Trasportatori creditori verso l’Ilva, il sito del ministero scrive: sono prededucibili

I crediti degli autotrasportatori verso l’Ilva, rientrano o no tra quelli prededucibili? A rispondere ai tantissimi imprenditori del settore sono stati direttamente i responsabili del ministero dello Sviluppo economico, pubblicando un comunicato sul proprio sito. Ecco il contenuto.  “A chiarimento dei dubbi interpretativi circolati in queste ore a proposito del maxi-emendamento al decreto legge sull’ Ilva approvato oggi dal Senato, il ministero dello Sviluppo economico precisa che nella categoria dei crediti prededucibili rientrano quelli di imprese che hanno contribuito all’attività di gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti produttivi, ivi comprese le imprese di autotrasporto che consentono la manutenzione di materie prime, merci e prodotti finiti e la funzionalità degli impianti produttivi”.

I benzinai minacciano lo sciopero,
i consumatori criticano il Governo

Il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, ha assicurato che incontrerà i gestori di Fegica e Faib che nei giorni scorsi si sono detti pronti allo sciopero contro le misure contenute nel provvedimento di riforma della rete carburanti. Romani, con un apposito decreto, aveva istituito la “Commissione per la valutazione delle dinamiche dei prezzi dei carburanti”, prevista nell’ambito delle iniziative del Tavolo permanente di confronto sul mercato petrolifero. Continua a leggere

Cresce la quota dei biocarburanti, benzina e gasolio costeranno di più

Anno nuovo, vita vecchia. Almeno per quanto riguarda i carburanti, che dal primo gennaio potrebbero costare ancora di più. In questi giorni il prezzo di benzina e gasolio è costantemente in crescita e con il 2011 potrebbe esserci una nuova accelerata. Secondo quanto dispone un decreto del ministero dello Sviluppo economico, aumenterà infatti dal 3,5 al 4 per cento la percentuale minima di biocarburante da miscelare a benzina e gasolio. I prezzi dei carburanti potrebbero quindi subire dei rincari, anche perché attualmente le quotazioni di biodiesel e bioetanolo sono in rialzo. Lo segnala il quotidiano delle fonti di energia La Staffetta Quotidiana. Continua a leggere

Finanziamenti per i camion,
da oggi le domande in banca

Da oggi giovedì 18 novembre si possono inviare al MedioCredito Centrale, la banca del Gruppo UniCredit specializzata nel settore pubblico, le domande per i finanziamenti finalizzati all’acquisto di automezzi da parte degli autotrasportatori secondo quanto stabilito dal decreto interministeriale (Ministeri Infrastrutture e trasporti, Sviluppo economico, Economia e finanze) del 21 settembre 2010 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3 novembre 2010, che ha esteso il fondo nazionale di garanzia ai veicoli per l’autotrasporto. Il fondo è sia per chi esercita l’autotrasporto conto terzi sia per i padroncini. Continua a leggere

Benzina, in otto mesi diminuite di oltre un milione le emissioni di Co2

Da gennaio ad agosto le emissioni di Co2 derivanti dall’utilizzo dei carburanti per autotrazione sono diminuite di 1.340.373 tonnellate. I dati derivano da un’elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro su dati del Ministero dello Sviluppo Economico. In termini percentuali il calo è dell’1,8 per cento ed è determinato esclusivamente dalla benzina. Le emissioni provocate da questo tipo di carburante sono infatti diminuite anche ad agosto, -4,6 per cento, confermando un trend negativo che dura da tutto il 2010, con gennaio (-9,5 per cento) e maggio (- 8,6 per cento) che hanno fatto segnare i valori più alti. Diverso invece il dato delle emissioni di Co2 provocate dall’uso del gasolio, sostanzialmente in pari rispetto al 2009. Continua a leggere

