Porti turistici lasciati alla deriva dal Governo: la nautica spera nel nuovo che sarà eletto

La nautica spera nel Governo che verrà. Quello uscente l’ha lasciata alla deriva. Così il portale mareonline ha titolato la notizia dell'”affondamento” dell’emendamento  presentato e sostenuto dai parlamentari di diversi schieramenti che prevedeva, sulla base di una recente sentenza della Corte Costituzionale, la non applicazione retroattiva degli aumenti dei canoni stabiliti dalla legge finanziaria del 2007 alle concessioni già in essere a quella data. Un emendamento che avrebbe dovuto rappresentare una diga in difesa del  settore nautico e che invece è miseramente naufragato. Lasciando a galla una situazione che il presidente di Assomarinas, Roberto Perocchio, non ha esitato a definire “assurda, e  che se protratta rischia di produrre la totale paralisi di tutti gli investimenti per i porti turistici. Continua a leggere

La nautica da diporto riparte dal Siste, il sistema che rivoluziona i registri delle imbarcazioni

Si chiama  Siste, sigla che sta per Sistema telematico centrale della nautica da diporto, e rappresenta una vera e propria rivoluzione nel mondo della nautica. Il Siste, infatti, pronto a salpare, come annuncia il portale mareonline.it, dopo che il  Consiglio dei ministri ne ha approvato il “varo”, prevede  infatti  l’informatizzazione della tenuta dei registri di iscrizione delle unità da diporto, attualmente gestiti in formato cartaceo in ciascun circondario marittimo, attraverso la loro completa informatizzazione e affida le relative competenze a un’unica autorità centrale competente su tutto il territorio nazionale. Continua a leggere

Confcommercio nella squadra europea di esperti che indicheranno le vie dell’economia del mare

Confcommercio Imprese per l’Italia è l’unica confederazione fra le tre realtà italiane che hanno partecipato a superare la selezione per entrare a far parte dell’”equipaggio” della Skills and Career development in the Blue Economy, il gruppo di esperti voluti dalla Commissione come consulenti sulle questioni relative allo sviluppo dell’istruzione, della formazione, delle competenze e di carriera all’interno dell’economia blu. Il Gruppo di Esperti istituito dalla Commissione Europea, come scrive il portale mareonline.it, lavorerà per i prossimi tre anni, supportando il lavoro di policy della Direzione generale mare per lo sviluppo delle strategie legate alle competenze nel settore marittimo. Fra i temi trattati, il trasporto marittimo, la costruzione di navi, il turismo, l’ocean energy, l’acquacoltura, la pesca e le biotecnologie marine. Continua a leggere

L’ultima corsa della metropolitana di New York per 2500 carrozze è finita in fondo all’oceano

metro-nelloceano“Per un abitante della Grande Mela vedere le carrozze della sua metropolitana inabissarsi nell’Oceano Atlantico è un vero choc”. Lo scrive il portale mareonline.it raccontando l’incredibile, per certi versi, storia. A pronunciare la frase è stato Stephen Mallon, fotografo newyorkese che ha documentato la sorte scelta dal Metropolitan Transit Authority di New York City, tra il 2001 e il 2010, per oltre 2500 carrozze della metropolitana cittadina. Quella appunto di “seppellire”  in fondo all’oceano i vagoni in acciaio inossidabile del peso di 18 tonnellate, a cui erano state tolte le ruote,  le finestre e le porte, impilati e posati su una chiatta per l’ultimo viaggio. Continua a leggere