Please don’t smog, venerdì 25
la giornata contro l’inquinamento

L’idea è quella di sensibilizzare tutti i cittadini per ridurre l’inquinamento. Come? Lasciando a casa l’auto, organizzando autostop, abbassando il riscaldamento, utilizzando solamente mezzi pubblici. Sono queste le azioni proposte dall’associazione milanese Esterni, che ha organizzato la manifestazione nazionale “Please don’t smog”, in programma venerdì 25 febbraio. Continua a leggere

“Intimità” con il motore acceso,
coppia tedesca finisce nel Reno

La bizzarra notizia viene riportata sul sito inglese “metro.co.uk”, ma ha come protagonisti dei tedeschi. A causa delle temperature rigide che ci sono in questi giorni a Colonia, una coppia che si era appartata in auto sulle sponde del Reno ha scelto di lasciare il motore del veicolo acceso. Un abbraccio tira l’altro ed ecco che i due focosi amanti ingranano inavvertitamente la prima marcia. L’auto si inizia così a muovere e prima che i due riescano a fare qualcosa, ecco che finisce dentro il fiume. Fortunatamente i due giovani sono stati tratti rapidamente in salvo, nessuno di loro ha riportato lesioni. Curiosamente non si tratta della prima volta in cui qualcuno rischia la pelle in Germania dopo un’intensa attività amorosa. Continua a leggere

Tra i giovani crescono gli asmatici,
il responsabile è l’inquinamento

A una settimana dallo stop ai veicoli non catalizzati e dall’accensione del riscaldamento domestico, scatta un nuovo allarme inquinamento assolutamente da non sottovalutare. Cambiamenti ambientali, città sempre più inquinate, cattiva alimentazione, fumo di sigaretta nei più giovani ma anche il fumo passivo hanno facilitato negli ultimi anni il notevole incremento delle malattie respiratorie – l’asma in particolare – nelle nuove generazioni. Continua a leggere

Verona vara le misure antismog, tutti con i motori spenti ai semafori

Motori spenti ai semafori, tre giornate di sensibilizzazione ambientale, stop ai veicoli non catalizzati in sessanta Comuni della provincia e obbligo di un massimo di 19 gradi all’interno degli edifici pubblici e privati. Sono questi i provvedimenti adottati dalla Provincia di Verona per fronteggiare lo smog tra l’autunno e l’inverno. Continua a leggere

In auto si litiga dopo 20 minuti,
tra le cause musica e parcheggi

Se dovete accompagnare in auto da qualche parte qualcuno che, diciamo, non stimate, assicuratevi che il viaggio non duri più di 20 minuti. Altrimenti, tra voi e il vostro passeggero scatterà sicuramente una lite. Secondo un’indagine effettuata tra gli automobilisti britannici e pubblicato dal “Daily Mail” servono in media 22 minuti prima che scatti la scintilla del litigio in auto. La macchina viene considerato il luogo peggiore per litigare. Ma da cosa può dipendere il battibecco? Sempre il base all’inchiesta raccolta dalla casa automobilistica Seat sugli automobilisti inglesi (gli intervistati potevano dare più di una risposta), il motivo più frequente di litigio sono i differenti pareri sulla strada da percorrere (44 per cento), poi i problemi di parcheggio (37 per cento), l’eccesso di velocità (34 per cento). Ma c’è anche chi litiga per il riscaldamento troppo alto o l’aria condizionata troppo bassa e la scelta della musica. Continua a leggere

Domenica 11 aprile la festa
dell’Autoparco Brescia Est

Una domenica di festa, una giornata dedicata all’autotrasporto, con camion d’epoca, mezzi aerografati, prove, corsi di guida sicura e giochi. Domenica 11 aprile l’Autoparco Brescia Est è in festa. È l’occasione giusta, per chi già non la conosce, per scoprire la grande struttura – l’ideale per sostare, pernottare e parcheggiare – realizzata in sinergia tra la società Autostrada Brescia-Padova e la Fai, la Federazione Autotrasportatori Italiani. Continua a leggere

Blocco del traffico, Anci Lombardia
prova a sensibilizzare i sindaci

Sarà un blocco per pochi, quello di domenica prossima e proprio per questo motivo Attilio Fontana, presidente di Anci Lombardia, l’ente che ha sottoscritto l’accordo con il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino e quello di Milano, Letizia Moratti, prova di nuovo a sensibilizzare i primi cittadini. “Sappiamo tutti fin troppo bene che bloccare il traffico veicolare per un giorno non risolverà i problemi ambientali della Val Padana”, ha detto Fontana, “però i sindaci sono i responsabili della salute dei cittadini: quindi in assenza di altri provvedimenti efficaci e strutturali, non possiamo fare altro che adottare le uniche iniziative possibili”. Continua a leggere

Legambiente, l’Italia è il terzo Paese europeo per emissioni di Co2

“Con 550 milioni di tonnellate di Co2, l’Italia è il terzo Paese europeo per emissioni (era quinto nel 1990 e quarto nel 2000)”. La poco incoraggiante analisi arriva da Legambiente, che ha presentato “Ambiente Italia 2010”, l’annuale rapporto sullo stato di salute del nostro Paese. “Rispetto al 1990 – anno di riferimento per l’obiettivo di riduzione del 6,5 per cento entro il 2010 del Protocollo di Kyoto – la crescita delle emissioni lorde italiane è stata del 7,1 per cento, soprattutto a causa dell’aumento dei consumi per trasporti (+24 per cento), della produzione di energia elettrica (+14 per cento) e della produzione di riscaldamento per usi civili (+5 per cento). Le emissioni nette, considerando i cambiamenti d’uso del suolo e l’incremento della superficie forestale, sono cresciute del 5 per cento. Tutto ciò, mentre a livello europeo si registra una riduzione del 4,3 per cento (Eu a 15) delle emissioni rispetto al 1990, con Germania, Regno Unito e Francia che hanno già superato gli obiettivi del Protocollo di Kyoto, seguiti dall’Olanda che li sta raggiungendo”.  Continua a leggere

Altro che 150 all’ora in autostrada, Prestigiacomo vuole il limite a 90

La proposta della Lega Nord di innalzare il limite di velocità a 150 all’ora sulle autostrade a tre corsie e dotate di tutor era piaciuta un po’ a tutti. La proposta rientrò quando ci si accorse che su quasi tutta la rete autostradale la velocità massima di sicurezza era di 140. Bene tutti a 140 all’ora, quindi, 10 chilometri in più degli attuali 130. Ora ecco la stangata per chi si muove su ruote. Il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo (nella foto), sta preparando un piano antismog che prevede il limite dei 90 all’ora in tutta la Pianura Padana nei mesi di maggiore inquinamento – ossia orientativamente da ottobre a marzo compresi. Continua a leggere