Rinnovo della patente più costoso: ora si pagano almeno 26 euro in più

Il costo del rinnovo della patente di guida entrerà presto a fare parte della raffica di aumenti previsti quest’anno. A partire dal 9 gennaio per la pratica si dovranno pagare almeno 26 euro in più rispetto al passato. Nonostante i costi della procedura siano rimasti formalmente invariati (25 euro, 16 per la vecchia marca da bollo e 9 euro per i diritti di Motorizzazione), a questi vanno aggiunti 6,80 euro per la posta assicurata da saldare al momento del ritiro della patente nell’ufficio postale (mentre prima il vecchio bollino adesivo arrivava direttamente a casa), 15 euro in più per la visita medica (essendo aumentati i compiti dei medici) e minimo quattro euro per le nuove foto tessera (se si sceglie la macchinetta e non si va da un fotografo). Continua a leggere

Patente rinnovata a 101 anni: guiderà ancora la sua Giardinetta del 1967

Milio continuerà a guidare la sua Fiat Giardinetta del 1967. Per lui è un’altra vittoria, la più recente tra le tante che la vita gli ha riservato. Arrivato alla bellezza di 101 anni, Emilio Zumerle, di Montorio Veronese, potrà restare al volante di quella che è sempre stata la sua unica auto. Milio, come lo chiamano gli amici, ha infatti ottenuto il rinnovo della patente. Continua a leggere

Non ci sono solo i problemi di vista, chi guida spesso non sente bene

Non ci sono soltanto i problemi di vista dei conducenti a causare gli incidenti stradali, ma anche quelli di udito. Un terzo degli italiani soffre di carenze uditive. E a questi numeri si devono aggiungere quelli di chi guida con lo stereo troppo alto e non può quindi avvertire rumori esterni. Il problema dell’udito aumenta in modo proporzionale all’età: il 10 per cento della popolazione tra i 45 e i 60 anni accusa deficit uditivi e la percentuale sale al 25 per cento tra i 60 e gli 80 anni, fino a superare il 50 per cento tra gli over80. La situazione non migliorerà in futuro.  Continua a leggere

Patente, retromarcia del ministero: riparte la spedizione dei tagliandi

Retromarcia del Ministero dei Trasporti. Dopo l’annuncio che non avrebbe più spedito a casa i talloncini del rinnovo della patente (clicca qui per leggere l’articolo di Stradafacendo), del cambio di residenza e la comunicazione della decurtazioni dei punti per mancanza di fondi, il Ministero ha fatto dietrofront. Con una nuova circolare (l’avviso 13 del 15 marzo, prot. 7490), è stato infatti comunicato che è ripartita la spedizione dei tagliandi. Determinanti, in questo senso, le proteste arrivate al Ministero dei Trasporti dalle associazioni di categoria dell’autotrasporto. Continua a leggere

Rinnovo della patente: il Ministero non spedisce i tagliandi, sono finiti i soldi

A causa dell’indisponibilità di risorse finanziarie da qualche tempo è stato sospeso il servizio di “postalizzazione dei tagliandi relativi al rinnovo di validità della patente di guida, all’annotazione della stessa per l’avvenuto cambio di residenza, di comunicazione dell’avvenuta decurtazione di punteggio”. È la comunicazione che in questi giorni è giunta agli uffici della motorizzazione e alle scuole guida di tutta Italia da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. La notizia viene riportata dal portale merateonline.it. In pratica chi necessita di un rinnovo di validità della patente di guida o di un’annotazione per cambio di residenza non potrà fare altro che circolare con il solo certificato medico ma con i documenti scaduti, poiché a Roma, luogo di emissione fisica dei tagliandi, non ci sono i soldi per recapitarli in tutta Italia, oppure procedere con la richiesta di duplicato della patente, naturalmente a proprio carico.  Continua a leggere

Rinnovo della patente per gli ottantenni, cancellata la commissione speciale

Nessuna commissione speciale per decidere sul rinnovo della patente per gli ultraottantenni. La cosiddetta legge Valducci, dal nome dell’ex presidente della commissione Trasporti della Camera Mario Valducci, è stata abrogata da un decreto legge dello scorso 9 febbraio. Per la “giornalista di Pace” così si definisce, Gloria Capuano, l’87enne che ha avviato una vera e propria crociata contro la ghettizzazione degli anziani, è un vero e proprio successo. Ecco alcuni passaggi della lettera che la Capuano ha scritto ai suoi affezionati lettori.  Continua a leggere

Compie 105 anni la nonnina pilota, guidò la sua auto rossa fino a 99 anni

Qualche anno fa era finita sotto i riflettori perché le avevano rinnovato la patente. Niente di strano, se non fosse che ai tempi l’arzilla guidatrice aveva 96 anni. Era il 2002 e la nonnina, la bergamasca Mistica Bonardi, divenne quasi una star con apparizioni a I Fatti Vostri, su Rai Due, al Maurizio Costanzo Show, e diversi servizi sulla carta stampata nazionale e internazionale. Guidò la sua Citroen Ax rossa fino a 99 anni e mezzo e, a pochi passi dal secolo, decise di abbandonare il volante. Continua a leggere

Sicurezza stradale, problemi di udito per un automobilista su tre

Un italiano su tre soffre di carenze uditive, un problema che cresce con l’aumentare dell’età e che peggiorerà in futuro. Di questo tema si è discusso nel corso della tavola rotonda “Sicurezza stradale e udito” che si è svolta alla Camera dei deputati. Secondo l’Istat gli ultra 65enni aumenteranno dai 12 milioni di oggi a più di 20 milioni nel 2050. Persone che continueranno a guidare l’auto, con il rischio di un peggioramento dei livelli di sicurezza sulle strade se non verrà adottata una strategia contro la sordità e l’ipoacusia. “Il Codice della strada è un cantiere costantemente aperto”, ha detto il presidente della commissione Trasporti della Camera, Mario Valducci, nel suo intervento. “Sul tema dell’udito, oggi la tecnologia ci permette di misurare accuratamente il deficit uditivo, fattore molto importante per la sicurezza di tutti noi”. Continua a leggere

Il nuovo Codice della strada, questo sconosciuto…

Gli automobilisti italiani sanno che c’è un nuovo Codice della strada, ma ignorano, completamente o quasi, i dettagli delle nuove norme. Da uno studio commissionato a Ipsos dalla Fondazione Ania per la sicurezza stradale emerge infatti che tre italiani su quattro (il 74 per cento) dichiarano di sapere che a luglio è entrato in vigore il nuovo Codice della strada, ma il 63 per cento degli intervistati ammette di avere una conoscenza nulla o scarsa delle nuove norme e solo il quattro per cento le conosce in modo approfondito. Ancora peggiore il quadro riferito ai neopatentati: in questo caso solamente il 57 per cento degli intervistati sa che c’è un nuovo Codice della strada. Continua a leggere

Rinnovo della patente di guida,
quante difficoltà per i diabetici

Per rinnovare la patente, giusto o sbagliato che sia, si devono affrontare esami medici e di idoneità. Nel recente passato ci siamo occupati delle difficoltà degli anziani romani (clicca qui per leggere l’articolo) a causa della burocrazia introdotta dal nuovo Codice della strada e dell’interpretazione ad personam delle varie Asl. Ora, il deputato del Pdl Mario Valducci (nella foto), segnala nuove difficoltà per la categoria dei diabetici. Valducci non è un deputato qualsiasi, bensì il presidente della Commissione Trasporti alla Camera. Continua a leggere