Stop a divieti e burocrazia: solo così il governo non fermerà il cammino del nostro Paese

Da una parte l’esigenza di far diventare il settore dell’autotrasporto più competitivo, dall’altra un’overdose di divieti che frenano la corsa verso la competitività: questo è un controsenso ed è un esempio di come l’Italia debba cambiare strada se vuole davvero dare un futuro alle proprie imprese, e non solo dell’autotrasporto, se vuole garantire lavoro a moltissimi giovani che proprio nell’autotrasporto possono trovare la propria strada professionale. Perché il mondo dell’autotrasporto italiano può rappresentare il futuro per molti giovani, per molte famiglie. A condizione però che la classe politica sappia eliminare molti ostacoli sulla strada di chi lavora, che sappia eliminare quel sovraccarico di burocrazia che è il vero freno per l’intero Paese. Continua a leggere

Fai Emilia, una sola grande “casa” per le imprese di autotrasporto di Parma, Piacenza e Reggio

Fai Parma, Fai Piacenza e, a breve, Fai Reggio Emilia. Il “viaggio” intrapreso dalla Federazione autotrasportatori italiani in Emilia per costruire una grande casa degli autotrasportatori associati è partito solo nel novembre 2017 ma ha già percorso un importantissimo tratto di strada. Fino a far “coabitare” i rappresentanti di tre province diverse. Un traguardo (ma allo stesso tempo un punto di “partenza”) che verrà celebrato sabato 14 aprile con l’inaugurazione ufficiale dell’associazione Fai Emilia, federazione autotrasportatori per l’Emilia, a Villa Castellina, a Castellina di Soragna in provincia di Parma. Un traguardo importante, sottolineato anche dalla presenza all’evento del presidente della Fai nazionale, Paolo Uggè e del segretario generale Andrea Manfron che hanno accolto l’invito rivolto dal presidente di Fai Emilia, oltre che vicepresidente nazionale, Leonardo Lanzi. Continua a leggere

Fai Parma: “Chi è alla guida del Paese non sa neppure se sulle strade nevica o splende il sole?”

Ho visto diverse immagini registrate dalle telecamere poste sulla A1 nel tratto Parma – Firenze  che è stato chiuso da ieri sera alle 22 alle 12 di oggi senza apparente motivo, scoprendo, peraltro, come qualche ‘mezzo pesante’ abbia circolato ugualmente nonostante i divieti. Come imprenditore e rappresentante locale di associazione sono molto sensibile all’aspetto sicurezza: lo dimostrano i tanti corsi effettuati ai nostri autisti, anche mediante il contributo alla formazione del ministero alle Infrastrutture e ai trasporti, e l’organizzazione di un evento all’Autodromo di Varano (Parma) dal titolo ‘On The Road’ in cui il tema principale è stata appunto la sicurezza affrontata sotto vari aspetti. Continua a leggere

Parma offre una grande lezione: trasporto e committenza uniti per formare i nuovi lavoratori

Offrire agli studenti la possibilità di esercitarsi, a scuola e sul campo, nell’utilizzo di un software di gestione delle aziende di trasporto e logistica, migliorando la propria occupabilità e contribuendo a qualificare il settore. È quanto offre agli allievi della sezione Trasporti e logistica dell’Istituto tecnico Leonardo Da Vinci di Parma una nuova iniziativa nata dalla collaborazione tra Unione parmense industriali e Fai Conftrasporto, e che per la prima volta vede, nel settore dell’autotrasporto, collaborare insieme vettori e committenza allo scopo di raggiungere un obiettivo comune che coinvolge il mondo della scuola, con l’obiettivo comune di offrire nuove opportunità di occupazione ai giovani studenti in uscita dal percorso scolastico. Continua a leggere

DLS Logistics, un’impresa di autotrasporto da sola può fare molto, tre insieme molto di più…

Dicono che la matematica sia una scienza esatta perché consente, partendo da ipotesi ben definite, di dare una risposta a qualsiasi problema si affronti, di arrivare sempre allo stesso risultato, anche se ottenuto per vie diverse. Difficile dire se i titolari di tre note imprese di logistica e trasporti italiane, la Due Torri, la Lanzi Trasporti e la Sani Trasporti, abbiano utilizzato calcoli matematici per compiere l’operazione di sommare i propri servizi per moltiplicare l’offerta sul mercato internazionale:  certo, invece, è che il risultato finale è stato quello che si erano prefissati. Ovvero, elevare all’ennesima potenza i tre principali valori che fino ad allora ognuna delle tre aveva proposto singolarmente al mercato: efficienza, esperienza, competenza.  Continua a leggere

