Limitare i tir non renderà le strade più sicure e danneggerà l’economia

Chi sostiene la necessità di limitare il trasporto su gomma, in assenza di alternative, ha davvero a cuore gli interessi del Paese? E con meno tir sulle strade avremo realmente maggiore sicurezza? A dar retta  a qualche magistrato (quelli del Tar, il Tribunale amministrativo regionale del Lazio)  sembrerebbe proprio di sì. Con una recente sentenza i giudici laziali hanno infatti stabilito che nei giorni precedenti e in quelli successivi alle festività i mezzi pesanti non dovranno circolare. E poco importa se i dati Istat dimostrano che i momenti di  maggior incidentalità si verificano quando i tir sulle strade non ci sono, se l’incidentalità è riconducibile al comportamento delle persone e alla congestione. Continua a leggere

Auto elettriche, l’accusa dell’Unrae: “L’Italia brilla per la sua assenza”

“Con il Piano Merkel, approvato in questi giorni dal Governo tedesco (clicca qui per leggere la notizia), praticamente tutta l’Europa ha messo a punto coordinati programmi di incentivazione per lo sviluppo dei veicoli elettrici. Solo l’Italia brilla per la sua assenza e ha una posizione divenuta sempre più difficile da comprendere”. Con queste parole Gianni Filipponi, direttore generale dell’Unrae, l’associazione delle case costruttrici estere, chiede all’Italia un’inversione di rotta. Continua a leggere

Il piano della Merkel: la Germania si muoverà con le auto elettriche

Due miliardi di euro, il doppio di quanto previsto fino ad ora, per le attività di ricerca e sviluppo delle auto elettriche. È questa la somma che ha deciso di stanziare il cancelliere tedesco, Angela Merkel, per permettere alla Germania di conquistare la leadership del mercato mondiale delle auto elettriche entro il 2020. L’obiettivo è quello di avere un milione di auto elettriche sulle strade del Paese entro il 2020 e altri cinque milioni entro il 2030. Continua a leggere

Infrastrutture, dal Cipe via libera
a lavori per 21 miliardi di euro

Giovedì mattina il Cipe ha approvato l’apertura di cantieri di opere pubbliche per 21 miliardi di euro. Via libera quindi, tra gli altri, alla settima tranche del Mose di Venezia, al primo lotto del Terzo valico Genova-Milano, al valico del Brennero, all’autostrada pontina Roma-Latina, al tunnel della Maddalena della Torino-Lione, al primo lotto della Tirrenica. Continua a leggere

Continental in prima fila per diminuire le vittime sulla strada

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=auSbt_e0ue0[/youtube]

La ricerca tecnologica può fare molto per ridurre il numero delle vittime di incidenti stradali e aumentare la sicurezza. Per questo Continental, con la sua squadra di ricercatori, è salita a bordo del progetto dell’Unione europea denominato Carta europea della sicurezza, come racconta Bernd Korte vice president per lo sviluppo e l’industrializzazione di prodotto a livello mondiale di Continental…

Domenica il Gran Premio di Monza: “È un patrimonio da difendere”

“Un patrimonio da difendere a tutti i costi, un valore aggiunto per il nostro territorio, per la tradizione dell’automobilismo sportivo che ha fatto vivere le più belle pagine dell’epopea della Formula Uno. Noi stiamo con Monza, e in questa occasione lo ribadiamo ancora una volta: giù le mani dal Gran Premio di Monza”. Intervenendo alla conferenza stampa di presentazione dell’81° Gran Premio di Formula Uno, in programma domenica, l’assessore regionale lombardo allo Sport e Giovani, Monica Rizzi, ha rafforzato il fronte comune delle istituzioni locali a difesa dell’appuntamento monzese con il massimo circus automobilistico, contro l’ipotesi sempre più concreta di realizzare un secondo Gran Premio a Roma. Continua a leggere

Giachino: “Puntando sulla logistica
tutta l’Italia può crescere”

L’Italia deve puntare sulla logistica e utilizzarla “per per poter crescere di più da Sud a Nord del Paese”. Lo ha sottolineato il sottosegretario ai Trasporti e alle Infrastrutture, Bartolomeo Giachino, in occasione di un convegno a Napoli sul Piano nazionale della logistica. “Il mondo dei trasporti e della logistica deve essere in grado di spiegare”, ha detto Giachino, “che investire in questo settore significa che il Pil può crescere tra lo 0,5 e l’1 per cento. Tutta Italia ha una formidabile opportunità di crescita nella logistica. Dobbiamo diventare la porta del Sud verso l’Europa. La logistica”, ha detto sempre Giachino, “così come il turismo, è il nostro petrolio”. Continua a leggere

Acea, nel 2009 è crollata
la produzione di auto e camion

I costruttori di auto e camion si ricorderanno a lungo del 2009. L’anno della crisi, quello in cui la produzione ha toccato il punto più basso dal 1996. I dati, contenuti nell’ultimo Economic Report dell’Acea, l’associazione che riunisce i costruttori di auto europei, sono impietosi. Nel 2009 in Europa sono state prodotte 13,4 milioni di auto, il 13 per cento in meno rispetto al 2008. Ancora peggio la situazione dei camion, che hanno segnato un ribasso addirittura del 64 per cento. In generale, il calo della produzione di veicoli (auto, camion e bus) è stato del 17,3 per cento, con 15,2 milioni di unità. Continua a leggere

Monte Bianco, attraverso il traforo
passano sempre meno Tir

Attraverso il traforo del Monte Bianco passano sempre meno Tir. I dati arrivano direttamente dal Geie Tmb, il raggruppamento italo-francese che gestisce la struttura, che ha analizzato i passaggi del 2009. I Tir sono stati 518.258, l’11,93 per cento in meno rispetto al 2008. In calo anche gli autobus (15.292, -2,37 per cento), mentre sono stati in crescita i passaggi dei veicoli leggeri, 1.198.993, con un incremento dello 0,99 per cento rispetto all’anno precedente. Più auto e meno camion, quindi, anche per colpa della crisi economica. “Si deve notare”, spiegano i responsabili del traforo, “che nel 2009 il traffico pesante è stato inferiore di un terzo rispetto a quello di dieci anni fa: nel 1998 il numero dei passaggi era stato di 776.604”. Continua a leggere

Via ai lavori del porto di Fiumicino
Matteoli: “Porterà occupazione”

Sono partiti giovedì 4 febbraio i lavori del nuovo porto turistico di Fiumicino. Un’opera da 400 milioni di euro che prevede la realizzazione di 1.445 posti barca, 3.400 posti auto, edifici a uso direzionale, commerciale e residenziale e il restauro del vecchio faro. Alla cerimonia di inizio lavori hanno partecipato, oltre a numerose autorità locali, anche il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta. Continua a leggere