Fondi per il trasporto pubblico locale, dal Ministero arrivano subito 1,225 miliardi

Soldi subito per il trasporto pubblico locale e il trasporto ferroviario. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha infatti erogato alla Regioni 1,225 miliardi di euro, disponibili immediatamente, ai quali si aggiungeranno altri 422 milioni nei prossimi giorni. Come spiega il Ministero in una nota, la misura rientra nell’ambito del processo di efficientamento e razionalizzazione del trasporto pubblico locale e dei servizi ferroviari nelle regioni a statuto ordinario ed è a queste regioni che sarà erogato il denaro.  Continua a leggere

Aiuti per l’autotrasporto, sono in arrivo 400 milioni di euro per il 2013

Il ministero dell’Economia e delle Finanze ha firmato il decreto interministeriale per la suddivisione dei 400 milioni di euro da destinare, per il 2013, a misure di sostegno per l’autotrasporto. 91 milioni saranno destinati alla riduzione sui premi assicurativi; 134 milioni ai rimborsi dei pedaggi autostradali; 113 milioni a spese non documentabili; 22 milioni per il sistema socio sanitario nazionale; 24 milioni per investimenti e 16 milioni per la formazione. Continua a leggere

Torino-Lione, l’Italia non si tira indietro: “Fondamentale per la competitività”

“Abbiamo assunto impegni a livello internazionale e al momento non credo esistano presupposti per venir meno sulla Torino-Lione”. Lo ha detto il viceministro Mario Ciaccia. “Si tratta di un’infrastruttura importante per l’Ue e per la nostra competitività a livello mondiale, per la quale sono già stati spesi soldi, sia nostri che francesi. Si tratta di perdere cofinanziamenti Ue, impedendo nello stesso tempo la realizzazione di una grande opera”. Secondo le stime di alcuni esperti uscire dal progetto della Torino-Lione costerebbe all’Italia attorno ai due miliardi. Continua a leggere

Italia-Algeria, aumentano i collegamenti aerei per passeggeri e merci

Più voli passeggeri, da 14 a 18 settimanali, e l’inserimento di sette frequenze cargo nelle due direzioni. Italia e Algeria saranno collegate meglio di prima. Ad Algeri, il viceministro alle Infrastrutture e Trasporti, Mario Ciaccia, e il Ministro dei Trasporti algerino, Amar Tou, hanno infatti siglato un accordo aeronautico che prevede anche l’applicazione delle clausole standard dell’Unione Europea e un forte impulso all’apertura del mercato anche per i voli charter.

Continua a leggere

Revisione obbligatoria anche per le moto, l’Italia l’ha chiesta all’Unione europea

Aumentare la sicurezza stradale e la protezione dell’ambiente prevedendo anche per i veicoli a due ruote la revisione periodica. La richiesta del governo italiano è stata formalizzata poco prima di Natale a Bruxelles alla riunione del Consiglio europeo dei Trasporti che, tra le altre cose, ha esaminato il provvedimento sulle regole armonizzate in materia di revisione dei veicoli a motore e i loro rimorchi.  ”Uno degli ambiti  in cui è necessario implementare gli interventi  sulla sicurezza”, ha detto il viceministro Mario Ciaccia, “è quello che riguarda i giovani, soprattutto la circolazione dei motocicli”.  Continua a leggere

Dal Mare del Nord al Mediterraneo sul treno, passi avanti per i corridoi merci

Far viaggiare le merci sul treno dal Mare del Nord al Mediterraneo. È questo l’obiettivo che vuole raggiungere l’accordo siglato dall’Italia con Olanda, Belgio, Francia e Germania, Lussemburgo e Svizzera. Un memorandum d’intesa sottoscritto per la realizzazione dei cosiddetti corridoi ferroviari merci. Il corridoio 1 partirà da Anversa e da Rotterdam per transitare da Duisburg e arrivare sino a Milano e poi Genova. Il corridoio 2, invece, mantenendo gli stessi porti di partenza, passa invece da Lussemburgo, Metz e Digione sino a Lione e Basilea.  Continua a leggere

Trasporti via mare, accordo tra Italia e Algeria. Aumentano anche i voli aerei

Ottimizzare la cooperazione tra Italia e Algeria per il potenziamento dei traffici bilaterali e snellimento delle procedure burocratiche con innegabili benefici per le economie di settore. Sono queste le principali finalità dell’accordo quinquennale sui traffici marittimi siglato ad Algeri tra il viceministro dei Trasporti e Infrastrutture, Mario Ciaccia, e il suo omologo algerino, Amar Tou, in occasione del vertice intergovernativo Italia-Algeria. “I vantaggi dell’intesa sono innegabili in un momento in cui i trasporti via mare tra l’Europa e l’Africa si stanno confermando decisivi per tutti i settori economici”, ha detto Ciaccia spiegando che si tratta di uno degli innumerevoli accordi possibili tra i due Paesi che puntano a rafforzare le collaborazioni nei trasporti e costruzioni.  Continua a leggere

Revisioni di auto, moto e scooter: i controlli saranno gli stessi in tutta Europa

Per le revisioni di auto e moto potrebbe arrivare a breve una direttiva europea che aggiornerà quella del 2009. Secondo quanto emerso al termine del Consiglio Ue trasporti a Lussemburgo, “una maggioranza di stati membri si è espressa a favore di una direttiva piuttosto che di un regolamento” in quanto “permette una migliore armonizzazione della legislazione” nei 27, ha annunciato la presidenza cipriota di turno dell’Ue.  Continua a leggere

Tachigrafo sui camion, accordo per una norma europea: “Attenzione alle pmi”

I ministri dei 27 Paesi europei hanno raggiunto un “accordo politico” sulla bozza del nuovo testo legislativo comunitario relativo ai tachigrafi utilizzati nel settore dell’autotrasporto. L’Italia si è espressa a favore delle nuove norme che introducono il tachimetro digitale, ma ha voluto mettere l’attenzione su alcuni punti fermi a difesa delle piccole e medie imprese.  Continua a leggere

L’autostrada Orte-Mestre al prossimo Cipe. Il viceministro Ciaccia: “Sono fiducioso”

“Nel prossimo Cipe, sono fiducioso, porteremo a casa un’autostrada come la Orte-Mestre”, per un valore di 10 miliardi. Lo ha detto il viceministro alle Infrastrutture, Mario Ciaccia, a margine di una conferenza stampa all’Anas. “Stiamo facendo la definizione del piano finanziario”, ha spiegato Ciaccia, “e sono fiducioso che si possa fare entro settembre”. Il viceministro ha sottolineato come quest’opera sarebbe la prima basata sulla leva della defiscalizzazione. “Occorre andare avanti in questo senso, ritengo si possa fare di più”. Continua a leggere