Fermo dei Tir, c’è una sola strada per fermarlo. Ma c’è ancora tempo per percorrerla? 

Era fin troppo facile prevedere che senza un intervento risolutivo e immediato nel mondo dell’autotrasporto, letteralmente “travolto” da mesi da un carico di problemi irrisolti, si sarebbe avviata una fase di non facile gestione per tutti. Cosa che si è puntualmente verificata con l’annuncio di un fermo nazionale da parte di Unatras che ha spinto il ministro alle Infrastrutture e ai trasporti Paola De Micheli a convocare per il 14 novembre le federazioni dell’autotrasporto. La classica azione che, nel gergo calcistico, veniva definita “in zona Cesarini”, a partita ormai  quasi scaduta, quando ormai resta solo poco tempo per recuperare. Nello “scontro” con il mondo dell’autotrasporto (provocato proprio dalla mancanza di volontà di confermare un “ incontro” richiesto ripetutamente) il Governo riuscirà a raddrizzare il risultato? Continua a leggere

Tir a un passo dallo sciopero nazionale: il silenzio del ministro De Micheli non ha più scuse

L’autotrasporto italiano è a un passo dal fermo nazionale, protesta che rischia letteralmente di paralizzare il Paese. La conferma arriva da un comunicato di Unatras, sigla che raggruppa le principali associazioni del settore, Assotir, Confartigianato Trasporti, Fai-Conftrasporto, Fiap, Fita Cna, Sna Casartigiani e Unitai), in cui si dà notizia della convocazione per mercoledì 30 ottobre alle 12 del Comitato esecutivo dell’unione per “valutare iniziative conseguenti alle misure annunciate dal governo”. Iniziative che sono chiaramente indicate nel titolo del comunicato: “ Taglio ai sussidi sul gasolio per l’autotrasporto: si potrebbe andare verso il fermo dei tir”. Continua a leggere

È qui la protesta: la mappa delle città dove i Tir viaggeranno a passo d’uomo contro il Governo

Dove e come si svolgeranno le manifestazioni di protesta indette dalle principali associazioni della categoria dell’autotrasporto per sabato 18 marzo. Una domanda che si stanno ponendo moltissimi italiani, preoccupati di poter restare invischiati in code o rallentamenti causati dalle file di Tir pronti a marciare a passo di lumaca, da cortei… Ecco una mini mappa di alcune fra le manifestazioni organizzate per chiedere risposte immediate e concrete al Governo su temi come la regolamentazione a livello nazionale e comunitario delle leggi che riguardano il fenomeno della concorrenza sleale e del dumping sociale; lo sblocco dei rilascio delle autorizzazioni dei trasporti eccezionali; il pieno funzionamento delle motorizzazioni civili; le sanzioni effettive e adeguate per il mancato rispetto dei tempi di pagamento dei servizi di trasporto. Continua a leggere

La delusione dell’autotrasporto, manifestazioni in tutta Italia per chiedere un cambio di marcia

Tempi di pagamento sempre più lunghi e sempre più incerti, i dilaganti fenomeni di abusivismo, il “blocco” di fatto delle autorizzazioni per i trasporti eccezionali, l’assenza di una norma che tuteli le imprese italiane rispetto alla concorrenza sleale di quelle straniere, soprattutto dell’Est Europa. Sono alcuni dei motivi che hanno spinto Unatras a proclamare la mobilitazione nazionale degli autotrasportatori per sabato 18 marzo. Sulle strade, da Nord a Sud, arriveranno migliaia di camion e Fai-Conftrasporto parteciperà con centinaia di imprese. Le modalità della protesta varieranno da città a città.

