Addio agli sconti del fine settimana. E i prezzi dei carburanti riprendono a salire

Finita la campagna estiva di sconti sui carburanti, i prezzi alla pompa di benzina e gasolio tornano a salire. Il trend di aumenti non accenna infatti a fermarsi e con la fine dei maxi-sconti nel fine settimana per gli automobilisti non ci sono più boccate d’ossigeno. Come rileva Staffetta Quotidiana, le medie ponderate tra le diverse compagnie in modalità servito si attestano lunedì mattina per la benzina a 1,947 euro/litro (+0,2 centesimi) e per il diesel a 1,833 euro/litro (+0,2 centesimi).  Continua a leggere

Benzina e gasolio un po’ meno cari: abbassano i listini Ip, Tamoil e TotalErg

Inizia a scendere il prezzo dei carburanti. Come spiega Staffetta Quotidiana, la settimana si è aperta con un ribasso dei prezzi internazionali, sia per la benzina sia per il gasolio. La quotazione della verde si è attestata a 640 euro per mille litri (-4), quella del diesel a 653 euro per mille litri (-7). Una diminuzione che, questa volta, si vede anche per i prezzi ai distributori (clicca qui per leggere i prezzi compagnia per compagnia). Dopo i ribassi sul diesel del weekend, martedì mattina anche sulla benzina ci sono stati dei cali. Continua a leggere

Benzina, il prezzo continua a correre: per la verde punte a 1,841 euro al litro

In un Paese in cui muoversi sta diventando un problema, a causa della protesta dei tassisti (clicca qui) e dello sciopero del trasporti in Sicilia (clicca qui), a correre sono solamente i prezzi della benzina. Oggi, infatti, Eni ha messo mano ai listini, per la quinta volta in meno di due settimane, aumentando di 0,6 centesimi il prezzo raccomandato della benzina e di 0,8 centesimi quello del diesel. Come spiega Quotidiano energia, in Italia ci sono ora punte massime di 1,841 euro al litro, con le no-logo a 1,746.   Continua a leggere

“Presidente Napolitano, pensi alle vittime della strada, eviti che ce ne siano altre”

I costi della sicurezza stradale (e non solo) non possono entrare in una logica di mera contrattazione economica e le istituzioni, sempre più propense purtroppo a seguire una cultura del denaro e del guadagno, non possono sacrificare sull’altare del guadagno due importanti obiettivi del Decennio d’azione per la sicurezza stradale presentato a Roma l’11 maggio 2011 sotto l’egida dell’Onu e dell’Oms, l’organizzazione mondiale della sanità, e firmato da 36 organizzazioni economico-sociali italiane. È questo, il messaggio che Giuseppe Guccione, presidente della fondazione Luigi Guccione onlus per le vittime della strada, ha voluto lanciare alle istituzioni del nostro Paese attraverso una lettera indirizzata direttamente al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Continua a leggere

Altro ritocco alle accise, salgono i prezzi da Ip, Q8, Tamoil e TotalErg

Dopo il maxi-aumento di martedì (clicca qui per leggere l’articolo di Stradafacendo), questa mattina i prezzi di benzina e diesel sono tornati a salire a causa del nuovo aggiustamento alle accise (+0,19 centesimi) deciso per finanziare cinema, spettacoli e interventi culturali. Dal monitoraggio di Quotidiano Energia emerge infatti che questa mattina hanno ritoccato i prezzi raccomandati Ip (+0,6 cent sulla benzina, +1,3 cent sul diesel), Q8 (+0,5 cent su entrambi i prodotti), Tamoil (+0,3 cent su tutte e due i carburanti) e TotalErg (+1 cent sulla verde, +0,3 cent sul diesel). Continua a leggere

Aumentano le accise, su i prezzi dei carburanti: verde a 1,59 euro

Il rincaro delle accise di 4 centesimi al litro su benzina e diesel deciso per fronteggiare l’emergenza immigrati si è subito trasferito sui prezzi praticati alla pompa. Finisce così l’ondata di ribassi che aveva caratterizzato gli ultimi giorni. Questa mattina, infatti, i prezzi di benzina e diesel sono aumentati di 4,8 centesimi (per effetto dell’Iva), con la benzina Shell venduta a 1,59 euro al litro. Fanno eccezione Tamoil e TotalErg, che aumentano rispettivamente di 4 e 3,8 centesimi. Continua a leggere

Benzina alle stelle, al Sud un litro di verde costa 1,565 euro

L’effetto Libia si abbatte in maniera consistente sui carburanti. Secondo quanto emerge dalle rilevazioni di Quotidiano Energia, Eni ha infatti aumentato i listini di benzina e gasolio di due centesimi al litro, portando la verde a 1.536 euro e il gasolio a 1,426. Il maxi-aumento di Eni non è rimasto isolato, visto che anche Esso e Q8 hanno incrementato i prezzi – sia di gasolio sia di benzina – di un centesimo. Intanto, al Sud la benzina è arrivata a 1,565 euro al litro, superando il record del 2008. Continua a leggere