Più sicurezza sui treni, assegnati 440 milioni di euro alle ferrovie regionali isolate

Operazione sicurezza per i treni, anche quelli che circolano su linee regionali isolate e non interconnesse con la rete nazionale. La scorsa settimana, infatti, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha firmato un decreto di ripartizione di 440 milioni per la messa in sicurezza proprio delle ferrovie regionali isolate. Il decreto ministeriale, spiega una nota, “segue a quello da 254 milioni firmato lo scorso settembre. I finanziamenti statali, previsti nell’ambito del Fondo Investimenti istituito dalla legge di Bilancio 2017, sono finalizzati a dotare anche le linee isolate di sistemi tecnologici e di protezione di marcia del treno per migliorare i livelli di sicurezza, secondo gli standard individuati dall’Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria”. Continua a leggere

Treno deraglia alle porte di Milano a causa del cedimento di una rotaia: 3 morti e 100 feriti

Il deragliamento del treno Cremona-Milano è stato provocato dal cedimento strutturale di una rotaia. Lo ha spiegato il direttore territoriale di Rete Ferroviaria italiana, Vincenzo Macello, sul luogo dell’incidente alle porte di Milano che questa mattina ha provocato 3 morti e un centinaio di feriti, di cui cinque molto gravi. Una vera e propria strage. Erano circa le 7 del mattino, quando un treno di Trenord carico di pendolari, il regionale 10452 partito da Cremona alle 5.32 e diretto a Milano Porta Garibaldi, è deragliato all’altezza di Seggiano di Pioltello. Continua a leggere

Scontro tra treni, per le Fs il binario unico è sicuro: “Polemiche senza senso”

“La polemica sul binario unico non ha senso, in Italia e nel resto del mondo la maggior parte delle linee sono a binario unico, il sistema di sicurezza non dipende dal numero dei binari: tutte le linee ferroviarie hanno un livello di sicurezza garantito, anche quelle a binario unico”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Fs, Renato Mazzoncini. Continua a leggere

Macchinista unico, Trenitalia si sente sicura: “In linea con il resto d’Europa”

“Il ricorso a un solo macchinista è la modalità ordinaria di condotta dei treni utilizzata in tutta Europa. È così, ad esempio, nel Regno Unito, in Francia, Germania, Belgio, Olanda, Repubblica Ceca, Svizzera, Austria, Slovacchia, Ungheria e Polonia”. Lo spiega Trenitalia che in una nota annuncia di voler proseguire con il macchinista unico. Nelle scorse settimane (clicca qui) sono stati avviati procedimenti penali nei confronti dei vertici di alcune imprese ferroviarie italiane, tra cui Trenitalia, per presunte violazioni delle norme sulla sicurezza sul lavoro. Il Gruppo Fs, in una nota, “ribadisce l’assoluta correttezza dell’operato di Trenitalia, rilevando come esso sia in linea con quanto avviene in tutto il resto d’Europa”. Continua a leggere