Continua a leggere

Sciopero dei Tir, per fermarlo il Governo promette attenzione ai trasportatori

“Per scongiurare il fermo degli autotrasporti il Governo ha prontamente convocato le parti interessate dimostrando così, ancora una volta, grande attenzione verso le problematiche del comparto, e durante l’incontro avvenuto con i rappresentanti delle associazioni di categoria ha reso noti i dettagli del confronto in corso tra i ministeri dei Trasporti e dell’Economia e Finanze per la risoluzione delle questioni fiscali di particolare interesse della categoria”. Ad affermarlo è stato il sottosegretario ai trasporti e infrastrutture Simona Vicari al termine del tavolo di confronto tra il ministero e le associazioni di categoria dell’autotrasporto.  Continua a leggere

Sciopero dei Tir a dicembre? L’autotrasporto dà l’ultimatum al governo

UGGE a Tracky emotionÈ un vero e proprio ultimatum quello che il mondo dell’autotrasporto ha lanciato al Governo da Monza, dove i rappresentanti di categoria si sono ritrovati al Truck Emotion, principale vetrina nazionale dell’autotrasporto: se il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e il presidente del Consiglio Matteo Renzi non daranno risposte concrete entro la metà del prossimo mese di novembre, sarà sciopero. Continua a leggere

Niente sciopero dei Tir in Francia, ecotaxe sospesa a tempo indeterminato

Gli autotrasportatori francesi hanno vinto. Di fronte alla minaccia dello sciopero (clicca qui per ulteriori dettagli), il governo transalpino ha infatti deciso di sospendere a tempo indeterminato l’ecotaxe, il pedaggio che dal 1° gennaio 2015 sarebbe stato imposto ai veicoli pesanti su 4.000 chilometri di strade. Continua a leggere

Trasporto verso la protesta. Stracciato l’accordo che il Governo non ha rispettato

Il protocollo d’intesa sottoscritto il 28 novembre 2013 fra i rappresentanti di tutte le più importanti associazioni d’autotrasporto e il ministro ai Trasporti Maurizio Lupi non vale più, è diventato carta straccia. Lo “strappo”, che non lascia intravedere nulla di buono nel futuro dei rapporti fra autotrasportatori e Governo, si è consumato al termine dell’incontro che si è tenuto al ministero dei Trasporti, e che si è concluso proprio con la disdetta ufficiale dell’accordo. A confermarlo sono stati i rappresentanti di Conftrasporto, Confartigianato Trasporti e Sna Casartigiani, firmatari della disdetta del Protocollo d’intesa siglato, come hanno sottolineato i rappresentanti delle associazioni, “al termine di una serrata trattativa e con l’obiettivo di scongiurare la paralisi del Paese”. Continua a leggere

Sciopero dei Tir in Sicilia dal 24 al 28 marzo: “Subito le risorse dell’Ecobonus”

Camion fermi per cinque giorni in Sicilia. Le associazioni di categoria territoriali hanno infatti confermato il “fermo dei servizi di autotrasporto in Sicilia dalle ore 00.00 del 24 marzo 2014 alle 24.00 del 28 marzo 2014”, si legge in una nota. “La mancata erogazione delle risorse relative all’Ecobonus 2010/2011 impone un’azione di protesta ferma e decisa”.  Continua a leggere

Il vero popolo dei camion non è mai sceso in piazza. Lo dice Il Corriere della Sera

“Chi guardando a quanto è successo in questi giorni ha parlato di “rivolta” e “spallata” non sa che quando scende in campo il popolo dei tir il Paese si blocca veramente, le autostrade diventano un rodeo e le merci non arrivano a destinazione. Fortunatamente non è accaduto niente di ciò”.  A fornire l’ennesima conferma che quello che sta andando in scena da lunedì non è lo sciopero degli autotrasportatori è il “Corriere della Sera” che in un articolo firmato da Dario Di Vico e intitolato” “Ma il vero popolo dei Camion non è dentro la piazza fai da te” sottolinea anche come  “l’azione diplomatica tesa a depotenziare le agitazioni è stata possibile perché il mondo degli autotrasportatori organizzati ha retto allo stress-test  del fermo proclamato dalla piccole associazioni rimaste fuori dall’intesa firmata col governo”.  Continua a leggere