europee TEN T, definita dal coordinatore europeo “sezione chiave” dell’intero corridoio Mediterraneo, lungo circa 3.000 chilometri, che collegherà il Mediterraneo occidentale con l’Europa centrale. Un corridoio di grande importanza strategica destinato a servire il 20 per cento circa della popolazione europea in regioni che rappresentano un quinto circa del Pil dell’Unione. Una via di collegamento che potrebbe essere definita un’importante tessera all’interno di un puzzle europeo che, una volta ultimato, risulterebbe assolutamente positivo per l’Italia. Continua a leggere

Fondi per le infrastrutture, l’Europa mette a disposizione 11,9 miliardi di euro

I Paesi dell’Unione europea avranno tempo fino al 26 febbraio per presentare i progetti legati alle infrastrutture e concorrere all’utilizzo dello stanziamento di 11,9 miliardi di euro deciso dalla Commissione europea. Come ha spiegato il commissario ai Trasporti, Siim Kallas, la parte principale dei fondi è destinata a finanziare progetti dei nove corridoi Ten-T. Gli 11,9 miliardi di euro stanziati rappresentano quasi la metà della dotazione finanziaria dei trasporti per la programmazione 2014-2020, che ammonta a un totale di 26 miliardi di euro (oltre il triplo degli otto miliardi complessivamente allocati per il periodo 2007-2013). Continua a leggere

Trasporti, la Commissione europea sblocca fondi per 1,265 miliardi di euro

La Commissione europea ha annunciato lo sblocco di 1,265 miliardi di euro per finanziare progetti essenziali nel campo delle infrastrutture per i trasporti. I fondi rientrano nel quadro dei programmi annuali e pluriennali della rete transeuropea di trasporto (Ten-T) per il 2012 e possono essere utilizzati per finanziare progetti di infrastrutture in tutti i settori (aereo, ferrovia, strada e marittimo/vie navigabili, sistemi di logistica e di trasporto intelligenti) e in tutti gli Stati membri. Continua a leggere

Infrastrutture, da Sace 200 milioni per le autostrade del Nord Ovest

Buone notizie sul fronte delle autostrade del Nord Ovest. Il gruppo assicurativo-finanziario Sace ha garantito un finanziamento della Banca Europea per gli Investimenti (Bei) di 200 milioni di euro a sostegno del piano di investimenti del Gruppo Sias (Società Iniziative Stradali e Servizi) per il potenziamento delle autostrade gestite nel Nord-Ovest d’Italia. Il finanziamento rientra nell’ambito di un’operazione del valore complessivo di 500 milioni di euro finalizzata da Bei a fine 2009. Continua a leggere

A Bologna si discute dello sviluppo del Corridoio Adriatico Baltico

La Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con l’Istituto sui Trasporti e la Logistica (Itl), e con il supporto di Interporto Bologna e dell’Autorità Portuale di Ravenna, ha organizzato per il 10 marzo un workshop dedicato alle aspettative e opportunità per le Regioni italiane alla luce della revisione delle reti transeuropee Ten-T, con particolare riferimento al Corridoio Adriatico Baltico e al Progetto comunitario SoNorA. L’evento, che si svolgerà nell’aula magna della Regione Emilia-Romagna in via Aldo Moro 30 a Bologna, con inizio alle ore 13, riguarderà in modo specifico l’impatto delle infrastrutture e dei nodi di  interconnessione Ten-T per tre Regioni italiane: Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia, tutte all’interno del corridoio europeo tra il Mar Baltico e il Mare Adriatico. Continua a leggere

Ten-T, dall’Europa nuovi fondi per autostrade del mare e aeroporti

La Commissione europea ha diffuso lunedì l’elenco dei 51 progetti di infrastrutture che beneficeranno di un finanziamento di 170 milioni di euro complessivi nell’ambito delle reti transeuropee dei trasporti (Ten-T). Le sovvenzioni interessano 24 Stati membri, tra cui l’Italia con otto progetti – per circa 20 milioni complessivi – che riguardano imprese e partner del nostro Paese. Continua a leggere

Tunnel ferroviario del Brennero, c’è l’ok dell’Austria. Partono i lavori

Il governo austriaco ha approvato il piano dei lavori per il tunnel di base del Brennero (un tunnel ferroviario che collegherà Innsbruck a Fortezza, ovvero l’Austria all’Italia). Il vicepresidente della Commissione europea e Commissario ai Trasporti, Siim Kallas, e Pat Cox, ex presidente del parlamento europeo, che ha assunto il coordinamento per l’Ue del progetto prioritario 1 (Berlino-Palermo) hanno accolto la decisione del governo austriaco come un importante passo avanti verso l’obiettivo di un trasferimento modale dalla strada alla rotaia di gran parte delle merci che attraversano le Alpi. I lavori per il tunnel di base del Brennero inizieranno già quest’anno e proseguiranno fino al 2016. Continua a leggere

Tav e Salerno-Reggio Calabria, Matteoli si difende dal Sole 24 Ore

Con una lunga lettera pubblicata sul sito del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (www.mit.gov.it), il ministro Altero Matteoli si difende dai recenti attacchi apparsi sul maggiore quotidiano economico d’Italia, Il Sole-24 Ore. Una lettera, quella di Matteoli, indirizzata al direttore Gianni Riotta, in cui il ministro replica punto per punto le accuse sui ritardi e sull’immobilismo in particolare sulla Tav. “Il Governo ha dovuto superare anche un contenzioso, che ha origini lontane, esploso in modo particolare nel biennio 2007-2008 (ne è un esempio il blocco dei contratti Tav) a cui è stato necessario far fronte ricorrendo ad appositi strumenti legislativi” scrive Matteoli. Continua a leggere

Progetti per le reti transeuropee, valutati 92 sistemi infrastrutturali

È stata pubblicata nei giorni scorsi dal vicepresidente della Commissione Europea, Siim Kallas, la prima valutazione intermedia di 92 progetti infrastrutturali prioritari per le reti transeuropee, cofinanziati dalla Commissione nel quadro del programma Ten-T per il periodo 2007-2013. La valutazione illustra nei dettagli la situazione di ciascuno dei grandi progetti in termini di investimento e di stato di avanzamento, allo scopo di introdurre maggiore responsabilità nel processo di finanziamento e di garantire che i fondi Ue vengano investiti in maniera proficua. Ne dà notizia il magazine dell’Anas (Le strade dell’informazione). Continua a leggere

Matteoli: “L’Europa è frenata
dalla congestione dei trasporti”

“La congestione delle reti di comunicazione trans-europee è una delle cause principali che ritardano la crescita e lo sviluppo dell’Unione europea”. È questo il pensiero che il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, ha espresso alla conferenza di Saragozza sulle reti Ten-T. Il ministro ha detto che “una delle cause principali che ritardano la crescita e lo sviluppo e penalizzano l’ecosistema comunitario è da ricercare in tre elementi che determinano forti negatività: la congestione, la saturazione e la monomodalità”. Continua a leggere