Francia “vietata” ai tir stranieri per garantire il lavoro alle proprie imprese? L’Italia la segua…

Sospendere su tutto il territorio francese il cabotaggio stradale per sei mesi: una manovra che gli autotrasportatori francesi hanno chiesto per fronteggiare la situazione d’emergenza provocata dalla pandemia di Coronavirus, presentando una precisa richiesta in tal senso nei giorni scorsi al ministro dei trasporti, Jean-Baptiste Djebbari. Una strada che dovrebbe seguire anche il mondo dell’autotrasporto italiano, presentando un’analoga richiesta al ministro alle Infrastrutture e ai trasporti Paola De Micheli. Continua a leggere

L’autotrasporto chiede solo di mantenere gli impegni. Perché al Governo nessuno risponde?

Senza confronto si fa poca strada e perfino chi ha dimostrato il miglior spirito costruttivo e la più totale disponibilità al dialogo di fronte all’assenza di qualsiasi risposta rischia di arrendersi. A oltre un mese e mezzo di distanza dall’insediamento del nuovo Governo la richiesta di un incontro avanzata al dicastero delle Infrastrutture e dei trasporti da Unatras, che coordina in modo unitario le imprese del mondo artigiano (Fita – Cna, Confartigianato, Casartigiani) e delle piccole, medie e grandi imprese (Assotir, Fai, Fiap e Unitai), non ha avuto alcun seguito e in assenza di qualsiasi convocazione ora anche il mondo della cooperazione sembra condividere le posizioni di Unatras. Continua a leggere

Export italiano a rischio se il Governo non farà cancellare i divieti ai Tir al Brennero

Le limitazioni al transito dei tir lungo la direttrice del Brennero imposte dall’Austria  danneggiano non solo l’autotrasporto ma tutto l’export italiano. A denunciarlo è il coordinamento unitario delle associazioni italiane dell’autotrasporto (Confartigianato Trasporti, Fai, CnaFita, Assotir, Fiap, SnaCasa, Unitai) che ha chiesto al Governo italiano di reagire con decisione in tutte le sedi per tutelare le imprese italiane contrastando le barriere unilaterali imposte dall’Austria alla circolazione nell’arco alpino. Continua a leggere

Super ammortamento cancellato per i camion? Con una sola manovra il Governo delude tutti

La bontà di una decisione può essere giudicata dal numero di condivisioni o contestazioni che quella stessa scelta provoca? Spesso sì. Se è contestata da quattro gatti non c’è certo troppo da preoccuparsi, ma se l’insurrezione è generale meglio farsi un bell’esame di coscienza. A giudicare dalla “rivolta” che ha scatenato la semplice eventualità che non venga  rinnovato il  super ammortamento per i veicoli industriali nella Legge di Stabilità 2018 c’è da ritenere che il Governo una riflessione la faccia in fretta e furia. Già, perché a “rivoltarsi” contro questa possibilità è l’intero mondo del trasporto Continua a leggere

Autotrasporto, brusca frenata nelle trattative per il rinnovo del contratto di lavoro nazionale

C’erano i rappresentanti di tutte le principali associazioni del mondo dell’autotrasporto (Anita, Assotir, Claai, Cna Fita, Confartigianato trasporti, Fai, Federlogistica, Fedit, Federtraslochi, Fiap, Sna Casartigiani e Unitai, oltre ai sindacalisti di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti) seduti al tavolo delle trattative per il rinnovo del contratto nazionale del lavoro. E tutti insieme, hanno deciso di alzarsi da quel tavolo per interrompere il negoziato, che pure fino a oggi, come si legge in un breve comunicato stampa aveva “registrato numerosi punti di condivisione su tematiche importanti per imprese e lavoratori”. Continua a leggere

Tir vola dal viadotto sulla Catania-Palermo, muore schiacciato un autista di soli 22 anni