Medaglia d’oro per la Lanzi Trasporti, azienda capace di far “viaggiare” Parma nel futuro

auditorium paganini premio s.ilario – LANZI TRASPORTI © foto annarita melegari

“Siete tutti simboli di una Parma che ogni mattina alza la saracinesca e inizia la giornata col sorriso, i rappresentanti di chi ogni giorno fa il proprio mestiere con orgoglio, tenacia e umiltà. Rappresentate la Parma viva, attiva e operosa, pronta a farsi su le maniche e a lavorare con entusiasmo”. Con queste parole il sindaco di Parma  Federico Pizzarotti ha voluto salutare i protagonisti dell’edizione 2017 del Premio Sant’Ilario, la prestigiosa onorificenza assegnata dal Comune a persone, associazioni o aziende che con la propria attività abbiano in qualsiasi modo contribuito a rendere migliore la vita dei singoli e della comunità o ad elevare il prestigio della città. Continua a leggere

Controlli intelligenti per strada ma anche negli uffici: la sicurezza si garantisce così

lanziLa sicurezza stradale viaggia lungo percorsi diversi. Non necessariamente d’asfalto. Può (anzi deve) passare per esempio attraverso uffici e computer, dove (e grazie ai quali) controllare comportamenti amministrativi che possano far scattare un campanello d’allarme, far capire chi guida un’impresa di trasporto correttamente e chi no, chi può rappresentare un pericolo per se e per milioni di persone che viaggiano e chi questi pericoli fa di tutto, invece, per fermarli. Controlli amministrativi che, abbinati a controlli più ‘intelligenti’ lungo le strade potranno dare ottimi risultati. Parola di Leonardo Lanzi, presidente di Fai Conftrasporto Parma, città che ha saputo trasformare la sicurezza da un mare di belle parole (come avviene purtroppo in altre realtà) a una montagna di fatti concreti, grazie a  un percorso avviato in collaborazione con le forze dell’ordine del territorio, condividendo le strategie. Continua a leggere

Ti-Bre fermata dalla Regione Emilia Romagna, il ritardo infrastrutturale cresce

LEONARDO LANZINelle settimane scorse è scoppiata una discussione accesa provocata dalle dichiarazioni dell’assessore ai Trasporti, Infrastrutture e Pianificazione Territoriale della Regione Emilia Romagna, Raffaele Donini. Il motivo è il nuovo piano regionale delle infrastrutture che non prevede più la realizzazione della Ti-Bre (Tirreno – Brennero), opera ritenuta strategica da tutti i precedenti Governi (di centro-sinistra, di centro-destra e ‘tecnici’) per il collegamento tra l’Alto Tirreno e il Brennero attraverso l’Emilia, la Lombardia e il Veneto. L’opera autostradale prevede il proseguimento dell’attuale tracciato dell’autostrada A15 La Spezia-Parma fino a Nogarole Rocca con un percorso di circa 85 chilometri, in gran parte in Lombardia. Continua a leggere

Lanzi trasporti & logistica, la storia di un trasporto merci in viaggio da 60 anni

Lanzi 1Una famiglia, un’azienda, una storia da raccontare. Un lungo viaggio, iniziato sessanta anni fa e percorso su strade e autostrade, a trasportare merci, a consegnare prodotti su e giù per l’Italia. E poi i traslochi, i treni, altri capitoli da raccontare e nuove idee ancora da scrivere. Tutto iniziò un martedì, il 10 maggio del 1955, quando un intraprendente ragazzo, Egidio Lanzi, decise di lasciarsi alle spalle la vita dei campi per cercare una nuova strada. Un anno prima, il giovane Egidio era tornato dal servizio militare con un libretto che per lui rappresentava una grande opportunità: la patente C. In quel periodo nelle campagne emiliane si parlava di un’opera che avrebbe cambiato l’Italia: la costruzione dell’Autostrada del Sole. Su quella linea d’asfalto sarebbero transitate auto, ma anche camion. Egidio Lanzi decise che quella sarebbe stata la sua strada. Continua a leggere

Trasporto intermodale, l’Emilia Romagna accelera stanziando 2,4 milioni di euro

La Regione Emilia Romagna ha deciso di incentivare il trasporto intermodale con origine o destinazione in ambito regionale mettendo a disposizione un contributo di 2,4 milioni di euro in tre anni per trasporti ferroviari o fluvio-marittimi di nuova iniziativa che trasferiscano le merci dalla modalità stradale, con l’obiettivo di ridurre l’inquinamento prodotto dagli automezzi pesanti, la congestione e lo sfruttamento delle infrastrutture viarie, diminuendo così anche il rischio d’incidenti. “Una decisione ancor più apprezzabile se letta alla luce delle ristrettezze economiche, a testimonianza di una sensibilità verso uno sviluppo logistico orientato alla sostenibilità in una regione che è forte crocevia di molti flussi merceologici, anche di solo passaggio”, ha commentato il presidente della Fai dell’Emilia Romagna Leonardo Lanzi. Continua a leggere