L’autotrasporto chiede solo di mantenere gli impegni. Perché al Governo nessuno risponde?

Senza confronto si fa poca strada e perfino chi ha dimostrato il miglior spirito costruttivo e la più totale disponibilità al dialogo di fronte all’assenza di qualsiasi risposta rischia di arrendersi. A oltre un mese e mezzo di distanza dall’insediamento del nuovo Governo la richiesta di un incontro avanzata al dicastero delle Infrastrutture e dei trasporti da Unatras, che coordina in modo unitario le imprese del mondo artigiano (Fita – Cna, Confartigianato, Casartigiani) e delle piccole, medie e grandi imprese (Assotir, Fai, Fiap e Unitai), non ha avuto alcun seguito e in assenza di qualsiasi convocazione ora anche il mondo della cooperazione sembra condividere le posizioni di Unatras. Continua a leggere

700 milioni per l’autotrasporto, Giachino convoca le associazioni

Il sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino (nella foto), ha convocato le associazioni dell’autotrasporto mercoledì 16 marzo per definire le modalità di impiego dei 700 milioni di euro previsti dalla Finanziaria 2011 per il settore. Martedì pomeriggio si riunirà invece l’Osservatorio sui costi minimi di sicurezza. Lo ha reso noto all’Ansa lo stesso Giachino. Continua a leggere

Trovato l’accordo, revocato
lo sciopero dei Tir in Sicilia

L’Aias, Associazione imprese autotrasportatori siciliani, ha revocato il fermo dei servizi del trasporto nell’isola, proclamato per le giornate dal 14 al 19 febbraio 2011. La decisione è avvenuta dopo un incontro durato più di quattro ore convocato dal sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino, e condotto con l’assessore regionale Pier Carmelo Russo, svoltosi nella sede dell’assessorato regionale alle Infrastrutture e Mobilità di Palermo. Continua a leggere

Contratto, parlano i sindacati:
Impossibile firmare, si sciopera

È un accordo a metà quello raggiunto oggi tra le organizzazioni sindacali e i rappresentanti delle imprese relativamente al contratto collettivo di logistica, trasporto merci e spedizioni. L’accordo è infatti stato firmato da Confetra, Fedit, Fedespedi, Assologistica e Centrali Cooperative, mentre non è stato trovato tra i sindacati e le associazioni datoriali dell’autotrasporto: Conftrasporto, Anita, Fita Cna e Confartigianato. “Confermando quanto già avanzato nel corso delle trattative tenutesi a novembre”, scrivono in una nota Filt Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti, “dopo innumerevoli ristrette limitate all’autotrasporto, hanno avanzato una proposta talmente lontana dalle nostre richieste che non ci ha lasciato margine di trattativa”. Continua a leggere

Chieti, i camionisti protestano davanti all’autoporto di San Salvo

Denunciare ”gravi ritardi ed evidenti distorsioni che contraddistinguono la condizione delle grandi infrastrutture per l’autotrasporto abruzzese” è l’obiettivo della manifestazione organizzata dalla Fita-Cna domani 6 novembre, alle 10, davanti all’autoporto di San Salvo lungo la statale 16 Adriatica, all’altezza dei chilometri 508 e 509. ”L’incompiuta vastese”, afferma la Cna, “diventa simbolo della protesta del mondo dell’autotrasporto regionale, che sollecita le istituzioni a dare seguito all’apertura di strutture ormai pronte, ma nonostante ciò ancora indisponibili per l’utenza”. Continua a leggere

Giachino: cancelliamo le imprese
di trasporto che non hanno camion

“Faremo pulizia ed entro la fine dell’anno, in collaborazione con le Province, cancelleremo dall’albo dell’autotrasporto le società che non hanno neanche un veicolo”. Ad affermarlo, sulle pagine del quotidiano La Repubblica di venerdì 15ottobre, è Bartolomeo Giachino, sottosegretario ai Trasporti, intervistato nell’ambito di un’ampia inchiesta nella quale si mettono il risalto “il subappalto del subappalto e il ribasso selvaggio dei prezzi, due tra i connotati più forti del far-west nell’autotrasporto, e l’infiltrazione della criminalità organizzata nell’autotrasporto che si è mimetizzata meglio che in altri settori”. Continua a leggere

L’autotrasportatore, un uomo
che porta un camion sulle spalle

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=YsQMvI2Xhxk[/youtube]
In attesa della realizzazione del monumento del camionista previsto a Grisignano, per ricordare i caduti sulla strada del trasporto pesante, a Bologna, sulla rotonda di Borgo Panigale, è stato da poco inaugurato dalla Fita-Cna felsinea e dal Comune un monumento che rende omaggio al lavoro degli autotrasportatori. Si tratta di un’installazione alta circa 10 metri dell’artista Andrea Capucci che raffigura un uomo che porta sulle spalle un camion vero e proprio.

Modena e Gradara, tre camionisti investiti e uccisi sull’autostrada

Storie tragiche di camionisti, storie di sangue e di morti per certi versi inspiegabili. Camionisti travolti e uccisi, lungo la corsia sud dell’autostrada A14, nel tratto all’altezza di Gradara, in provincia di Pesaro-Urbino. Le vittime sono due autotrasportatori di Lecce, che viaggiavano sullo stesso Tir, travolti da due auto. Un terzo camionista è stato investito sulla A1 poche ore più tardi, vicino a Modena. Continua a leggere

Diritto ed economia, cresce l’importanza dell’autotrasporto

L’accresciuta importanza dell’autotrasporto di merci per conto terzi nel mondo del diritto e dell’economia. È questo il titolo di un convegno organizzato dall’Università degli Studi di Verona, dal Comitato centrale dell’albo degli autotrasportatori e dall’Accademia europea dei trasporti e della logistica che si è svolto venerdì a Verona. Un convegno che ha richiamato nell’aula magna dell’Università numerosi addetti ai lavori, esponenti del mondo accademico e anche un buon numero di studenti. Tra le personalità del mondo associativo dell’autotrasporto spiccava la presenza di Angiolina Mignolli, vicepresidente nazionale di Fita Cna, di Antonio Petrogalli, presidente del consiglio nazionale di Fai e di Francesco Corsi, consigliere nazionale di Anita. Continua a leggere

L’ex ministro ai Trasporti spese 15 milioni per 20 pagine di progetto

Ho potuto leggere, non senza stupore, le affermazioni dell’ex ministro dei trasporti Alessandro Bianchi. Ognuno è libero di trovare ogni giustificazione, anche la più fantasiosa possibile, per coprire i propri eventuali  insuccessi, ma mi pare che i ricordi dell’ex titolare del dicastero dei trasporti siano confusi e ricadano in una sorta di vittimismo che porta molti a vedere complotti politici che non esistono. Roba da vetero  comunismo. Continua a leggere