Ecobonus, la piattaforma va on line ma non è possibile inserire la prenotazione per l’incentivo

Ecobonus.mise.gov.it: è qui che si potrà navigare  per prenotare l’incentivo Ecobonus, la misura promossa del ministero dello Sviluppo economico che prevede contributi per l’acquisto di veicoli a ridotte emissioni, così come previsto dalla legge di Bilancio 2019. Una piattaforma attiva dal1° marzo ma che per i primi tempi non permetterà di inserire l ordine e prenotare l incentivo. Continua a leggere

Fermo dei Tir in Sicilia, il no della Fai. Agrillo: “È una protesta strumentale”

“Fai Sicilia non parteciperà al fermo di cinque giorni a partire dal 28 luglio proclamato da alcune associazioni di categoria in Sicilia. Non è infatti vero che il governo non ha mantenuto i patti, l’ecobonus, seppur con notevole ritardo, è stato corrisposto alle aziende virtuose”. Lo dichiara Giovanni Agrillo, presidente regionale della Federazione Autotrasportatori Italiani. “Sorge quindi il dubbio”, prosegue il presidente di Fai Sicilia, “che la protesta sia strumentale, organizzata ad hoc per tutelare imprenditori che non hanno ricevuto il contributo perché ritenuti irregolari secondo normativa vigente”. Continua a leggere

Ecobonus, via libera ai finanziamenti attesi dagli autotrasportatori dal 2010

Il caso del mancato pagamento  dell’Ecobonus 2010 agli autotrasportatori sembra essere stato risolto. Nel corso dell’incontro avvenuto a Roma fra i rappresentanti delle associazioni dell’autotrasporto, il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi e il sottosegretario De Caro, durante il quale sono stati affrontati tutti i temi più scottanti che riguardano il settore, i rappresentanti del governo hanno infatti annunciato che  il provvedimento è stato firmato e inviato alla Corte dei conti per la registrazione, garantendo così lo sblocco dei fondi e il pagamento di quanto dovuto alle impese di autotrasporto che hanno utilizzato le “autostrade del mare”. Continua a leggere

Ecobonus, se il Governo non manterrà i patti sarà sciopero dell’autotrasporto

“Il governo avrebbe dovuto assolvere al pagamento del contributo sulle autostrade del mare molto tempo prima e questo è già un segno di grave disattenzione. La convocazione del tavolo previsto per domani è stata sufficiente a sospendere il fermo, ma attendiamo risposte risolutive sulla questione. Pretenderemo che  gli autotrasportatori, soprattutto quelli siciliani, ottengano quanto da loro atteso da oltre quattro anni”. Continua a leggere

Sciopero dei Tir in Sicilia dal 24 al 28 marzo: “Subito le risorse dell’Ecobonus”

Camion fermi per cinque giorni in Sicilia. Le associazioni di categoria territoriali hanno infatti confermato il “fermo dei servizi di autotrasporto in Sicilia dalle ore 00.00 del 24 marzo 2014 alle 24.00 del 28 marzo 2014”, si legge in una nota. “La mancata erogazione delle risorse relative all’Ecobonus 2010/2011 impone un’azione di protesta ferma e decisa”.  Continua a leggere

Il ministro Lupi: “Il Governo restituirà i 49 milioni di euro tagliati all’autotrasporto”

“Comprendo l’allarme lanciato da Paolo Uggè per l’annunciato decurtamento del fondo per l’autotrasporto, già ieri ho affrontato il problema in Consiglio dei ministri, i soldi dati all’autotrasporto verranno prontamente reintegrati”. Ad affermarlo è il ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi, in risposta alla durissima denuncia fatta dal presidente di Fai Conftrasporto dopo aver saputo che, nel silenzio generale, la ragioneria dello Stato aveva deciso di cancellare 19 milioni di euro dei 330 stanziati per la categoria (definiti nel protocollo d’intesa con cui, nel novembre scorso, il Governo Letta aveva evitato in extremis un clamoroso sciopero nazionale dei tir) oltre a 30 milioni  destinati a finanziare il pagamento dell’Ecobonus che gli autotrasportatori siciliani attendono ormai da quattro anni. Continua a leggere

I trasportatori siciliani falliscono e intanto il governo perde per strada gli aiuti

“Gli autotrasportatori combattono per non fallire mentre il governo prende ancora tempo sull’erogazione dell’Ecobonus 2010, somme dovute che in questo momento di estrema crisi scongiurerebbero la perdita di centinaia di posti di lavoro. Non possiamo attendere oltre, il ministro Maurizio Lupi e il sottosegretario Rocco Girlanda spingano il piede sull’acceleratore e procedano ai pagamenti”. Lo dichiara il presidente della Fai Sicilia, Giovanni Agrillo in una nota. Continua a leggere

Ecobonus prorogato per i camion che viaggiano lungo le autostrade del mare

La Commissione europea ha autorizzato l’erogazione dell’Ecobonus, incentivo dato agli autotrasportatori per favorire il trasferimento delle merci dalla strada al mare. “L’autorizzazione a erogare gli incentivi riveste notevole importanza per il settore dell’autotrasporto e accresce il valore e l’attendibilità del sistema di aiuti per il trasferimento dei mezzi pesanti dalla strada al mare”, ha commentato Eleuterio Arcese presidente di Anita, l’associazione italiana che rappresenta le più grandi imprese di autotrasporto in Italia ed Europa, ” e  questa è una conclusione che soddisfa le aspettative del settore”. Continua a leggere

Ecobonus per i tir che viaggiano via mare: “Vietato alimentare facili speranze”

“Ho presentato un ordine del giorno per impegnare il governo a intervenire nei riguardi della Commissione Ue al fine di sbloccare le risorse. L’Ecobonus è ancora al vaglio della Commissione europea che ha aperto un’inchiesta. Rilasciare dichiarazioni su un possibile via libera di Bruxelles, a oggi, oltre a essere prematuro, potrebbe rivelarsi pericoloso per la buona riuscita di una battaglia che mi vede impegnato in prima linea accanto alle associazioni di categoria”. Con queste parole  Vincenzo Gibiino, parlamentare del Pdl, ha commentato le dichiarazioni dei rappresentanti di Anita su un probabile sblocco da parte dell’Ue delle risorse per le autostrade del mare.  Continua a leggere

L’Ecobonus per il trasporto è illecito? L’Europa è pronta a bloccare l’erogazione

“Cari amici, colleghi e soci, mi sento di esternarvi il mio stato di quasi lutto in quanto ritengo sia stata uccisa la nostra passione professionale. Quello che oggi mi è stato comunicato in merito all’apertura di un’indagine formale sull’Ecobonus da parte della Commissione europea, potrebbe presto corrispondere alla morte di tante aziende e di tante famiglie che con sacrificio e dedizione hanno operato in Sicilia per servire committenti avari e disinteressati al nostro futuro”. Si apre con queste tristissime parole la lettera che Giovanni Agrillo, presidente regionale della Fai Sicilia ha scritto ai propri associati dopo aver appreso la notizia che  la Commissione europea considera aiuto di Stato il contributo per il trasporto combinato strada-mare relativo agli anni 2010 e 2011. e che dunque  l’ecobonus rischia di essere cancellato perché considerato illecito.  Continua a leggere