 Un autista di soli 22 anni, è morto schiacciato all’interno della cabina del proprio Tir uscito di strada e precipitato dal cavalcavia “Simeto”, sulla Catania-Palermo. A dare l’allarme è stato un automobilista di passaggio che poco prima delle 9 ha telefonato alla Sala operativa del Comando provinciale dei vigili del fuoco di Catania. Per il giovanissimo autista, ennesima vittima di incidenti sulle strade siciliane, non c’era più nulla da fare: è rimasto schiacciato all’interno della cabina che due squadre dei pompieri, hanno iniziato a recuperare con l’aiuto di due autogru.   Continua a leggere

Pedaggio della tangenziale di Como, camionisti pronti a bloccare la bretella

COLATO-1Camionisti pronti a bloccare la tangenziale di Como se verrà confermato il pedaggio a 60 centesimi. A dirlo è il presidente provinciale della Fai (Federazione autotrasportatori italiani) Giorgio Colato. “Gli amministratori stanno invitando a non utilizzare la tangenziale di Como per evitare il pedaggio, ma io voglio dire ai sindaci di mettersi la fascia tricolore e di andare in tangenziale a fermare il traffico, gli autotrasportatori saranno al loro fianco con i loro mezzi”. Continua a leggere

L’autotrasporto si dà appuntamento a Brescia per capire se può ripartire unito

Riduzione dei rimborsi delle accise, costi minimi, tagli delle risorse, lotta al cabotaggio abusivo, il fenomeno dell’esterovestizione: tutti temi caldi dell’autotrasporto che saranno trattati domenica 16 novembre nel corso dell’assembra generale degli autotrasportatori organizzata dalla Fai di Brescia. Un appuntamento importantissimo, nel quale verranno festeggiati i 30 anni di presidenza di Antonio Petrogalli, il presidente uscente di Fai Brescia che assumerà l’incarico di past president. Continua a leggere

Squinzi: “Il Governo deve aprire nuove vie per razionalizzare trasporto e logistica”

“Il governo deve fare scelte ampie, coraggiose e certo difficili, non piccoli aggiustamenti dell’esistente, per uscire da una situazione che tutti conosciamo e deve contribuire, insieme a tutte le realtà coinvolte, a realizzare un’efficiente, equilibrata e razionale filiera del trasporto stradale e della logistica”. Ad affermarlo è stato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che intervenendo a Roma all’evento organizzato in occasione del 70° compleanno di Anita, l’associazione nazionale dell’autotrasporto, ha ricordato come il patto sottoscritto a ottobre a Fiuggi dai responsabili delle principali associazioni di autotrasporto, Anita, Confartigianato Trasporti, Legacoop, Confcooperative, Fai, Fedit, Fiap, Sna Casartigiani, Unitai, per delineare le linee di intervento per l’autotrasporto, contenga “indicazioni positive interessanti, rispetto alle quali registriamo un importante consonanza con le proposte già avanzate da Confindustria e non solo”.  Continua a leggere

Il futuro dell’autotrasporto passa da Parma con l’assemblea nazionale della Fai

Tre giorni per analizzare quanto ha realmente fatto la politica per il mondo dell’autotrasporto e quanto potrà realisticamente fare: per capire quale futuro vedono gli addetti ai lavori, ma anche che rapporto hanno le imprese di autotrasporto e i loro dipendenti con le associazioni di categoria che li rappresentano. E, ancora, tre giorni per decidere chi sarà, nei prossimi anni, a guidare gli associati Fai, con l’elezione del nuovo consiglio nazionale. Tutto questo rappresenta la  21ª assemblea congressuale della Fai, la Federazione italiana autotrasportatori, in programma da venerdì 13 a domenica 15 giugno al Grand’Hotel de la Ville di Parma. Un appuntamento caratterizzato da una scelta di fondo: tracciare il bilancio della situazione dell’autotrasporto guardandolo dall’interno, mettendo al centro del dibattito  proprio il lavoro, come lo vivono quotidianamente gli autotrasportatori.

