Da una parte si sviluppa il metano, dall’altra si chiudono i distributori

Sviluppo di carburanti alternativi e meno inquinanti. Sembra essere la parola d’ordine del settore auto per il futuro, ma questa idea si scontra con le notizie di cronaca. L’ultima giunge da Metauto Magazine che ha ricevuto una segnalazione riguardante il rischio chiusura per l’unico distributore di metano della Valle d’Aosta. “Siamo un gruppo di cittadini”, hanno scritto alcuni preoccupati automobilisti a Metauto Magazine, “orgogliosi di possedere un’auto a metano, indignati e preoccupati per l’imminente chiusura dell’unico distributore di metano della nostra Regione. Nel novembre del 2009 apre a Plan Felinaz (frazione di Charvensod) il primo distributore di metano della Valle d’Aosta e, per alcuni, è l’occasione che aspettavano da tempo per godere finalmente dei benefici dell’utilizzo del metano per autotrazione”. Continua a leggere

Nuovo crollo per il mercato auto: immatricolazioni in calo del 20,7%

Un altro crollo. Per il mercato dell’auto, anche febbraio, dopo la pesante flessione di gennaio (-20,7 per cento), si chiude con un bilancio estremamente negativo: le nuove immatricolazioni sono state il 20,49 per cento in meno rispetto allo stesso mese di un anno fa. Ancora più pesante il dato di Fiat, -27,09 per cento. In flessione anche la quota di mercato del gruppo torinese, al 28,4 per cento, in calo rispetto al 30,97 per cento di febbraio 2010. Un dato che non spaventa Sergio Marchionne che, dal Salone dell’auto di Ginevra, ha rimarcato come i valori siano “totalmente in linea con le aspettative. A marzo il confronto sarà con un periodo in cui c’era ancora la scia degli incentivi. Da aprile invece ci confronteremo con un mercato normale”. Continua a leggere

John Elkann: “A Fiat Industrial interessano i camion Volkswagen”

“Se Volkswagen volesse vendere le sue attività nei camion, Fiat Industrial sarebbe un potenziale acquirente”. Lo ha affermato John Elkann, presidente della Fiat e consigliere di Fiat Industrial, al Salone dell’Auto di Detroit. In ogni caso, come ha precisato Sergio Marchione, presidente di Fiat Industrial, “al momento non c’è alcuna trattativa in corso con Volkswagen”. La notizia è stata accolta con un “no comment” dal gruppo Volkswagen, che detiene la maggioranza della svedese Scania e circa il 30 per cento della Man. Marchionne ha aggiunto che il Lingotto “non è interessato a vendere le attività di Industrial nei mezzi pesanti”. Continua a leggere

L’Alfa Romeo compie cento anni,
nel fine settimana raduno a Milano

Cent’anni di storia, con modelli che hanno trasformato un marchio in mito. Giovedì 24 giugno, l’Alfa Romeo compie cent’anni e per festeggiare l’avvenimento gli alfisti di tutto il mondo si mobiliteranno in un maxiraduno che animerà le principali piazze milanesi nel fine settimana. Tanti sono i modelli che hanno contribuito a scrivere la storia del marchio lombardo: dal primo modello, la 24 HP del 1910 che viaggiava ai mitici cento all’ora e da cui derivarono le prime auto da competizione, fino alla nuovissima Giulietta (nella foto)Continua a leggere

Fiat, senza incentivi calo del 30%
Scorporata l’attività di Iveco

Il giorno dopo l’annuncio del cambio di presidenza, da Luca Cordero di Montezemolo a John Elkann, l’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne (nella foto), inizia a tirare la giacchetta al governo Berlusconi, naturalmente sul fronte degli incentivi. “Chiudiamo un anno di crisi con risorse più che adeguate e una posizione forte”, ha detto Marchionne, il quale ha confermato gli obiettivi 2010, con ricavi per 50 miliardi di euro, un margine operativo fra 1,2 e 1,3, un utile netto intorno al pareggio e un indebitamento industriale netto intorno ai 5 miliardi. Marchionne però ha avvertito: senza gli incentivi si prevede un calo delle vendite in Italia del 30 per cento. Continua a leggere

Defiscalizzare le flotte aziendali,
sono questi i nuovi incentivi auto?

Il mercato dell’auto potrebbe trovare nuovi sostegni. Anche se il Governo italiano ha più volte ribadito che gli incentivi non saranno rinnovati, i costruttori europei pensano che possa arrivare un altro sostegno al settore. Non più sotto forma di incentivi agli acquisti, ma – come ha spiegato al Salone di Ginevra il presidente di Bmw Italia, Andrea Castronovo – con la defiscalizzazione delle flotte auto aziendali. Sull’addio agli incentivi si è espresso anche Stephen Norman, vicepresidente di Renault e responsabile mondiale del marketing, secondo cui la fine degli aiuti statali “potrebbe essere un bluff”. Continua a leggere

Marchionne: “Il mercato dell’auto si normalizzerà solo tra 3-4 anni”

Chiusa la parentesi degli incentivi, il mercato dell’auto si trova a fare i conti con una nuova realtà, sicuramente difficile, come testimonia la chiusura dello stabilimento Fiat di Termini Imerese. E proprio sulla situazione del mercato è intervenuto dal Salone dell’Auto di Ginevra Sergio Marchionne: “Per una normalizzazione del mercato dell’auto”, ha detto l’amministratore delegato di Fiat, “in Italia bisognerà aspettare il 2013. Ci vorranno 3-4 anni, perché il mercato riacquisti un ritmo normale”. Continua a leggere

Schifani: “Niente incentivi se
non si tutelano i posti di lavoro”

Gli incentivi auto tornano prepotentemente d’attualità. Dopo che l’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, in un’intervista a La Stampa di oggi aveva chiesto “decisioni in tempi brevi” e detto “il governo faccia la sua scelta e noi l’accetteremo senza drammi” è arrivata la risposta del presidente del Senato, Renato Schifani: “Bisogna avere il coraggio di dire basta a elargizioni statali se non vengono salvaguardati i posti di lavoro e i presidi industriali. Il patrimonio industriale e produttivo della Fiat di Termini Imerese”, ha detto Schifani, “deve essere salvato, non dobbiamo e non possiamo disattendere questo impegno morale”. Continua a leggere

Auto, da Detroit ottimismo
e novità: più spazio alle “piccole”

Nonostante il freddo rigido e la neve il salone dell’auto di Detroit si è aperto all’insegna dell’ottimismo e delle novità. Gli Stati Uniti scoprono il mercato delle piccole, più economiche a livello di listino e anche di gestione, mentre l’Europa presenta in questo segmento motori ibridi o elettrici. Bmw ha presentato un modello completamente elettrico con autonomia di oltre 200 chilometri, modelli ibridi a benzina ed elettrici anche per il Suv di Mercedes, il famosissimo ML, oltre che per Audi e per Volkswagen. Continua a leggere

Termini Imerese, è polemica
tra Scajola e Marchionne

È sempre più acceso il confronto tra la Fiat e il governo. Qualche giorno fa il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola aveva definito “una follia” la possibile chiusura dello stabilimento siciliano di Termini Imerese. Un termine che non è andato giù all’amministratore delegato del Lingotto, Sergio Marchionne, che ha risposto per le rime: “Per esperienza mia personale prima di usare un linguaggio pesante come follia uno dovrebbe capire i dati. Se poi uno li capisce magari tira conclusioni diverse”. Continua a leggere