Benzinai, oggi pomeriggio l’ultimo tentativo per fermare lo sciopero

Ci sarà questo pomeriggio alle 15 l’ultimo tentativo per scongiurare lo sciopero dei distributori di benzina. Il sottosegretario Stefano Saglia ha infatti convocato un tavolo al Ministero dello Sviluppo economico per cercare una mediazione dopo il fallimento delle trattative di mercoledì scorso. Intanto la benzina torna a correre, sfiorando 1,4 euro al litro. La settimana si è infatti aperta con nuovi rialzi, sia per la verde, sia per il diesel, proprio mentre gli automobilisti si affrettano a riempire i serbatoi in vista dello sciopero che scatterà mercoledì mattina (martedì sera alle 22.00 in autostrada). Dalle 7.30 del 15 settembre i distributori cittadini rimarranno chiusi fino alle 7.00 di sabato 18, a meno che il governo non riesca a scongiurare la serrata sul filo di lana. Continua a leggere

Benzinai in sciopero, impianti chiusi dal 15 al 17 settembre

Tre giorni senza benzina, dal 15 al 17 settembre. I gestori di distributori di carburanti hanno infatti deciso di confermare la chiusura degli impianti anche dopo un incontro che si è svolto mercoledì pomeriggio al Ministero dello Sviluppo economico con il sottosegretario, Stefano Saglia. Lo sciopero, considerato “inevitabile” da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc-Anisa Confcommercio, dovrebbe portare alla chiusura dell’80-85 per cento degli impianti. I rappresentanti dei benzinai hanno anche dato un termine massimo per una convocazione da parte di Palazzo Chigi: “Entro martedì, oppure parte lo sciopero”, ha affermato il presidente di Figisc, Luca Squeri. Continua a leggere

Il gasolio supera 1,29 euro al litro
Il Codacons: “Tagliare le accise”

Prosegue, purtroppo, l’escalation del costo dei carburanti per autotrazione. Secondo la rilevazione effettuata ieri da Quotidiano Energia, dopo l’incremento operato dall’Agip la scorsa settimana, anche tutte le altre società petrolifere hanno adeguato i loro listini. Il prezzo del gasolio ha superato 1,29 euro al litro, mentre la benzina verde può costare anche 1,434 euro al litro. Oggi, fortunatamente, non sono stati segnalati aumenti. Ma vediamo, nel dettaglio, i prezzi dei carburanti delle principali compagnie. Continua a leggere

Il gasolio è troppo caro,
tassista denuncia la Tamoil

Era stanco di andare dal benzinaio e di pagare sempre di più il pieno. Così un tassista di San Severino Marche, evidentemente esasperato dai continui aumenti del prezzo del carburanti, ha deciso di citare davanti al giudice di pace una compagnia petrolifera, la Tamoil Italia di Milano. Raffaele Della Mora, 54 anni, chiede la restituzione di mille euro: somma ottenuta da 100 pieni effettuati dal 2 gennaio 2010 al 30 aprile 2010, moltiplicata per 10 euro, “il costo in più per ogni pieno” sostiene. Il tassista lamenta che, “malgrado il costo del petrolio si sia assestato a 80 dollari al barile, non è stato adeguato al prezzo del gasolio che non dovrebbe essere di 1,280 euro al litro, ma quanto meno di 1,10 euro”. Continua a leggere

Benzina troppo cara? In arrivo più self service e il prezzo settimanale

Prezzi settimanali e raddoppio dei self service entro un anno. Sono due dei punti fondamentali contenuti nel protocollo di lavoro siglato oggi al ministero dello Sviluppo economico per la riforma della rete di distribuzione dei carburanti. Addio quindi ai prezzi della benzina che cambiano giorno per giorno. D’ora in avanti le compagnie potranno fissare un prezzo massimo per tutta la settimana. Prezzo che potranno diminuire, ma non aumentare. Il protocollo è stato siglato al ministero dello Sviluppo economico dal sottosegretario, Stefano Saglia, dall’Unione petrolifera e dalle associazioni dei consumatori. L’obiettivo della riforma, ha spiegato Saglia, è quello di “azzerare entro tre anni lo stacco tra i prezzi italiani e quelli europei”. Continua a leggere