Continua a leggere

Campus Truck, tracciata la strada per diventare manager dell’autotrasporto

Dirigenti preparati, in grado di guidare le aziende nel migliore dei modi. Il manager per l’autotrasporto è quello che vuole creare Campus Truck, un progetto realizzato da Sinergie & Servizi, la nuova realtà creata da Fai e Fai Service per ottimizzare la diffusione dei servizi per l’autotrasporto sul territorio. Campus Truck nasce per formare una nuova figura professionale nell’ambito dell’autotrasporto e della logistica, il “Truck Innovation Manager”, un professionista in grado di guidare le aziende nella razionalizzazione dei processi organizzativi interni e nello sviluppo di progetti di innovazione volti a migliorare la competitività e la produttività dell’impresa stessa. Continua a leggere

50 anni di storia dell’autotrasporto. E alla festa Fai c’è la “camionista” Santanché

Un viaggio nel passato, per capire meglio il presente e per prepararsi ad affrontare nel migliore dei modi un futuro sempre più difficile. È questo il percorso che la Fai, Federazione autotrasportatori italiana (la più grande associazione imprenditoriale del settore trasporto merci per conto di terzi su strada in Italia, con  oltre 25mila aziende iscritte per circa  100mila veicoli e più di 50 associazioni  territoriali di rappresentanza) si appresta a compiere, il 15 e 16 giugno, a Montecatini Terme dove la federazione è nata 50 anni fa  e dove si appresta a tornare per celebrare un compleanno storico. Un evento durante il quale verranno ripercorse le tappe più importanti della storia delle federazione e dell’autotrasporto,  ma che rappresenta anche l’occasione per analizzare la situazione attuale, dopo sei lunghissimi anni passati a inseguire una crisi economica senza fine, e  per valutare le prospettive. Continua a leggere

Pisapia, 3 in pagella. La Fai lo boccia sul carico e scarico merci a Milano

L’Area C di Milano torna sul banco degli imputati. E con lei ci finiscono tutte le politiche della mobilità della giunta guidata da Giuliano Pisapia. Angelo Sirtori, presidente milanese della Fai, in un’intervista rilasciata all’edizione di Milano de Il Giorno mette in evidenza le pecche: “Abbiamo digerito la congestion charge”, dice Sirtori, “anche se ci costringe a pagare per lavorare, perché comprendiamo che la città è di tutti e a ognuno spetta una parte di sacrificio nell’interesse collettivo. In cambio, però, abbiamo ricevuto solo chiacchiere”. Continua a leggere

“Sempre più camionisti in crisi prendono la strada del gioco d’azzardo”

Tra  le centinaia di migliaia di italiani “ammalati” di gioco d’azzardo (secondo recenti stime il gioco è una patologia che ha colpito un milione di italiani ma per i responsabili dell’Organizzazione mondiale della sanità le persone a rischio nel nostro Paese sono oltre due milioni), ci sono sempre più spesso anche i camionisti, che  con frequenza sempre maggiore  utilizzano la pausa di riposo  prevista dalle normative vigenti per tentare la fortuna. Un fenomeno spiegabile  anche col fatto che la categoria dei trasportatori è stata duramente colpita dalla crisi economica, crisi che ha spinto moltissime persone, camionisti compresi,  a giocare, a vedere nella scommessa l’unica speranza di cambiamento della propria vita”.  Ad affermarlo è Giorgio Colato (nella foto) che oltre a sedere nel consiglio nazionale della Fai, la federazione degli autotrasportatori italiani, è anche componente del consiglio d’amministrazione del Casinò di Campione d’Italia. Continua a leggere

Difendiamo i trasportatori in difficoltà. Sarà il miglior modo per ricordare Massimo

“La prematura e inaspettata morte dell’amico e collega Massimo Dolciami, presidente dell’Unitai trovato carbonizzato vicino alla sua auto, ci obbliga a molte riflessioni. E, soprattutto, obbliga a riflettere  chi ha accettato la responsabilità e l’impegno di migliorare le condizioni della categoria,  a qualsiasi associazione si appartenga”. Ad affermarlo, in una lettera aperta inviata a Stradafacendo, è Claudio Fraconti, vicepresidente della Fai, la federazione autotrasportatori italiani, che sottolinea anche la  prima riflessione che occorre fare: “L’emozione per la scomparsa di Massimo Dolciami e il ricordo delle tante battaglie di cui è stato protagonista devono essere di stimolo per un rinnovato impegno per mutare le condizioni a volte diventate proibitive di fare impresa in Italia.

Continua a leggere