Paita: “Di Maio revoca le concessioni? Ci dica anche come farà funzionare le autostrade”

“Di Maio ripropone la revoca delle concessioni?  Se questa é la scelta che ha individuato spieghi anche  come e quando verrà attuata? Dopo due anni che governa ci puo’ far sapere se ha in mente una proposta concreta per governare il sistema autostradale?”.A domandarlo, attraverso un messaggio su Twitter, è  Raffaella Paita, capogruppo di Italia Viva in Commissione Trasporti alla Camera, a proposito del post su Facebook di  Luigi Di Maio sul crollo del viadotto dell’autostrada A26.

Il trasporto pubblico spesso è già carente: come diventerà con 300 milioni di euro in meno?

I trasporti pubblici in Italia spesso non brillano certo per efficienza già così come sono, figuriamoci come potrebbero diventare con 300 milioni di euro di investimenti “spariti” per ripianare le casse del Governo. Un rischio più che probabile, come conferma anche il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ai vicepresidenti Matteo Salvini e Luigi Di Maio e al ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, esprime ”forte preoccupazione in merito all’ipotesi di una riduzione delle risorse destinate al Trasporto pubblico locale a disposizione delle Regioni”, evidenziando come “il taglio di 300 milioni di euro al Fondo nazionale trasporti sembri sempre più certo, considerato il forte innalzamento del deficit pubblico italiano. Continua a leggere

E45 Orte-Ravenna, l’emergenza dura da 70 giorni e il Governo non ha trovato il tempo di agire?

Sono trascorsi 70 giorni dalla decisione della magistratura di sequestrare e chiudere il viadotto Puleto sulla E45 Orte-Ravenna, in provincia di Arezzo, nell’ambito dell’inchiesta sul cedimento di una piazzola della stessa E45 avvenuto l’11 febbraio scorso, e dal Governo non è giunta nessuna risposta alla richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza avanzata dalle Regioni Emilia-Romagna, Umbria e Toscana, così come alla richiesta dei sindaci di un incontro con il ministro dello Sviluppo Economico per affrontare la situazione di difficoltà in cui sono venute a trovarsi le imprese del territorio. E, come non bastasse, il silenzio è calato anche sull’impegno assunto dal ministero del Lavoro, nell’incontro del 5 marzo 2019, di adottare tempestivamente un provvedimento di autorizzazione per l’utilizzo di ammortizzatori sociali a sostegno delle aziende e dei lavoratori dipendenti e autonomi. Continua a leggere

Via della seta, un giallo che si rispetti non può svelare subito il nome del colpevole…

In ogni libro giallo che si rispetti l’assassinio lo si scopre solo nelle ultime pagine. Nel “giallo della Via della Seta” invece il nome del possibile “colpevole” è già svelato all’inizio della storia: è il vice premier Luigi di Maio. E a togliere qualsiasi suspense ai lettori non è certo stato un “signor nessuno”, magari desideroso di “colpire” in qualsiasi modo il leader del movimento 5 stelle: è bastato prendere spunto da quanto dichiarato dal capo del Governo, Giuseppe Conte, che parlando dell’accordo raggiunto con la Cina ha voluto “ringraziare tutti i ministri per questo obiettivo, ma in particolare il ministro Luigi di Maio per l’impegno profuso nella predisposizione di questa importante intesa”. Il premier Conte, che ha una conoscenza diretta dei fatti, sostiene dunque che la vicenda Via della Seta è un risultato dell’azione del vice primo ministro Luigi Di Maio al quale, quindi, sono da ascrivere sia le opportunità sia i rischi. Continua a leggere

Ecobonus, la piattaforma va on line ma non è possibile inserire la prenotazione per l’incentivo

Ecobonus.mise.gov.it: è qui che si potrà navigare  per prenotare l’incentivo Ecobonus, la misura promossa del ministero dello Sviluppo economico che prevede contributi per l’acquisto di veicoli a ridotte emissioni, così come previsto dalla legge di Bilancio 2019. Una piattaforma attiva dal1° marzo ma che per i primi tempi non permetterà di inserire l ordine e prenotare l incentivo. Continua a leggere

No all’ecotassa auto, il Governo “non danneggerà chi può permettersi solo la Panda”

Inversione di marcia del Governo sulla nuova tassa ipotizzata per l’acquisto di auto nuove ma con “vecchi” carburanti come gasolio e benzina. Lo ha annunciato il vicepremier Luigi Di Maio a Mattino 5. “Non ci sarà nessuna nuova tassa sulle auto, ci sarà un ecobonus sulle auto elettriche, ibride, a metano. Non danneggeremo chi puo’ permettersi solo una Panda”, ha dichiarato il vicepremier aggiungendo che il Governo “sta incentivando fino a 6.000 euro le auto elettriche e preparando un piano per l’installazione di oltre 20.000 colonnine elettriche con EnelX. Abbiamo le citta’ ostaggio dell’inquinamento, si fermano le auto fino a Euro4”. Continua a leggere